martedì, Ottobre 20, 2020

Fiona May: Una volta mi dissero “Hai 4 difetti: sei donna, sei intelligente, sei bella e sei nera”

Valentina Cuppone
Valentina Cuppone
Valentina Cuppone, classe 1982. Caporedattore de Il Digitale. Formazione umanistica, una laurea in Lettere Moderne e una specializzazione in Comunicazione della cultura e dello spettacolo all’Università di Catania. Curiosa e appassionata di ogni cosa d’arte, si nutre di libri, mostre e spettacoli. Affascinata dal mondo della comunicazione web, il suo nuovo orizzonte di ricerca è l''innovazione.

“Fiona tu hai quattro difetti: sei donna, sei intelligente, sei bella e sei nera”, è quanto riferisce di essersi sentita dire l’atleta Fiona May. La sua reazione? Ha ringraziato. Ha inciso ben salda nella sua mente questa frase ed è andata avanti. Così Fiona May non ha dato peso a quei presunti e infondati ostacoli. È passata oltre, costruendo la sua storia fatta di vittorie e successi. Da tempo ormai volto emblematico dell’atletica tricolore e internazionale, sponsor insieme alla figlia di uno dei marchi italiani più famosi al mondo, come Ferrero, ora anche protagonista dello spettacolo teatrale Maratona di New York, lei non si è fatta intimorire da chi vedeva delle imperfezioni nel suo essere una bella donna, intelligente e per di più di colore. Ha trasformato tutti questi fortuiti requisiti in risorse. O, probabilmente, è semplicemente rimasta quella che è. Una persona, a prescindere dalle caratteristiche fisiche e mentali, dal suo genere, dalla sua storia biologica. Una persona che ha ottenuto eccezionali risultati riuscendo a mettere a frutto le tante doti e qualità, con lavoro, studio e dedizione. Leggi anche: Il velo islamico firmato Nike è nei negozi di Milano: scoppia la polemica

Il sentimento xnenofobo raccontato da Fiona May

A suo agio nell’affrontare le sfide, schietta e sincera, Fiona ha espresso la sua opinione su un tema delicatissimo. Ha parlato di razzismo. Una voce fuori dal coro, immediata, in un paese come il nostro che sta vivendo un momento di tensione tra cori discriminatori allo stadio e leggi non proprio accoglienti. Le affermazioni della campionessa mondiale cercano di interpretare il perché del sentimento xenofobo e di rintracciare le responsabilità di chi lo alimenta. Paure infondate di chi si sente minacciato a casa propria e di chi strumentalizza questi sentimenti.

Penso che alla base di tutto ci sia la paura. Il razzismo è figlio della paura. Paura di percepire qualcosa che non conosci, paura di accettare. Ed è colpa di qualcuno che ha fatto passare l’idea che chi arriva in questo Paese lo faccia per rubare qualcosa agli italiani.

Il timore di accettare ciò che è diverso, dove diverso significa solo altro. Qualcuno che non ha le nostre abitudini, che non ha le nostre stesse tradizioni, che parla un’altra lingua, che ha un altro colore di pelle. Qualcuno che ha semplicemente un’altra cultura. Leggi anche: Pace, amore e provocazione: lo scatto che divide il web

Diciamo basta alla paura

E chi è al potere, in posizioni importanti, influisce sulla gente per non far passare questa paura. Noi dovremmo prendere coraggio e dire “basta, non è così”. Abbiamo solo una vita, abbiamo solo una Terra.

Un invito, quello di Fiona, ad abbandonare il clima di sospetto che sembra prendere piede in questo momento. Mettere da parte incertezze e diffidenze per cercare di accogliere l’altro, liberi da pregiudizi e preconcetti fomentati da una politica del terrore che vede spesso in chi viene da fuori la causa di tanti problemi. L’ex atleta, e ora novella attrice, ci spinge a una riflessione che non può e non deve lasciare indifferenti. Anche perché, in un mondo globalizzato dove gli spostamenti sono diventati una condizione comune e a volte necessaria, dove il continuo scambio di culture e genti diverse potrebbe contribuire all’arricchimento di un Paese, di una città, delle singole persone, non possiamo farci piegare dalla paura e dall’ignoranza di non conoscere mai abbastanza. Leggi anche: Antonio, lo skipper di Procida vuole salvare i migranti in barca a vela     di Valentina Cuppone

Valentina Cuppone
Valentina Cuppone
Valentina Cuppone, classe 1982. Caporedattore de Il Digitale. Formazione umanistica, una laurea in Lettere Moderne e una specializzazione in Comunicazione della cultura e dello spettacolo all’Università di Catania. Curiosa e appassionata di ogni cosa d’arte, si nutre di libri, mostre e spettacoli. Affascinata dal mondo della comunicazione web, il suo nuovo orizzonte di ricerca è l''innovazione.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Ultimi

Lago d’Aral, la rinascita di un tesoro quasi scomparso

Un tempo era uno degli specchi d’acqua tra i più grandi al mondo, oggi è considerato uno dei più gravi disastri ambientali del Pianeta. Dagli anni 90 si lavora per la rinascita del lago d'Aral.

Addio a Lea Vergine, la curatrice d’arte scompare un giorno dopo suo marito Enzo Mari

Il suo contributo nella rivalutazione dell’opera artistica femminile è stato prezioso e rivoluzionario. Lea Vergine muore a 82 anni, un giorno dopo la scomparsa del compagno di una vita, il designer Enzo Mari, per complicazione da Covid-19.

Stop a cartelle esattoriali e pignoramenti per tutto il 2020

Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto che sospende fino al 31 dicembre 2020 la ripartenza delle riscossioni. Lo stop riguarda le nuove cartelle, i pagamenti di quelle già ricevute e i pignoramenti.

Coprifuoco in Lombardia dalle 23 alle 5. Fontana: “Evitare il collasso nei prossimi 15 giorni”

Il nuovo Dpcm emanato dal Premier Conte la scorsa domenica affidava ai...

Orso sbrana un’aspirante domatore al circo: “Indossava mascherina, non l’ha riconosciuto”

Il ventottenne Valentine Bulich, addetto alle pulizie nel Great Moscow State Circus, è morto sbranato dall’orso Yasha, una delle attrazioni principali del circo.