martedì, 2 Marzo 2021

Quanto risparmi spegnendo i tuoi apparecchi in standby? Ecco 5 trucchi per non disperdere energia in casa

Nella Giornata mondiale del risparmio energetico, ecco cinque semplici consigli per risparmiare energia anche in casa.

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

Risparmiare energia è semplice, anche in casa. Bastano alcune accortezze e il gioco è fatto.

Si tratta di assumere una serie di comportamenti virtuosi che, se adottati quotidianamente, diventano buone abitudini che consentono di ridurre sprechi ed evitare inutile dispersione di energia.

Risparmio energetico e rispetto ambientale sono due tematiche strettamente connesse. Ridurre i consumi energetici significa utilizzare consapevolmente le risorse di cui disponiamo grazie proprio alla natura.

Favorire i mezzi pubblici agli spostamenti con la propria auto è solo un esempio di come possiamo evitare sprechi quando non siamo in casa. Tuttavia, anche nella nostra dimora possiamo fare molto, con pochi semplici gesti.

Risparmiare energia in casa? Si può

Risparmiare energia in casa in cinque semplici modi:

  1. Regola la temperatura degli ambienti
  2. Scegli lampade a risparmio energetico
  3. Spegni gli apparecchi in standby
  4. Utilizza correttamente gli elettrodomestici
  5. Installa un impianto solare termico o fotovoltaico

1. Regola la temperatura degli elettrodomestici

Mentre la temperatura ideale diurna da mantenere negli ambienti chiusi è di 18°-19°C nei mesi invernali e non inferiore ai 25°C nei mesi estivi, di notte è possibile arrivare al limite massimo di 16°C.

Spegnere l’impianto quando non si è in casa consente, ovviamente, un ulteriore risparmio, il 10% in meno sulla prossima bolletta.

Un aiuto importante per contrastare temperature troppo alte o troppo basse ci viene fornito anche dal corretto uso delle persiane: chiuse d’estate evitano l’ingresso del calore, d’inverno del freddo.

Leggi anche: Impronta ecologica, come alleggerire l’impatto della nostra vita sulla natura

2. Scegli lampade a risparmio energetico

Oltre a spegnere le luci quando non necessarie cercando di sfruttare al massimo l’energia solare, per risparmiare energia in casa è consigliato utilizzare lampade a basso impatto energetico, come i Led. Queste lampade consentono di risparmiare molta energia e abbassano la bolletta della luce fino all’80%.

D’ulteriore aiuto sono poi i sensori di presenza, i dimmer o i sensori di luce diurna e gli interruttori crepuscolari: ottime ed efficaci soluzioni per risparmiare molto con poco.

3. Spegni gli apparecchi in standby

Risparmiare energia in casa? Si può

Se utilizzati a lungo, i dispositivi vanno spenti. Tv, telefono, computer, fax, e chi più ne ha più ne metta, consumano energia anche quando sono in standby.

Il modem, ad esempio, è tra gli apparecchi che più consumano quando non utilizzato. Si suggerisce l’acquisto di una presa multipla che consente di staccar completamente la corrente quando si termina di utilizzare tutta una serie di strumenti.

Leggi anche: Classe aaa: cosa indica, quanto e quando conviene

4. Utilizza correttamente gli elettrodomestici

Gli elettrodomestici vanno utilizzati con criterio, una gestione ottimale e intelligente riduce notevolmente i consumi e soprattutto gli sprechi.

Bisogna innanzi tutto sapere che il forno elettrico è tra gli apparecchi che più consumano energia, per questo, quando lo si usa, si consiglia di evitare il preriscaldamento e di spegnerlo addirittura prima del termine della cottura dei cibi per sfruttare al meglio anche il calore residuo.

Utilizzare al meglio il frigo significa tenerlo lontano da fonti di calore e mobili che ne causerebbero il surriscaldamento. Le dispersioni di calore sono sprechi di energia. Il frigo non va tenuto né troppo pieno né, ovviamente, vuoto.

Per quanto riguarda lavatrice e lavastoviglie, vanno fatte girare a pieno carico.

La corretta pulizia e manutenzione di tutti gli apparecchi ne garantisce il corretto funzionamento.

Ultimo, ma non per importanza: prediligere modelli di elettrodomestici in classe A++ o A+++.

5. Installare un impianto solare termico o fotovoltaico

Risparmiare energia: installare un impianto solare termico o fotovoltaico.

Non solo attraverso l’istallazione di un impianto fotovoltaico o solare termico sul tetto è possibile ridurre i consumi, ma anche godere di detrazioni fiscali previste per gli interventi che consento un uso più consapevole ed efficiente delle fonti di energia.

Il costo di questi impianti, seppur considerevole, viene poi in realtà presto ammortizzato nel tempo sia grazie ai risparmi in bolletta che per via degli incentivi statali: una spesa rapidamente tradotta in guadagno, sia per noi che per l’ambiente.

Leggi anche: Bonus fotovoltaico: come dimezzare le bollette a costo zero e rispettando l’ambiente

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

Correlati

Riduci fino al 92% la bolletta della luce con i pannelli fotovoltaici

Non ci sono dubbi, il futuro sarà alimentato da pannelli fotovoltaici: la svolta green...

Israele, almeno 1000 tonnellate di bitume in mare: certo il disastro ambientale

170 dei 195 km totali di costa mediterranea di Israele sono stati compromessi e molti animali stanno morendo. Da giorni i volontari sono a lavoro per ripulire le spiagge, ma la situazione è critica.

Il latte vegetale è bene di lusso, quello vaccino no: ecco come la politica ostacola le scelte sostenibili

Molte politiche nazionali così come quelle europee, che si prodigano tanto per l'ambiente, impediscono scelte ecologiche e gravano l'impatto ambientale.