sabato, Gennaio 23, 2021

Australia, la scoperta di una nuova e gigante barriera corallina

Alta oltre cinquecento metri e lunga un chilometro e mezzo, è la barriera corallina scoperta al largo delle coste del Queensland: caso stupefacente dopo 120 anni.

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

Una nuova barriera corallina è stata scoperta in Australia, dopo 120 anni che non si facevano ritrovamenti del genere. Un team di scienziati guidato da Robin Beaman della James Cook University, grazie a un robot di nome SuBastian, ha individuato, proprio nei pressi della Grande Barriera, un’impressionante guglia sommersa, fino allo scorso 25 ottobre nascosta e sconosciuta. Una ‘ventata d’aria fresca’ per l’ecosistema marino e le moltissime specie che lo abitano.

La nuova barriera corallina in Australia

barriera corallina
La barriera corallina scoperta in Australia: alta oltre cinquecento metri e lunga un chilometro e mezzo.

Seppure non immune alle conseguenze delle attività antropiche, cambiamento climatico e acidificazione degli oceani, la barriera corallina rinvenuta in Australia, perlopiù intatta, sembra un colosso difficile da abbattere. Più alta di 500 metri ed estesa per ben un chilometro e mezzo, la barriera corallina scoperta al largo delle coste del Queensland supera moltissimi dei nostri grattacieli, l’Empire State Building, ad esempio, con i suoi 443 metri di altezza, il più alto fino al 1973.

Separata dal corpo principale della Grande Barriera e rintracciata nel corso di una mappatura di quest’ultima, la scoperta della barriera corallina dello scorso ottobre ha dell’incredibile: erano 120 anni che non veniva rinvenuto qualcosa di simile. L’impressionante guglia sommersa è riuscita a schivare l’occhio indiscreto dell’uomo per circa 20 milioni di anni, ma non quello del ROV sottomarino SuBastian.

Leggi anche: La ‘Cappella Sistina degli antichi’, l’arte preistorica nascosta nella Foresta amazzonica

L’impressionante scoperta sottomarina

barriera corallina
Gli scienziati dello Schmidt Ocean Institute scoprono una nuova barriera corallina in Australia.

Il 20 ottobre, il team di scienziati dello Schmidt Ocean Institute, a bordo della nave di ricerca Falkor si imbatte nella straordinaria formazione corallina. Ad approfondire e certificare il sensazionale rinvenimento viene mandando il 25 ottobre il ROV sottomarino SuBastian.

Quello che viene alla luce è un impressionante ecosistema marino, vivo e popolato da tantissimi coralli, pesci e pure una popolazione di squali. L’habitat quasi incontaminato è la dimora di milioni di specie uniche e, magari, persino ancora sconosciute.

La barriera corallina: un tesoro dell’abisso da custodire e preservare

barriera corallina
La barriera corallina scoperta in Australia: un tesoro da custodire e preservare.

Questa scoperta inattesa dimostra che continuiamo a trovare strutture sconosciute e nuove specie nei nostri oceani.

Commenta Wendy Schimdt, cofondatrice dello Schmidt Ocean Institute. Se la terra continua a nascondere tesori, se ne stimano milioni sepolti nell’abisso, da quelli dimenticati da antichi pirati a quelli gelosamente custoditi da madre natura. Il tesoro trovato in Australia non è soltanto una ricchezza da aggiungere all’incommensurabile patrimonio naturale che conosciamo, ma è anche simbolo di un mistero degli abissi ancora lungi dall’essere svelato.

Esistono buone ragioni per supporre che la barriera rinvenuta sia solo una delle tante e rare bellezze protette dal buio dell’oceano e dalla profondità dei fondali, e la stessa Smidt aggiunge:

La nostra conoscenza di cosa si nasconde nell’oceano è stata a lungo limitata.

Oggi, grazie a nuove tecnologie che agiscono come se fossero i nostri occhi, le nostre orecchie e le nostre mani nelle profondità degli abissi, abbiamo la capacità di esplorare come mai prima d’ora. Davanti a noi si spalancano nuovi paesaggi oceanici, che ci rivelano gli ecosistemi e le varie forme di vita che condividono il pianeta con noi.

Le nuove tecnologie, nonché l’intenso lavoro di atenei e enti di ricerca, porterà presto a far emergere nuove realtà inabissate, nuove e, magari, più sane. Lontani dal livello del mare questi ecosistemi soffrono meno l’azione antropica: sbiancamento e degrado sembrano incedere meno avaramente in queste oscure e remote regioni, ma ciò non solleva dal dovere di averne cura e salvaguardarle.

Leggi anche: Addio Maldive, sott’acqua fra meno di un secolo

Asia Solfanelli
Asia Solfanelli
Intraprendente e instancabile penna, poliglotta, appassionata lettrice e avida viaggiatrice. Sviscerata amante del cinema. E ultimo, ma non per importanza, eterna studiosa, perché non si finisce mai d’imparare.

Popolari

Maria Chiara, non vedente e disabile, si laurea con 110 e lode: “Un simbolo per molti ragazzi”

Arriva per la 26enne Maria Chiara la seconda laurea in lingue per la comunicazione e la cooperazione internazionale all'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. La tesi, scritta interamente in francese, coniuga le sue due più grandi passioni: le lingue e la musica.

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 20 eserciti più potenti al mondo?

20) Spagna Indice della forza militare: 0,3388Popolazione totale: 49.331.076Personale...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Ultimi

Dante 2021, 5 cose da vedere a Firenze tra i luoghi del somma poeta

Quest’anno sarà speciale. Pronti a celebrare i 700 anni dalla morte di...

Baobab, la pianta sacra dell’Africa: superfood e antiossidante

L'Arbre des Sages et des Savants, così lo chiama la tradizione africana....

Gli organi della piccola Antonella, morta per una sfida social, salveranno tre bambini

Gli organi di Antonella Sicomero, morta per una presunta challenge su Tik Tok, sono stati espiantati e destinati a tre piccoli pazienti. Intanto la procura della Repubblica indaga per istigazione al suicidio.

Smog, rapporto Mal’Aria 2020: ecco le città italiane più inquinate. Torino in testa

Ecco i nuovi dati dello studio sullo smog in città raccolti da Legambiente nel report Mal’aria 2020. L'associazione ambientalista ha stilato una pagella sulla qualità dell’aria di 97 città italiane.

Tra storia e tradizione, 5 cose da sapere sul caffè espresso

Il caffè espresso, come lo conosciamo oggi, nasce solo 80 anni fa. Ecco 5 cose che, forse, non sapete sul caffè.