martedì, 11 Maggio 2021

Asteroide in rotta di collisione con la Terra, NASA: “Possibile impatto nel 2022”

Si chiama 2009JF1, ha un diametro di 13 metri e potrebbe colpire la Terra nei prossimi anni. NASA e ESA sono a lavoro per cercare di deviarne la traiettoria.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

La conferma arriva dalla NASA. A quanto pare, nei prossimi anni un asteroide potrebbe entrare in rotta di collisione con la Terra. Il masso si chiama 2009 FJ1 e l’agenzia spaziale americana lo monitora dal circa 12 anni.

Non un evento imminente, ma “potenzialmente pericoloso” dicono gli scienziati.

Asteroide in rotta di collisione con la Terra, le preoccupazioni della NASA

L’asteroide, secondo i calcoli dell’agenzia spaziale americana, potrebbe colpire la Terra il 6 maggio 2022. L’impatto è stato calcolato in base alla dimensione, alla velocità e all’orbita, in relazione alla distanza dal sistema solare.

Non si esclude che nel corso del tempo il masso possa cambiare traiettoria, ma al momento il rischio di collisione è da prendere in considerazione. C’è una possibilità su 3.800 che ciò avvenga, informa l’ESA, l’agenzia spaziale europea, ma sono ancora molte le incertezze da indagare.

Leggi anche: Cina, asteroide colpisce l’atmosfera sprigionando l’energia di una bomba atomica

Cosa sappiamo dell’asteroide che potrebbe colpire la Terra nel 2022

Il 2009 FJ1, questo il nome dell’asteroide che potrebbe colpire la terra nei prossimi anni, è un masso non particolarmente grande, circa 13 metri di diametro.

Scoperto e osservato per la prima volta circa 12 anni fa, nel 2009 appunto come suggerisce il nome dato allo stesso, l’asteroide è monitorato grazie al sistema Sentry che continua a fornire informazioni su una possibile traiettoria. Fa sapere la NASA:

Alcuni asteroidi e comete seguono orbite che li portano a essere attratti più vicini al Sole e di conseguenza anche alla Terra.

Se ciò accadesse, l’impatto sarebbe devastante. È stato calcolato che la collisione dell’asteroide al suolo, potenzialmente, potrebbe provocare un’esplosione pari a quella di 230 kilogrammi di dinamite. Cosa accadrebbe se cadesse su una delle nostre metropoli?

2009 FJ1 in collisione con la Terra, l’idea della NASA

Gli esperti della NASA e della ESA hanno palesato preoccupazioni per l’incombente minaccia dallo spazio ma, per cercare di scongiurare il rischio di una collisione, qualcosa si sta già muovendo.

L’idea è quella di deviare l’asteroide. Delineando il profilo morfologico dell’asteroide e la sua rotta si potrebbe intervenire per disintegrarlo, prima che il masso faccia ingresso nell’atmosfera terrestre. L’agenzia spaziale americana e quella europea sono in contatto con l’obiettivo di realizzare tale scopo: è la missione Hera e costerà 129,4 milioni di euro.

Tra i Paesi coinvolti nella missione Hera anche l’Italia, con il compito di realizzare un trasmettitore speciale.

Leggi anche: Nuova mappa della Via Lattea: Terra più vicina al buco nero della nostra galassia

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Correlati

A Scandiano la prima Comunità di Autoconsumo Collettivo taglia le spese del 60%

Sono 48 le unità abitative che costituiranno la Comunità di Autoconsumo Collettivo a Scandiano,...

Il fotovoltaico viaggia su rotaia a 115 km/h: ecco il primo treno a energia solare

Il Byron Bay Train è il primo treno a energia solare al mondo e...

La tecnologia delle celle fotovoltaiche: materiali, efficienza e costi di produzione

Silicio, monocristallino, policristallino, i materiali impiegati dalle moderne industrie di pannelli fotovoltaici sondano tutti...