giovedì, Gennaio 21, 2021

L’Astrofisica Faedi: “Per le donne la strada nella scienza è ancora lunga ma io non mi arrendo”

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Mai come in questi ultimi mesi si è parlato così tanto di scienza. Dalle dinamiche del covid alla missione spaziale di Elon Musk. I temi scientifici sono al centro del dibattito quotidiano di tutti noi e anche in tv, nei pochi programmi che stanno andando in onda. La scienza ha momentaneamente spodestato la politica, virologi e scienziati sono più gettonati dei parlamentari. Virus sì o virus no? Eppure, la scienza è sempre stata considerata una materia ostica, anche a scuola per qualcuno, e ben lontana dal nostro quotidiano. Cosa più che errata visto che siamo fatti di scienza. Approfondiamo il tema con l’Astrofisica Francesca Faedi.

La scienza come ponte per il futuro dei giovani

Di fronte a questo ritrovato interesse verso il sapere scientifico, l’Astrofisica italiana Francesca Faedi, insignita del titolo di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica lo scorso 2 Giugno dal Presidente Mattarella, ci ricorda che le nostre basi sono fatte di scienza, non è una materia nuova:

Basta guardarsi indietro per capire che le nostre radici sono bene ancorate alla Scienza. Noi italiani in particolare. Pensiamo a Galileo Galilei, da tutti nel mondo considerato il padre della scienza moderna, il fondatore del metodo scientifico. Tutta la nostra conoscenza si basa sul suo metodo. Anche Newton affermava di essersi appoggiato a giganti precedenti, intendendo proprio Galilei.

Leggi anche: Kenya, bambino inventa macchina per lavare le mani e bloccare il Covid

La confusione nelle informazioni sul virus

Francesca, le diverse opinioni che si alternano tra gli scienziati che stanno studiando il covid, come te le spieghi? C’è chi sostiene che il virus sia sparito clinicamente, chi invece ci tiene a far tenere alta la guardia perché è ancora in circolo. È sempre potente o è meno aggressivo? Tante scuole di pensiero intorno allo stesso argomento. Come mai?

Questo è un bel dibattito. Premetto che non posso esprimermi sulla virulenza del covid e né sull’epidemia dal punto di vista medico perché non ne ho le competenze. Da scienziata, però, posso sicuramente prendere in mano e analizzare i dati che sono disponibili e quindi interpretare con modelli e analisi le conclusioni che mi vengono proposte. Poche nozioni base di matematica e statistica sono sufficienti per riuscire a farsi un’idea su contagi, numero reale o stimato, il famoso R0 su cui tanti si esprimono, ma che pochi capiscono. Eppure sono dei semplici concetti che dovrebbero essere insegnati a tutti. Le diversità di pensiero ci sono sempre state, ma la scienza ci insegna che fino a quando non ci sono fatti concreti testati e ripetibili a disposizione di tutti, non si possono trarre conclusioni robuste. La concretezza dei fatti deve essere pubblicata in una rivista scientifica, dopo aver superato una scrupolosa peer review.

Leggi anche: Gattinoni: “Il coronavirus sta passando da solo”

La scienza è una questione per donne?

virus scienza
L’Astrofisica Francesca Faedi.

Francesca Faedi è una scienziata, studiosa di esopianeti, ovvero fa ricerca per scoprire pianeti che orbitano stelle che non sono il nostro Sole. Ha collaborato con i premi Nobel per la fisica 2019 Michel Mayor e Didier Queloz, vinto in condivisione con James Peebles. Francesca Faedi è anche una super mamma, un cervello di ritorno che ha lasciato le sue ricerche all’estero per tornare in Italia. Da sempre è sostenitrice della scienza per le donne e dice:

La scienza è trasversale al raggiungimento degli obiettivi ONU e per l’agenda 2030. Lo scorso 30 gennaio ho intervistato il premio Nobel alla Fisica Didier Queloz, con il quale condivido 28 pubblicazioni scientifiche. L’intervista è stata realizzata da giovani studenti di due scuole marchigiane. Abbiamo parlato di disuguaglianza di genere ed educazione di qualità. Questa piccola ma importante iniziativa mi è valsa il riconoscimento del Presidente della Repubblica ma ha aperto un grande dibattito. Per le donne nella scienza la strada è ancora lunga, purtroppo. Ce lo ha ricordato la battaglia #datecivoce per l’ingresso di figure femminile nelle task force governative e scientifiche. Le donne sono state fondamentali per il superamento della crisi epidemiologica. Ma non ci arrendiamo, non mi arrendo.

Leggi anche: Ecco le 11 donne scelte da Conte per la task force italiana   di Catiuscia Ceccarelli

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Ultime notizie

Napoli, avvistata la più grande balena del Mediterraneo: sarà esposta in un museo

Avvistata una settimana fa la carcassa della balena più grande d'Italia e forse del Mediterraneo. A Napoli per l'autopsia, presto sarà pronta per la musealizzazione.

71 anni dalla morte dello scrittore visionario George Orwell, via libera alle pubblicazioni

George Orwell, il 21 gennaio 1950 a Londra moriva una delle penne...

Crisi di Governo, oggi al Colle Mattarella riceve i leader dell’opposizione

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha comunicato al capo dello Stato la volontà di rafforzare la maggioranza costituendo un nuovo gruppo centrista al Senato.

Attentato a Baghdad, kamikaze si fa esplodere in centro città: almeno 21 le vittime

Un kamikaze si è fatto esplodere nel mercato rionale nei pressi di piazza Tayaran, una delle zone più affollate del centro di Baghdad. PPN riferisce di almeno 21 persone rimaste uccise e 44 feriti.