lunedì, Novembre 30, 2020

Terremoto Centro Italia e Covid, la ripartenza lenta del nostro Paese

Sono passati quattro anni dal terribile sisma che ha colpito Lazio, Umbria, Abruzzo e Marche. Terremoto Centro Italia e Covid, due occasioni di ripartenza e di ricostruzione per il nostro Paese.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Il 24 agosto 2016 un violento terremoto piegò alcune regioni del Centro Italia: Lazio, Abruzzo, Marche e Umbria. Quattro anni dopo è ancora lontana una ripresa della normalità, resa ancora più difficile dall’arrivo della pandemia. Terremoto e Covid, due fenomeni così diversi ma così uguali, almeno nella scia di dolore che si lasciano dietro nella sfera più intime delle persone. Terremoto e Covid, due occasioni di ripartenza e di ricostruzione per il nostro Paese, da non sprecare.

Terremoto Centro Italia, quando la terra tremò

Alle 3:36 del 24 agosto 2016 una scossa di terremoto di magnitudo 6.0 tra i comuni di Accumoli e Arquata del Tronto sconvolse il centro Italia, provocando centinaia di vittime. Gente del posto, uomini, donne e bambini ma anche turisti. Una furia che in pochi secondi ha spazzato via palazzi, case, vite. Macerie, polvere, grida e paura in una notte agostana che nessuno mai dimenticherà.
Quel terribile sisma colpì, tra gli altri, in maniera devastante, il borgo di Amatrice, nel reatino. Seguirono nei mesi successivi altre forti scosse come quelle del 26 e del 30 ottobre nel Centro Italia già lacerato. Vittime e migliaia di sfollati, almeno 40 mila senza un tetto sopra la testa in cui piangere le ferite o affrontare questo lutto devastante.

Terremoto Centro Italia oggi

La lenta ricostruzione delle aree del cratere colpite dal terremoto del 2016.

Dopo quattro anni e ben quattro commissari straordinari per la ricostruzione nelle aree colpite dal sisma del centro Italia, lì è ancora tutto fermo. In quelle zone ancora spettrali regnano paura, macerie, spopolamento, lentezza burocratica e rabbia. Ma non c’è posto per lo scoraggiamento. Soltanto poco più del 3% delle 80mila abitazioni dichiarate inagibili è oggi di nuovo utilizzabile, tra le 13.900 domande inviate per richiedere il contributo ai lavori. Ci sono ancora 41 mila persone senza casa e che vivono in soluzioni abitative di emergenza provvisorie, in alberghi o nei famigerati container. A rilento anche la ricostruzione pubblica. Giovanni Legnini, il commissario succeduto a Piero Farabollini, Paola De Micheli e Vasco Errani, assicura che le nuove ordinanze varate da febbraio ad oggi, insieme ad alcune norme inserite nel decreto semplificazioni, nel Cura Italia e nel decreto Agosto, potranno sbloccare questa situazione di stallo.

Leggi anche: Decreto Rilancio. Conte: “Abbiamo sbloccato miliardi per aiutare gli italiani”

Terremoto Centro Italia, le aree del cratere alle prese con il Covid

Nelle zone del cratere, così come nel resto d’Italia, si fa i conti anche il Covid. L’emergenza sanitaria da coronavirus più volte è stata accostata ad una guerra o a un terremoto, specialmente dal punto di vista emotivo e alla scia delle conseguenze che questi fenomeni si trascinano. A pagare cara la pelle siamo sempre noi, le persone. Se per molti il lockdown è stato un sacrificio insormontabile, per chi lo ha trascorso in soluzioni abitative di emergenza, con fuori dalla finestra macerie, tristezza e la morte nel cuore, il confinamento sociale sembrava non finire mai. Il Covid rallenta ancora di più la macchina burocratica della ricostruzione e mette in pericolo la salute dei terremotati che vivono ancora nei container tra muffa, caldo afoso d’estate e freddo durante l’inverno. Solo a Tolentino, nel maceratese, vivono circa 200 sfollati, senza casa dopo il sisma del 2016. Dormono in stanze anguste, condividono bagni e mensa con altri sfollati e questa condizione rende difficile mantenere il distanziamento, importante invece per evitare il diffondersi del coronavirus.

Leggi anche: Covid-19, la ricerca: “Oltre metà dei ricoverati ha postumi con disturbi psichiatrici”

Terremoto e Covid, stessi disturbi mentali

L’attuale emergenza sanitaria intaccherà la salute e il benessere mentale di molti individui per periodi a breve e a lungo termine. Uno studio condotto in Italia e pubblicato di recente sulla rivista medRxiv parla di un tasso elevato di presenza di disturbi, come ansia depressione, stress e insonnia e altri disturbi mentali. Ma le situazioni di crisi provocano anche comportamenti dannosi e autolesionisti. Secondo gli studiosi, questi sintomi sono conseguenti ad eventi come attacchi terroristici, sparatorie, terremoti o uragani, che cambiano improvvisamente e in maniera profonda la vita di tutti i giorni.

Leggi anche: Superbonus 110%, come funziona e chi può richiederlo

Terremoto Centro Italia e Covid, ripartire e ricostruire

Daniele Valentini, titolare dall’Albergo Dal navigante che riapre a Castelsantagelo sul Nera dopo il terremoto del 2016.

Cosa accomuna il terremoto del Centro Italia e il Coronavirus? La parola ripartenza. La necessità di ricostruire il paese. La voglia e il bisogno di una seconda rinascita. Certo, la burocrazia è da sempre nemica di iniziative di questo genere, ma la forza di non mollare ci appartiene. L’arte di arrangiarsi e di rimboccarsi le maniche gli italiani ce l’hanno nel DNA. Non sprechiamo queste due importanti occasioni. Ci sono esempi virtuosi, privati che ci insegnano che la ricostruzione post terremoto e nonostante il Covid è possibile. Sul Corriere della Sera, è una buona notizia la recente riapertura a Castelsantangelo sul Nera, altro borgo distrutto dal sisma del 2016, dell’Albergo “Dal navigante”, fino a poco tempo fa inagibile. Ecco le parole incoraggianti dello chef e proprietario Daniele Valentini:

Con i miei genitori e mio fratello Battista abbiamo cercato di vivere il terremoto come un punto di partenza e non come la fine di tutto. Con lo stesso spirito affronteremo anche questa crisi che sta sconvolgendo il mondo.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 20 eserciti più potenti al mondo?

20) Spagna Indice della forza militare: 0,3388Popolazione totale: 49.331.076Personale...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Ultimi

Online dating: la guida definitiva alle app di incontri in rete

Parlare di online dating è per certi versi ancora un tabù. Per...

Ci lascia David Prowse, il mitico Darth Vader di Star Wars

Il celebre attore è morto questa domenica all’età di 85 anni. La scomparsa è stata annunciata della sua agenzia con un messaggio su Twitter.

Utah, scomparso il misterioso monolite di metallo

Era stato avvistato lo scorso 18 novembre in un remoto deserto ad ovest degli Stati Uniti. Le ipotesi sulla sua origine le più fantasiose. Ad ogni modo, il monolite è stato rimosso, ma è ancora mistero.

Cos’è il cambiamento climatico e come influenzerà la nostra e le future generazioni

Sempre più spesso sentiamo parlare di cambiamento climatico, riscaldamento globale, catastrofi ambientali...

Le 10 frasi più pronunciate da Conte durante la pandemia. Una è virale

Giuseppe Conte è ufficialmente al Governo dal 1 Giugno 2018, con rinnovo...