mercoledì, Dicembre 2, 2020

Un maiale a Montecitorio, Brambilla: “Basta con le fabbriche di carne”

Enrica Vigliano
Enrica Vigliano
Enrica Vigliano, 33 anni, romana per adozione. Lavora nel mondo dell’arte e della comunicazione di eventi, dopo gli studi di Archeologia e di Business dei beni culturali. Adora parimenti la matematica e la grammatica, avendo una predilezione per le parole crociate e per la vita all’aperto.

Vittoria Brambilla, presidente della Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, si è presentata ieri pomeriggio a Montecitorio recando in una mano due proposte di legge, nell’altra un maiale al guinzaglio. Il gesto dell’onorevole è volto a sensibilizzare i colleghi sul tema della protezione dei suini negli allevamenti, volendo dimostrare che anche i maiali sono animali sensibili e intelligenti, in quella che lei stessa ha chiamato “un’operazione verità”. Dior, questo il nome del maiale, ha sfilato accanto all’ex ministro per le strade della città, attirando curiosi e media.

Due leggi per porre fine all’orrore

Sulla condizione dei maiali negli allevamenti italiani, in troppi hanno gli occhi, letteralmente, foderati di prosciutto. È ora di affrontare seriamente il problema di una vita, quella di tutti gli animali intrappolati, come fossero macchine o materie prime, nelle catene di montaggio delle filiere alimentari di massa, una vita che della vita ormai ha poco o nulla. Basta con le fabbriche di carne senza il minimo rispetto per gli animali.

Così sottolinea Vittoria Brambilla. Le proposte di legge avanzate dall’onorevole riguardano la riformulazione degli allevamenti intensivi in Italia. Secondo l’onorevole, per interrompere gli orrori sugli animali perpetrati dagli allevatori, bisogna in primo luogo migliorare le condizioni di vita delle scrofe gravide e in allattamento, eliminando l’allevamento in gabbia. Inoltre, vanno vietati gli interventi di mozzamento delle code e di riduzione degli incisivi, se non con una procedura medico-veterinaria e la somministrazione di analgesici per lungo periodo. Infine, imporre la video sorveglianza obbligatoria negli allevamenti. Leggi anche: Stop ai macelli, il futuro è la carne prodotta da CO2

Una rivoluzione politica in favore degli animali

Si tratterebbe nel complesso di una vera e propria rivoluzione, dato che oggi una scrofa d’allevamento trascorre buona parte della propria vita in gabbie che impediscono qualsiasi movimento, che quasi il 100 per cento dei suinetti subiscono il taglio della coda e il 93 per cento la castrazione chirurgica, nel 97% dei casi senza anestesia e analgesia. Non si sa a quanti lattonzoli o verri siano ridotti gli incisivi.

Nella sala stampa della Camera, l’ex ministro ha esposto una serie di immagini significative che riguardano la vita degli animali negli allevamenti intensivi:

Certi orrori – afferma ancora- sono ormai ben documentati. Il caso dei maiali in Italia, allevati al 99 per cento con metodi intensivi, è emblematico. Ciò nonostante, ai problemi, etici e igienici, posti da questi allevamenti la politica non dà risposte, né a livello europeo né a livello nazionale. Sarà interessante conoscere la posizione della nuova Commissione sull’Iniziativa dei cittadini per l’abolizione delle gabbie, che ha raccolto circa 1,6 milioni di firme.

di Enrica Vigliano

Enrica Vigliano
Enrica Vigliano
Enrica Vigliano, 33 anni, romana per adozione. Lavora nel mondo dell’arte e della comunicazione di eventi, dopo gli studi di Archeologia e di Business dei beni culturali. Adora parimenti la matematica e la grammatica, avendo una predilezione per le parole crociate e per la vita all’aperto.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 20 eserciti più potenti al mondo?

20) Spagna Indice della forza militare: 0,3388Popolazione totale: 49.331.076Personale...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Ultimi

Stéphanie Frappart, per la prima volta un arbitro donna in Champions League

In Juventus-Dinamo Kiev ci sarà per la prima volta una donna a...

Moderna, vaccino efficace al 100%. Ti vaccineresti?

Nella giornata di ieri Moderna ha confermato l'efficacia del suo vaccino contro...

Tutto quello che c’è da sapere per registrare un marchio

La registrazione di un marchio è attività delicata...

La tragica morte di Veronica Stile e le polemiche sul post sessista di Telenuova

Veronica Stile 33enne di Nocera Inferiore è morta il 27 novembre in...

Germania, auto sulla folla nell’area pedonale di Treviri: 2 vittime, almeno 10 i feriti

È accaduto nel primo pomeriggio, nel principale mercato cittadino della città. L’uomo, un cinquantunenne, è stato fermato dalla polizia.