lunedì, 27 Settembre 2021

Scegliere i pannelli fotovoltaici, 10 ragioni per preferire l’energia solare

Scegliere il fotovoltaico conviene al portafoglio, alla salute e all'ambiente: tutte le ragioni per dare una svolta green alla fornitura dell'energia elettrica di casa.

Enrica Vigliano
Enrica Vigliano, romana per adozione. Lavora nel mondo dell’arte e della comunicazione di eventi, dopo gli studi di Archeologia e di Business dei beni culturali. Adora parimenti la matematica e la grammatica, avendo una predilezione per le parole crociate e per la vita all’aperto.

Le principali ragioni per cui si è indotti a scegliere i pannelli fotovoltaici sono la prospettiva dell’autosufficienza energetica, il risparmio economico, e la sostenibilità ambientale.

Tuttavia i benefici di tale scelta non si fermano qui! Il solare è l’energia del futuro, derivante da una fonte sana e pressoché inesauribile, che solo di recente l’uomo è riuscito a sfruttare adeguatamente a suo vantaggio.

Scegliere i pannelli fotovoltaici riduce o elimina le bollette

Questa è sostanzialmente la prima motivazione cui si fa riferimento quando si sceglie di installare un impianto a pannelli fotovoltaici. L’energia elettrica costa cara, soprattutto se è importata o se deriva da fonti non rinnovabili.

La bolletta della luce incide nettamente sul bilancio mensile familiare e l’idea di poter destinare quei risparmi a qualcosa di più attraente ed entusiasmante che non l’accensione delle lampadine di casa fa gola a molti.

E anche se l’impianto dovesse essere solo parziale, non coprendo cioè tutto il fabbisogno energetico richiesto dal nucleo familiare, riduce nettamente il costo dell’energia elettrica. 50 euro di risparmio in bolletta al mese corrispondono a 600 euro annui, il che significa che in 20 anni di funzionamento dell’impianto la spesa per la corrente sarà decurtata di 12.000 euro! Un bell’affare se calcolato con la giusta prospettiva!

Scegliere i pannelli fotovoltaici genera ROI

Mai sentito parlare del Return On Investment? Usato soprattutto in economia e nel marketing, è un indice che indica quanto un investimento in una determinata attività sia redditivo ed efficiente.

Scegliere i pannelli fotovoltaici è uno dei migliori investimenti che si possano fare in termini di ROI. Esattamente come un investimento finanziario, l’impianto fotovoltaico gode sia di sovvenzioni statali che ne abbattono il costo di realizzazione, sia di un veloce assorbimento della spesa iniziale.

Quindi, dopo il periodo in cui si recupereranno i costi di installazione, i pannelli fotovoltaici cominceranno a “fruttare”, perché i risparmi destinati precedentemente alla spesa elettrica potranno essere investiti e usati in modo diverso e più proficuo.

Scegliere i pannelli fotovoltaici mette al sicuro dalle oscillazioni del mercato dell’energia elettrica

Da qualche anno a questa parte il mercato dell’energia elettrica ha conosciuto importanti fluttuazioni responsabili dei rincari in bolletta. La scomparsa del mercato tutelato e l’affermazione del mercato libero hanno reso la scelta della fornitura elettrica un vero e proprio terno al lotto per individuare quale compagnia sia più affidabile nei confronti della propria necessità.

Con i pannelli fotovoltaici e i relativi impianti di accumulo questo problema scompare del tutto, poiché l’energia viene fornita direttamente dal sole ed è prodotta in loco, senza doverne preventivare i costi di trasporto.

Scegliere i pannelli fotovoltaici aumenta il valore della propria abitazione

Negli ultimi anni la svolta green ha portato all’installazione dei pannelli fotovoltaici in tutti i fabbricati di nuova edificazione, proprio a causa della convenienza dello sfruttamento dell’energia solare.

Dotare la propria abitazione, villa o struttura di un impianto fotovoltaico, qualora ne fossero sprovviste, aumenta economicamente anche il valore della casa.

La classe energetica degli edifici, che determina un’appetibilità maggiore dell’immobile, viene infatti calcolata anche attraverso la valutazione degli impianti di approvvigionamento dell’energia elettrica e termica.

Scegliere i pannelli fotovoltaici rispetta l’ambiente

energia solare pulita

Minimizzare l’impronta energetica dei consumi è una delle priorità assolute della nostra epoca: entro il 2030 lo sfruttamento di energie non rinnovabili dovrà essere soppiantato da fonti ecosostenibili in modo da non andare incontro a una sicura catastrofe ambientale.

Ridurre le emissioni di anidride carbonica ed eliminare i problemi legati ai cambiamenti climatici è di vitale importanza e tutti sono chiamati a contribuire in quella che è una vera e propria sfida per la sopravvivenza.

Secondo le più recenti stime, una famiglia di due persone con una piccola proprietà immobile produce fino a 20 metri cubi di anidride carbonica ogni anno. Con i pannelli solari queste nocive emissioni possono essere drasticamente ridotte fino a un quinto, perché l’energia prodotta dal sole non comporta alcuna produzione di CO2 di scarto.

Scegliere i pannelli fotovoltaici significa dare impulso alla ricerca

La domanda sempre più forte di approvvigionamento di energia elettrica tramite risorse green stimola diversi settori del mercato, tra cui quello imprescindibile della ricerca.

Nuovi materiali e tecnologie sono studiate e analizzate per trovare soluzioni che possano portare a una produzione al 100% pulita. Questo è il motivo per cui sono condotti innumerevoli studi sulle celle fotovoltaiche e su come aumentarne il loro rendimento, attraverso l’impiego di sostanze presenti in natura, come ad esempio il peperoncino.

Scegliere i pannelli fotovoltaici crea lavoro

L’industria dei pannelli solari necessita di figure professionali via via più specifiche e qualificate. La sua crescita esponenziale negli ultimi anni esige di formare sempre più persone in grado di far fronte alle richieste del mercato: ingegneri, tecnici, operai, installatori, fornitori sono solo alcuni dei ruoli in cui è possibile trovare un posto di lavoro nell’ambito del fotovoltaico.

Senza considerare che con gli incentivi statali ed europei lavorare nel settore dell’energia rinnovabile significa godere anche di maggiori opportunità e stipendi più alti.

Scegliere i pannelli fotovoltaici necessita poca manutenzione

Nonostante alcune operazioni di pulizia e manutenzione siano utili per tenere il proprio impianto fotovoltaico a regime e in efficienza, i pannelli solari non richiedono una particolare attenzione.

Se correttamente installati, lontano da alberi e foglie, con la giusta inclinazione rispetto ai raggi solari ma opportunamente esposti in modo che non vengano aggrediti dalle precipitazioni, i pannelli promettono una resa ottimale per oltre 20 anni.

Scegliere i pannelli fotovoltaici conviene

Grazie al Superbonus 100% installare un impianto fotovoltaico non è mai stato tanto conveniente! Approfittando delle agevolazioni previste nel Decreto Rilancio e del Bonus Fotovoltaico, i lavori di posa e i materiali possono essere detratti dalle tasse con soluzioni diverse e vantaggiose per l’utente.

Scegliere i pannelli fotovoltaici è il futuro

La strada per il futuro dell’energia è lastricato da pannelli solari: basti pensare alla mobilità elettrica, alla sua diffusione in una manciata di anni, agli scenari che prospettano le tecnologie basate sul sole.

Dalle power bank alle auto elettriche, dai segnali luminosi ai motori dell’industria, il fotovoltaico diventerà presto una scelta “obbligata” per essere al passo con l’innovazione e l’ecosostenibilità.

Enrica Vigliano
Enrica Vigliano, romana per adozione. Lavora nel mondo dell’arte e della comunicazione di eventi, dopo gli studi di Archeologia e di Business dei beni culturali. Adora parimenti la matematica e la grammatica, avendo una predilezione per le parole crociate e per la vita all’aperto.

Correlati

Stella Vita ed Emilia 4, la rivoluzione della mobilità solare

Sembra l’auto di un film di fantascienza o di un cartone animato della Pixar,...

21 settembre 2021, Giornata Mondiale Zero Emissioni: ecco cosa fare per salvare la Terra

Oggi, martedì 21 settembre, è la Giornata Mondiale Zero Emissioni, nota come ZeDay: lanciata...

Rapporto Coldiretti, l’estate anomala figlia del cambiamento climatico: la più calda dal 1800 con 1283 nubifragi

Secondo Coldiretti l'effetto dei cambiamenti climatici con l’alternarsi di siccità e alluvioni ha fatto perdere al nostro paese oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra cali della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne con allagamenti, frane e smottamenti.