giovedì, Dicembre 1, 2022

People pleasing: 7 segnali per riconoscerlo

L'ossessione di piacere e di prostrarsi sempre ai voleri dell'altro si chiama People pleasing. Ecco 7 segnali per capire se soffri di questo comportamento.

Melissa Matiddi
Esperta in comunicazione e digital marketing, studia lo yoga e le discipline orientali. Ama creare, leggere e viaggiare. Silenziosa ma rumorosa, è sempre pronta a varcare nuovi orizzonti.

Con People pleasing si intende l’ossessione di piacere e di soddisfare i bisogni dell’altro. Questo termine indica il comportamento di chi asseconda e accontenta le necessità degli altri per essere accettato socialmente.

Questa tendenza rappresenta una vera e propria forma di malessere psicologico. Non si tratta solo di compiacere chi ci sta intorno, ma di annullare completamente la propria natura per ottenere l’approvazione dell’ambiente esterno.

Questa attitudine impone l’impossibilità, per il soggetto che ne soffre, di deludere le aspettative degli altri.

People pleasing: che cos’è

Il People pleasing è una condizione che si manifesta con il bisogno di assecondare gli altri. L’individuo che ne è affetto vive con la speranza di essere apprezzato e accettato dal mondo.

Pur di ottenere riconoscimenti esterni, il soggetto è disposto ad accogliere incarichi, proposte o situazioni che non è in grado di soddisfare e gestire.

L’impossibilità a dire no e a porre dei limiti lo conducono in un circolo vizioso che impatta negativamente a livello fisico, emotivo e psicologico sul soggetto.

Anche se potrebbe sembrare una persona molto altruista e generosa, il People pleaser presenta dei comportamenti che sacrificano sempre e solo se stesso e mai gli altri. Pur non essendo riconosciuta come malattia, può avere degli effetti devastanti sulla persona che preferisce annientare la propria natura per essere considerata e lodata.

Leggi anche: Prosopagnosia, cos’è la sindrome di cui soffre Brad Pitt

People pleasing: quali sono le cause

Individuare delle cause che possano identificare questo disturbo è pressoché impossibile. Esistono però dei fattori che favoriscono e soprattutto influenzano gli atteggiamenti di chi ne soffre.

  • Traumi passati 
  • Disturbi della personalità
  • Disturbo da ansia sociale
  • Problemi di autostima
  • Fragilità personale
  • Contesto sociale di provenienza

Leggi anche: Rivolgersi allo psicologo: ecco perché ogni tanto dovremmo farlo tutti

People pleasing: 7 segnali per riconoscerlo

Molo spesso l’identik del People pleaser è costituita da un carattere fragile, scarsa autostima e grande insicurezza. Assecondare gli altri significa calpestare necessariamente la propria persona.

I 7 segnali che rappresentano i campanelli d’allarme sono:

  1. Scusarsi troppo spesso: il soggetto tende ad assumersi la responsabilità di colpe e fatti che non lo riguardano. Questa tendenza lo porta a chiedere scusa in continuazione e a ritenersi responsabile dei malesseri altrui.
  2. Non dire mai no: incapacità di porre limiti tra sé e gli altri, accettare qualunque tipo di incarico.
  3. Essere sempre d’accordo con tutti: evitare di sviluppare un pensiero e una riflessione propria per paura di inimicarsi gli altri.
  4. Cambiare a seconda della persona che abbiamo davanti: assumere atteggiamenti accondiscendenti per continuare ad essere apprezzati.
  5. Evitare ogni forma di conflitto: non prendere mai una posizione in uno scontro verbale e sopprimere quello che si pensa pur di accontentare gli altri.
  6. Ricercare gli apprezzamenti: per sentirsi accettati, questi soggetti sono alla continua ricerca di lodi e gratificazioni per nutrire e accrescere la loro autostima.
  7. Non parlare delle proprie emozioni: non aprirsi con gli altri per paura di esternare giudizi personali ed esporre il proprio punto di vista.

Leggi anche: Cos’è e come funziona il Myers-Briggs Type Indicator, il test della personalità più accurato al mondo

Come guarire dal People pleasing

Per porre fine a questa tendenza il primo passo è divenire consapevoli di essere soggetti compiacenti e riconoscere i propri limiti per poterne stabilire di nuovi.

Quindi, per guarire da questo disturbo è necessario innanzitutto porsi delle domande:

  • Perché non si prende mai posizione nei confronti di una situazione?
  • Quante vorrebbe si vorrebbe rispondere ad una richiesta con un no?
  • Perché l’approvazione e l’accettazione per gli altri passa in primo piano rispetto al benessere personale?

Prendere consapevolezza rispetto a questi atteggiamenti non è sempre facile, ecco perché è necessario l’intervento di uno specialista che possa aiutare realmente a capire quali siano le motivazioni.

I People pleaser possono infatti sviluppare:

  • Stress
  • Stanchezza
  • Rabbia
  • Risentimento
  • Problemi relazionali
  • Perdita identitaria

Leggi anche: Ecco come puoi aiutare chi soffre di depressione: 3 atteggiamenti sbagliati e in che modo cambiarli

Anche Matilde De Angelis soffre di People pleasing

Di recente l’attrice Matilde De Angelis ha dichiarato di soffrire di People pleasing. Proprio a Repubblica ha spiegato il motivo dei suoi ricorrenti attacchi di panico.

Sono stata ossessionata da un ideale di perfezione e dall’impossibilità di deludere. Figlia perfetta. Fidanzata perfetta. E anche nel lavoro mi sono ammazzata e non ho detto mai no, con l’unico scopo di meritarmi la posizione in cui mi trovavo.

E nelle relazioni personali ho represso la mia natura e la mia volontà, in una schiavitù mentale che mi ha logorata.

Ora ho imparato ad accettare i miei difetti e lasciarli andare. E mi sono anche molto divertita, nel farlo.

Leggi anche: Sindrome dell’impostore, come i social l’hanno alimentata nei giovani

Melissa Matiddi
Esperta in comunicazione e digital marketing, studia lo yoga e le discipline orientali. Ama creare, leggere e viaggiare. Silenziosa ma rumorosa, è sempre pronta a varcare nuovi orizzonti.

Ultime notizie