martedì, Dicembre 1, 2020

Uganda SOS, a rischio la foresta Bugoma e i suoi scimpanzé

Gli ambientalisti dell’Uganda chiedono l’intervento dell’Unione Europea. Bugoma, la terza foresta più grande del Paese, sta per essere in parte distrutta per far spazio alla coltivazione di canna da zucchero.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Ci risiamo. Questa volta l’SOS arriva dall’associazione ambientalisti dell’Uganda che chiedono a gran voce l’intervento dell’Unione Europea per salvare Bugoma, la terza foresta più grande del Paese e casa degli scimpanzé. Le autorità locali hanno pianificato la distruzione di circa 8mila ettari di bosco per far spazio alla produzione intensiva di canna da zucchero. Secondo i rappresentanti della campagna “Save Bugoma Forest” il disboscamento avrebbe un impatto ambientale e sociale potenzialmente devastante, poiché andrebbe a intaccare l’habitat della fauna selvatica, mettendo in crisi la vita dell’intero ecosistema.

Uganda chiede aiuto all’UE, a rischio la foresta Bugoma

Bugoma
Gli ambientalisti di “Save Bugoma Forest” sono convinti che una pressione da parte dell’Unione Europea possa contribuire a far luce su dinamiche poco trasparenti.  

Ogni anno in Uganda circa 200 mila ettari di foreste vengono abbattute per far spazio a piantagioni. Questa volta nel mirino ci sono circa 8 dei 41 mila ettari totali della foresta di Bugoma. Gli attivisti delle quasi 60 associazioni non governative che aderiscono alla campagna per salvare la foresta dal disboscamento chiedono un’indagine indipendente da parte del governo affinché vengano rivisti il progetto e il rilascio dei titoli con cui i terreni sono stati dati in gestione ai privati. In tal senso, gli ambientalisti di “Save Bugoma Forest” sono convinti che una pressione da parte dell’Unione Europea possa contribuire a far luce su dinamiche poco trasparenti.  

Leggi anche: Amazzonia, la tribù Kayapo contro Bolsonaro, responsabile di morti Covid e deforestazione

Disboscamento foresta Bugoma, gli interessi di Hoima Sugar

Un’area di 22 miglia quadrate destinata alla piantagione di canna da zucchero è stata affittata dalla Hoima Sugar, compagnia locale che, dal canto suo, contesta l’appartenenza di quei terreni alla foresta di Bugoma. La società dichiara, anzi, di voler favorire lo sviluppo sostenibile della zona, utilizzando solo nove miglia quadrate per la coltivazione di canna da zucchero e senza nessuna intenzione di distruggere l’habitat degli scimpanzé.

Leggi anche: Stop a deforestazione, WWF: “Le foreste sono il nostro antivirus”

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 20 eserciti più potenti al mondo?

20) Spagna Indice della forza militare: 0,3388Popolazione totale: 49.331.076Personale...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Ultimi

Il Google Doodle illumina dicembre, il December global holidays 2020

1 dicembre 2020, inizia l'ultimo mese di questo faticoso anno 2020 e...

La storia di Melissa, malata di Sma1, e il farmaco più costoso al mondo

Melissa ha solo nove mesi e grave forma infantile di atrofia muscolare spinale. Per le cure avrebbe bisogno del Zolgensma, uno tra i farmaci più costosi al mondo. È iniziata la raccolta fondi per salvarle la vita.

Giornata mondiale contro l’Aids, un’epidemia ancora da combattere

Dopo 40 anni dalla sua scoperta, l’epidemia di Hiv continua silenziosa senza...

Taranto piange il piccolo Vincenzo: “Sostanze cancerogene nell’aria hanno determinato il cancro”

Annamaria Moschetti, medico del piccolo undicenne, denuncia il legame tra la malattia del piccolo Vincenzo e le sostanze cancerogene immesse nell’ambiente dall’impianto siderurgico.

Decreto ristori quater, Gualtieri: “Non siete soli, lo Stato è al vostro fianco”

Decreto ristori quater: con l'approvazione dell'ultimo decreto sui ristori economici arrivano, finalmente,...