martedì, Dicembre 1, 2020

Covid-19, la ricerca: “Oltre metà dei ricoverati ha postumi con disturbi psichiatrici”

Da uno studio dell’Irccs dell'ospedale San Raffaele di Milano si è evinto che il 56% delle persone che hanno contratto la Covid-19 ha presentato segni di depressione, disturbo post traumatico da stress, ansia o insonnia.

Luca Tartaglia
Luca Tartaglia
Classe 88. Yamatologo laureato in Lingue Orientali, specializzato in Editoria e Scrittura, con un Master conseguito in Diritto e Cooperazione Internazionale. Ama dedicarsi a Musica e Cultura, viaggiare, “nerdeggiare” e tutto ciò che riguarda J. J. R. Tolkien

Non si limita a colpire fisicamente l’oramai noto coronavirus. Non interessa quindi solo il nostro corpo, ma anche la nostra mente. Questo è emerso da uno studio guidato da Francesco Benedetti, psichiatra e Group leader dell’Unità di ricerca in Psichiatria e psicobiologia clinica dell’Irccs milanese. Studio pubblicato sulla rivista scientifica Brain, Behavior and Immunity. Il 56% dei 402 pazienti sottoposti a interviste e visite regolari ha mostrato delle patologie di carattere psichiatrico, in particolare depressione, ansia e insonnia. Questo anche dopo esser stati dimessi dall’ospedale. Il Professor Benedetti ha infatti rimarcato il ruolo del virus:

È apparso chiaro da subito che l’infiammazione causata dalla malattia potesse avere ripercussioni anche a livello psichiatrico. Infatti, gli stati infiammatori, anche in conseguenza a infezioni virali, possono costituire dei fattori di rischio per diverse patologie, in particolare la depressione.

Leggi anche: Lo sfogo dell’infermiera di Lucca: “Imbecilli se pensate che il virus sia finito”

Risposta immunitaria e stress

I medici hanno riscontrato, sui 402 pazienti in esame presso il San Raffaele di Milano, nel 28% dei casi il disturbo post-traumatico da stress, nel 31% la depressione, nel 42% dei pazienti l’ansia e nel 40% l’insonnia, e infine nel 20% una sintomatologia ossessivo-compulsiva. Principalmente due le cause di queste patologie psichiatriche. Possono sia essere generate dalla risposta immunitaria al virus stesso, sia da fattori di stress psicologico come l’isolamento sociale, le preoccupazioni correlate e il rischio di infettare gli altri, con conseguente “marchio” sociale. Questo studio sembra essere solo uno dei primi che ha come focus quello di approfondire la condizione psicopatologica delle persone affette da Covid-19.

Obiettivo ridurre isolamento sociale

Tra i tanti dati interessanti rilevati, importante è quello che vede i pazienti con una precedente diagnosi psichiatrica, peggiorati. Invece, tra coloro che non erano mai stati affetti da nessun tipo di disturbo psichiatrico, sono le donne ad aver sofferto di più per l’ansia e la depressione, anche in presenza di una minore gravità dell’infezione. Il professor Benedetti continua:

Questo conferma quello che già sapevamo, ossia la maggior predisposizione della donna a poter sviluppare disturbi della sfera ansioso-depressiva, e ci conduce a ipotizzare che questa maggiore vulnerabilità possa essere dovuta anche al diverso funzionamento del sistema immunitario nelle sue componenti innate e adattive.

Centrale deve essere il ruolo del supporto sanitario nel diminuire l’isolamento sociale e impedire un eventuale isolamento che non farebbe altro che amplificare la condizione di sofferenza psicologica del paziente. Infine, grazie alla creazione immediata ad inizio pandemia di una bio-banca, il passo successivo incalza il Dott. Benedetti:

Sarà quello di è approfondire la ricerca sui bio-marcatori dell’infiammazione per diagnosticare condizioni patologiche emergenti e monitorarle nel tempo.

Leggi anche: Mattarella su Covid-19: “Libertà non è fare ammalare gli altri”

Luca Tartaglia
Luca Tartaglia
Classe 88. Yamatologo laureato in Lingue Orientali, specializzato in Editoria e Scrittura, con un Master conseguito in Diritto e Cooperazione Internazionale. Ama dedicarsi a Musica e Cultura, viaggiare, “nerdeggiare” e tutto ciò che riguarda J. J. R. Tolkien

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 20 eserciti più potenti al mondo?

20) Spagna Indice della forza militare: 0,3388Popolazione totale: 49.331.076Personale...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Ultimi

Germania, auto sulla folla nell’area pedonale di Treviri: 2 vittime, almeno 10 i feriti

È accaduto nel primo pomeriggio, nel principale mercato cittadino della città. L’uomo, un cinquantunenne, è stato fermato dalla polizia.

Approvato il farmaco contro la progeria sperimentato da Sammy Basso

Approvato dalla Food and Drug Administration negli Usa il primo farmaco contro...

Oltre a Ristori quater e bonus cashback, tra le misure anche la lotteria degli scontrini

Per alleggerire il peso che le restrizioni della pandemia hanno imposto agli...

Il Google Doodle illumina dicembre, il December global holidays 2020

1 dicembre 2020, inizia l'ultimo mese di questo faticoso anno 2020 e...

La storia di Melissa, malata di Sma1, e del farmaco più costoso al mondo

Melissa ha solo nove mesi e grave forma infantile di atrofia muscolare spinale. Per le cure avrebbe bisogno del Zolgensma, uno tra i farmaci più costosi al mondo. È iniziata la raccolta fondi per salvarle la vita.