sabato, Febbraio 27, 2021

Il calendario Codacons e le modelle da far votare agli utenti. Calenda: “È sessista”

Il calendario Codacons 2021 ha suscitato diverse polemiche sui social per l'inadeguatezza del soggetto scelto, un mix tra donne nude, francobolli e mascherine.

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Il calendario Codacons per il 2021 ha suscitato una bufera di polemiche, soprattutto sui social. “Italienza” ritrae per ogni mese una modella nuda, coperta solo da una mascherina. Inoltre il Codacons invita gli utenti a votare l’immagine preferita tra quelle che ritraggono le modelle per aggiudicarsi una copia autografata.

Carlo Calenda, leader di Azione, attraverso un post su Twitter ha mostrato il proprio disappunto tacciando il Codacons di sessismo. Ora pensando a quando il Codacons chiese la chiusura del Grande Fratello per l’infelice battuta sessista di Balotelli, verrebbe proprio da dire: “ma da che pulpito”.

Calendario Codacons 2021

calendario Codacons_immagini
Alcune immagini del calendario Codacons 2021.

Il titolo del nuovo calendario del Codacons per il 2021 è Italienza, che sta a significare l’unione tra italianità e resilienza. Per ripartire l’associazione mira alla bellezza e all’arte scegliendo la fotografa Tiziana Luxardo, la quale sceglie di ritrarre in bianco e nero dodici modelle nude, vestite solo da una mascherina tricolore anti-Covid.

Sullo sfondo una cartolina e come francobollo l’immagine di un borgo o un comune italiano. Per ultima l’immagine di una donna matura, a significare come il virus abbia colpito tutti, senza distinzioni di età. Un modo insolito di far riflettere che ha portato a diverse polemiche.

Il calendario è stato presentato in un evento su Facebook sabato 14 dicembre ed è distribuito gratuitamente dal Codacons, disponibile anche sul sito internet dell’associazione dei consumatori.

Leggi anche: La tragica morte di Veronica Stile e le polemiche sul post sessista di Telenuova

Calendario Codacons, la polemica di Calenda

calendario Codacons_Carlo Calenda
Carlo Calenda, leader di Azione.

Uno dei primi a criticare il Codacons per aver dato attraverso il calendario un’idea di donna discutibile è stato Carlo Calenda, leader del partito politico Azione da lui stesso fondato, il quale su Twitter si è così espresso al riguardo:

Il calendario del Codacons con tanto di votazione delle modelle.

L’iniziativa è coerente con gli obiettivi statutari e l’idea di donna è l’unica che il solitario neurone di Rienzi riesce a concepire.

Leggi anche: “Detto Fatto” di Rai Due sospeso dopo la bufera sul tutorial della spesa sexy

La posizione della fotografa Luxardo

calendario Codacons_fotografa
Tiziana Luxarda, fotografa.

A difesa del soggetto per il nuovo calendario Codacons 2021 ma non della scelta della stessa associazione riguardo al concorso si è espressa Tiziana Luxarda. La fotografa ha sottolineato il fatto che gli scatti siano espressione di nudo artistico e preso le distanze dalla decisione del Codacons di far votare la modella preferita:

Difendo i nudi artistici del mio calendario, ma l’idea del concorso la boccio, non mi appartiene, è stata una scelta del Codacons.

Sono sempre stata femminista, ho fatto calendari sulla disabilità, contro la violenza, volevo celebrare la bellezza dell’Italia non certo mercificare il corpo delle donne.

Se guardate bene le mie foto sono assai poco erotiche, volevano soltanto raccontare l’armonia attraverso forme femminili.

Leggi anche: Linguaggio inclusivo contro razzismo e sessismo, ne parliamo con Vera Gheno

La risposta del Codacons alle polemiche

Il Codacons in risposta alle accuse di sessismo rivolte in seguito all’uscita del calendario 2021 si difende rendendo omaggio al lavoro artistico della Luxardo e sottolineando il fatto che la malizia a volte si trova negli occhi di chi guarda. Ecco qui di seguito riportate le parole dell’associazione:

Nei suoi lavori trasforma il corpo femminile in linguaggio, una forma di comunicazione che non ha nulla di volgare, scandaloso.

Proprio vero: la malizia è negli occhi di chi guarda.

Le modelle posano simbolicamente vestite solo da una mascherina anti-Covid, in una cartolina con tanto di francobollo, rimandando a un tempo che non c’è più, quando i saluti venivano scritti e non inviati con il cellulare.

Leggi anche: Fiona May: Una volta mi dissero “Hai 4 difetti: sei donna, sei intelligente, sei bella e sei nera”

Calendario Codacons sessista: le polemiche sui social

calendario Codacons_presentazione
Presentazione del calendario Codacons 2021 in diretta Facebook.

Tantissime le reazioni degli utenti sia Twitter. Ne riportiamo alcuni che mostrano l’indignazione generale e la disapprovazione della scelta del Codacons per i soggetti del nuovo calendario 2021:

Il codacons farà causa al codacons? #Codacons

La voglia di riscatto del Paese, rappresentata da donne nude. Questi sono scemi, non c’è alternativa. #Codacons

Siamo nel 2021, le donne prendono Nobel, sono scienziate, ingegneri, medici e siamo ancora alla accoppiata donna nudo? Ma basta per favore, che squallore. #Codacons

Dello stesso avviso gli utenti Facebook:

Il corpo della donna ad uso e consumo del mercato. Mercificatori di esseri umani!!!

Nel guardare il vostro calendario si direbbe che il Codacons non stia capendo nulla di tutto ciò che sta accadendo ora nel mondo. Incredibile.

Siete ormai scesi così in fondo da fare un calendario con donne nude come nelle più vecchie tradizioni di camionisti.

Possibile che siete così a corto d’idee da non trovare qualcosa di più interessante e di più attinente a voi? Che squallore!!!

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Ultime notizie