lunedì, Ottobre 18, 2021

Sì del Senato al Protocollo Unico raccomandato dai medici di Terapia Domiciliare Covid-19

Il Senato ha detto sì: lo schema terapeutico per la cura a casa formulato dai medici di Terapia Domiciliare Covid-19 diventerà Protocollo Unico Nazionale?

Cecilia Capanna
Appassionata di temi globali, di ambiente e di diritti umani, madre di tre figli del cui futuro sente un grande senso di responsabilità

Con 212 voti favorevoli, il Senato ha detto sì alla richiesta di istituire un Protocollo Unico nazionale di cura domiciliare tempestiva del Covid-19. Un nuovo traguardo per i medici del Comitato Terapia Domiciliare Covid-19 che propongono da mesi il loro schema terapeutico.

La battaglia per il protocollo unico degli angeli in camice bianco

La vittoria in Senato rappresenta un momento importante della battaglia che migliaia di medici stanno facendo dall’inizio della pandemia. Il Comitato Terapia Domiciliare Covid-19 è nato da una rete di più di 320 mila persone tra camici bianchi, operatori sanitari, malati di Covid sintomatici, nata da un’idea dell’Avv. Erich Grimaldi.

Ad oggi la rete creata su facebook conta più di 320 mila persone. È il luogo virtuale in cui migliaia di medici volontari si sono dati da fare sfruttando i social media per scambiarsi informazioni sui risultati delle terapie messe a punto sul campo e per curare i pazienti in telemedicina. Altrettante migliaia di farmacisti, fisioterapisti, nutrizionisti, infermieri si sono messi a disposizione dei cittadini in chat su whatsapp. La società civile si è sostituita alle istituzioni sfruttando la digitalizzazione della comunicazione e ora le istituzioni finalmente ascoltano.

Leggi anche Terapia domiciliare Covid-19, migliaia di medici salvano vite su Facebook

Il problema del sistema sanitario regionale

Le istituzioni si sono rese conto della lacunosa situazione dei territori. Il sistema sanitario nazionale è a gestione regionale e al momento dello scoppio della pandemia i territori non sono stati rinforzati. Anche il Presidente del Consiglio Mario Draghi ha evidenziato questo problema nel suo discorso di insediamento. È mancato il dialogo tra regioni, un dialogo difficile da instaurare anche tra medici ospedalieri e medici del territorio. Questi ultimi si sono trovati sommersi di casi di pazienti sintomatici da curare, o quantomeno da instradare.

L’unico protocollo unico domiciliare emanato dall’AIFA fino a un paio di mesi fa consisteva nella vigile attesa per 72 ore e somministrazione di tachipirina, una terapia che si è rivelata nemica degli enormi sforzi che tutto il paese sta facendo per evitare che il sistema sanitario nazionale collassi. I medici del Comitato hanno dimostrato che intervenire entro i primi tre giorni dalla comparsa dei sintomi con lo schema terapeutico che hanno messo a punto curando i malati di Covid sul campo, diminuisce sensibilmente le ospedalizzazioni. Questo approccio dovrebbe essere istituito su tutto il territorio nazionale, dovrebbe diventare protocollo unico.

Leggi anche No alla Tachipirina contro il Covid, lo dicono il TAR del Lazio e la Regione Molise

Lo schema terapeutico di Terapia Domiciliare Covid-19 diventerà protocollo unico?

Protocollo unico
Avv. Erich Grimaldi

Dopo l’incontro di un mese fa del Comitato Terapia Domiciliare Covid-19 con il Sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, finalmente la richiesta di istituire un Protocollo Unico Nazionale di cura domiciliare per il Covid è arrivata in Senato, anche grazie al senatore Massimiliano Romeo. Ora sta al Governo definirlo e approvarlo.

Il fondatore della rete e Presidente del Comitato Erich Grimaldi ha dichiarato soddisfatto:

Siamo orgogliosi di aver raggiunto questo risultato, al netto di un anno di impegno senza sosta da parte di tutti (…) Sono sempre stato certo dell’importanza del lavoro che abbiamo svolto e continuiamo a svolgere e il risultato di oggi ne è la conferma (…) Ora è il momento di passare alla fase operativa e in questo senso auspico che al tavolo saranno presenti il professor Luigi Cavanna e il dottor Andrea Mangiagalli, membri del consiglio scientifico del nostro Comitato, quale espressione delle due realtà, ovvero quella ospedaliera e quella della medicina territoriale, che hanno collaborato in maniera eccellente per dare vita allo schema terapeutico che ha guarito migliaia di persone nel nostro paese.

Un freno deciso al Covid

L’istituzione del protocollo unico significherebbe che i malati di Covid sintomatici verrebbero curati dai loro medici territoriali tempestivamente con farmaci che impediscono la degenerazione della malattia e quindi scongiurano l’ospedalizzazione. Sarebbe come provocare una frenata brusca al Covid, Grimaldi lo ha sottolineato:

Oggi è una giornata che può davvero segnare il cambio di rotta del nostro paese, da un lato la campagna vaccinale e dall’altro le cure domiciliari precoci.

Guarda l’intervista con l’Avv. Erich Grimaldi e il Prof. Andrea Mangiagalli

Cecilia Capanna
Appassionata di temi globali, di ambiente e di diritti umani, madre di tre figli del cui futuro sente un grande senso di responsabilità

Ultime notizie