lunedì, Gennaio 18, 2021

Tiramisù, perché è il dolce più amato dagli italiani?

Il tiramisù ha origini piuttosto recenti. A contendersi la paternità il Veneto e Il Friuli. Nel trevigiano spopola il Dilettamisù.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

La cultura culinaria italica è ricca di pietanze tradizionali che mettono d’accordo tutti i palati, dal dolce al salato. C’è un prodotto in particolare, però, che il nostro Paese non solo ama in maniera viscerale, ma ostenta con soddisfazione e con un senso di appartenenza come si fa con il tricolore: il tiramisù. Il dolce più amato dagli italiani. In Italia vi è anche una data a esso dedicata: 21 Marzo, il Tiramisù Day.

Le origini del tiramisù

Sembrerebbe una ricetta alquanto antica, quella del tiramisù, e invece pare risalire a non prima degli Anni 60 del XX secolo, secondo i libri di storia della cucina italiana. Non vi è traccia citata di questo dolce semplice ma irresistibile neanche nelle enciclopedie degli Anni ’70 e ’80. Il dizionario della lingua italiana Sabatini Coletti fa risalire la prima menzione del nome tiramisù al 1980. Eppure, per gli italiani è come se lo gustassimo da sempre. Forse non ricordiamo la nostra vita a tavola prima della sua comparsa.

Leggi anche: Mamma Flavia e le sue bambine cucinano per i senzatetto

Come è fatto il tiramisù

Il dolce più amato dagli italiani è un dessert da gustare a fine pasto. La tradizione vuole che sia servito al cucchiaio, con alla base i biscotti savoiardi o un’altra tipologia di biscotto sempre a consistenza friabile. Questi biscotti sono inzuppati nel caffè e ricoperti di una crema, composta di mascarpone, uova e zucchero. In alcune varianti, questa crema è aromatizzata con il liquore.

Leggi anche: Diletta Scandiuzzi, a teatro tra belcanto e tiramisù per una festa della rinascita

Da dove proviene il tiramisù

Il tiramisù è un’eccellenza italiana ma il suo gusto ha conquistato tutto il mondo. Il termine tiramisù è la quinta parola del nostro idioma a essere conosciuta fuori dai confini nazionali. Il tiramisù è un dolce che viene preparato da ogni individuo, che siano chef, casalinghe o cuochi amatoriali in tutta Italia. Lo fanno secondo la tradizione o avventurandosi in rivisitazioni che però non ne tradiscono consistenza e ingredienti. Ma ci sono due regioni in particolare che si contendono la reale paternità di questo dolce così amato: il Veneto e il Friuli Venezia Giulia, specialmente tra le province di Udine e Treviso.

Leggi anche: Diletta Scandiuzzi: “Porterò il mio tiramisù nei reparti Covid per regalare un sorriso”

Il tiramisù veneto oggi è quello di Dilettamisù

La Z di Zaia del Presidente della Regione Veneto realizzata dalla trevigiana Diletta Scandiuzzi.

La guerra dolce tra Veneto e Friuli per la contesa del tiramisù vede ad oggi in vantaggio il Veneto grazie alla genialità, all’estro e all’intraprendenza di una trevigiana: Diletta Scandiuzzi, socia insieme al Ceo Diego Creazzo della startup specializzata nella lavorazione di mascarpone, la D&D Srl, azienda innovativa che sviluppa il marchio Dilettamisù in esclusiva. La versatilità del processo produttivo della crema al mascarpone, la capacità di rinnovare un prodotto tradizionale conquistando il commercio attuale è tutto Made in Treviso. Una peculiarità territoriale che ha riscosso molto successo alla 16esima edizione di Caseus Veneti, la manifestazione di Villa Contarini a Piazzola sul Brenta che celebra le eccellenze casearie della Regione Veneto.

Luca Zaia, innamorato del Dilettamisù

Luca Zaia, Presidente della Regione Veneto con Diletta Scandiuzzi di Dilettamisù al Caseus Veneti 2020. Il prodotto per la manifestazione è stato realizzato con il mascarpone della nota LATTERIA SOLIGO.

Nella cornice di Villa Contarini a Piazzola sul Brenta, il rieletto Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, ha particolarmente apprezzato il prodotto trevigiano proposto dalla D&D, per l’occasione in collaborazione con un’altra eccellenza regionale, la Latteria Soligo, elogiandone gusto e qualità. Una conferma per Diletta e Diego che li sprona a proseguire sulla strada dell’innovazione alla conquista non solo del Veneto ma anche di mercati fuori dai confini regionali e italiani.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Popolari

Maria Chiara, non vedente e disabile, si laurea con 110 e lode: “Un simbolo per molti ragazzi”

Arriva per la 26enne Maria Chiara la seconda laurea in lingue per la comunicazione e la cooperazione internazionale all'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. La tesi, scritta interamente in francese, coniuga le sue due più grandi passioni: le lingue e la musica.

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 20 eserciti più potenti al mondo?

20) Spagna Indice della forza militare: 0,3388Popolazione totale: 49.331.076Personale...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Ultimi

Mascherina ed effetti collaterali, se troppo usata diventa inutile e nociva

Mascherina, utilità ed effetti collaterali. Da mesi, anzi ormai quasi un anno,...

Scuole, rientro in classe per 640 mila studenti. Azzolina: “Atto di responsabilità”

Ad oggi sono nove le Regioni che hanno visto rientrare in classe gli studenti delle scuole superiori. C'è chi suggerisce prudenza, mentre in Lombardia aumentano le occupazioni lampo.

Quali sono le competenze fondamentali per fare trading online

Complice il particolare contesto storico che stiamo vivendo, un numero sempre crescente di risparmiatori approccia quotidianamentea a questo mondo. Ecco cos'è.

Il ‘dono’ di Lorenzo Quinn a Palermo: le mani giganti davanti alla Cattedrale

Lorenzo Quinn, scultore italiano nonché emblema dell'arte figurativa, arriva anche in Sicilia...

Medico morto dopo il vaccino anti-Covid, l’autopsia esclude correlazione con il farmaco

Il medico morto dopo il vaccino anti-Covid, 64 anni, mantovano, è deceduto...