martedì, Maggio 11, 2021

Comprare casa nel 2021? È l’anno giusto, ecco perché

Sì, il 2021 è l'anno giusto per comprare una nuova casa. Aiutano gli incentivi fiscali offerti dal Governo e i ribasso dei tassi sui mutui. Le abitazioni più ricercate? La"casa smart" naturalmente.

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Comprare casa nel 2021? Sì, è davvero l’anno giusto. Strano ma vero.

Grazie all’arrivo del vaccino Covid-19, ai tassi dei mutui bassi e agli incentivi fiscali offerti dal Governo con i bonus riqualificazione, e il conseguente risparmio energetico, il 2021 è l’anno giusto per comprare casa.

Comprare casa nel 2021

Nonostante il 2020 abbia messo a dura prova l’economia italiana in molti settori, il mercato immobiliare sembra aver assestato bene il colpo, nonostante i cali nella compravendita di casa e altri immobili durante tutto il secondo trimestre del 2020 (-26,6%).

L’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate ha registrato che le città più penalizzate dalla pandemia sono state Milano (-26,5%), Palermo (-34,2%), Bologna (-28,1%), Torino (-27,5%) e Napoli (-35,8%).

Il mercato del settore casa ha visto, però, un incremento nel valore degli immobili, con riferimento alle abitazioni già esistenti (+1,9%) e a quelle di nuova costruzione (+0,9%).

Leggi anche: Bioedilizia e costruzioni sostenibili, quando anche l’abitare diventa green

Comprare casa nel 2021? Il Covid ha modificato le esigenze del mercato immobiliare 

Comprare casa nel 2021.

La pandemia, con i lockdown che si susseguono a singhiozzi ormai da quasi un anno, ha fatto riscoprire agli italiani gli spazi della propria casa.

Vi sono stati, infatti, cambiamenti rilevanti nelle richieste sull’acquisto delle case sia per quanto riguarda le dimensioni dei locali sia riguardo loro ubicazioni.

Le richieste del mercato immobiliare si sono spostate dai capoluoghi ai piccoli centri. Attualmente, infatti, c’è un interesse per abitazioni di maggiori dimensioni con spazi verdi attorno nei piccoli centri di provincia, poco distanti dalla città.

Anche l’introduzione dello smart working gioca un ruolo fondamentale. Vediamo perché.

Leggi anche: Impronta ecologica, come alleggerire l’impatto della nostra vita sulla natura

Comprare casa nel 2021, si cerca una “casa smart”

Comprare casa nel 2021.

Con l’avvento del lavoro in smart working e con i ragazzi in didattica a distanza c’è stato un aumento dei consumi sia per le utenze di gas e luce (+30%) che per il traffico su linea mobile e banda residenziale (+20%).

Ecco perché chi lavora nel mercato immobiliare si trova ad avere di fronte un nuovo potenziale compratore alla ricerca di una “casa smart“.

Tra gli aspetti fondamentali di queste ipotetiche nuove abitazioni 4.0 ci sarebbero la necessità di vivere in una casa lontana dalle grandi città e una casa grande da permettere una suddivisione tra zona famiglia e zona lavoro. I

noltre, una casa 4.0 è architettonicamente progettata e realizzata in modo da diminuire al massimo l’impatto negativo degli edifici sull’ambiente attraverso l’uso di risorse rinnovabili.

Leggi anche: Nel circolo polare artico aprirà Svart, il primo hotel a energia positiva

Perché è vantaggioso comprare casa nel 2021?

Comprare casa nel 2021 vantaggi.

Oltra a una diminuzione del prezzo degli immobili, ci sono bonus e agevolazioni previste dai provvedimenti varati dal governo italiano durante il 2020 e prolungati fino al 31 dicembre 2021.

Il Decreto Ristori 2020 prevede la proroga per la sospensione del pagamento delle rate del mutuo sulla prima casa: la richiesta potrà essere effettuata per un intero anno (dal 31 dicembre 2020 al 31 dicembre 2021).

Ecco tutti i bonus casa che sono stati prolungati nel 2021:

  • Ecobonus 2021: detrazione Irpef e Ires per interventi di riqualificazione o aumento di livello energetico sulla casa o edifici esistenti. Prolungato fino al 31 dicembre 2021.
  • Bonus verde: il bonus copre il 36% delle spese Irpef destinato a tutti i lavori di sistemazione a verde. Attivo fino al 31 dicembre 2021.
  • Superbonus 110%: agevolazioni per le ristrutturazioni in casa riguardo l’efficientamento energetico erischio sismico. Prorogato per tutto il 2022.

Leggi anche: La casa è diritto di tutti: l’accesso al credito immobiliare sarà garantito?

Silvia Aldi
Silvia Aldi
Classe 1990, laureata in Scienze Politiche con una specializzazione in Comunicazione pubblica Internazionale. Amante della storia sin da piccola e appassionata di grandi classici della letteratura italiana. Si auto definisce una sognatrice che tende a considerare sempre il bicchiere mezzo pieno anche nelle situazioni più critiche. Altri segni particolari? Appassionata di calcio e tifosissima!

Ultime notizie