venerdì, 14 Agosto 2020

Puglia, l’inaspettata invasione delle coccinelle

Si sono riprodotte durante il lockdown, complici anche le alte temperature. E si sono mosse numerose in cerca di nutrimento, arrivando anche in città.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Quest’anno in Puglia le coccinelle sono tantissime. Complici le alte temperature e il periodo di fermo, causa Covid, i coleotteri hanno avuto la possibilità di riprodursi abbondantemente. E di muoversi più liberamente in cerca di nutrimento. Insomma, hanno trovato clima e luoghi accoglienti per svernare. L’associazione WWF ha segnalato il fenomeno e rassicurato i paesi interessati dalla fortunata e pacifica invasione. Infatti, soprattutto nelle province di Foggia, Bari e della BAT, Barletta, Trani e Andria, le coccinelle si sono spinte fino in città, ricoprendo i muri delle case, infissi e balconi, piante e fiori, etc.

“Non usate l’insetticida contro le coccinelle”

Glia sciami di coccinelle non hanno raggiunto solo le campagne pugliesi, ma anche i centri abitati, dove si è registrata una massiccia presenza. Sebbene inusuale, questo fenomeno ha dato qualche fastidio ai cittadini a causa dell’elevato numero di presenze. Per questo l’associazione animalista ha dato qualche utile consiglio per gestire i coleotteri. Si legge sulla pagina Facebook del Wwf Levante Adriatico:

Le coccinelle rilasciano un liquido giallastro che macchia e ha un cattivo odore “repellente”, tossico per i suoi piccoli predatori ma innocuo per l’uomo. Basta solo allontanarle utilizzando la canfora o mentolo. Mentre, utilizzare l’insetticida per eliminarle è inopportuno e anche dannoso perché i loro resti, attirerebbero scarafaggi e altri predatori. Meglio attendere che lo sciame riprenda il volo verso posti più tranquilli e si spera, meno inquinati.

Leggi anche: USA, Siglato accordo per proteggere la farfalla monarca. Oggi si festeggia la biodiversità

Alleate di agricoltori e giardinieri

coccinelle
Le coccinelle sono ghiotte di parassiti,afidi e cocciniglie e per questo sono ottime alleate in agricoltura.

Nella tradizione popolare le coccinelle sono legate alle dee della fortuna e dell’abbondanza per via del loro colore rosso porpora, considerato di buon auspicio. E in effetti, la presenza di coccinelle è molto utile alla vegetazione. Questi insetti sono considerati i migliori alleati di giardinieri e agricoltori, perché si cibano di parassiti, afidi e cocciniglie che invece infestano piante e fiori. Per questo motivo, vengono molto utilizzate nell’agricoltura biologica. Il fenomeno quindi, rassicura il WWF, non deve destare preoccupazione. Le coccinelle non recano nessun danno alle coltivazioni e alle persone.

Leggi anche: Libellula significato, simbologia e leggende

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Correlati

Futuro verde di Parigi, un esempio per il mondo

A giugno scorso la sindaca di sinistra Anne Hidalgo è stata rieletta proprio per il suo programma fortemente green e per l’alleanza con i Verdi, in vista di una rivoluzione ecologica.

Cilento, quest’anno è record di nascite per le tartarughe marine

Nell’estate post Covid la natura torna a stupire. Da Marina di Ascea a San Mauro Cilento, da Camerota a Montecorice, le tartarughe Caretta caretta hanno trasformato il tratto di costa in una vera e propria “nursery”.

Artico canadese, collassa l’ultima piattaforma di ghiaccio ancora intatta

Un’area di ghiaccio di circa 80 kmq, più grande dell’isola di Manhattan per intenderci, è collassata sparendo nelle acque dell’oceano Artico. Responsabile è il cambiamento climatico e un’estate particolarmente calda.