lunedì, Ottobre 18, 2021

In Svezia, aperto il primo ristorante “per uno”. Un tavolo e una sedia in mezzo a un campo

Sembra un po' l'emblema della solitudine ai tempi del Covid, ma forse il primo ristorante per una sola persona è un'ottima soluzione anti contagio.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Per chi teme di non rispettare il distanziamento di un metro imposto dal Covid nei locali, o per chi crede che indossare la mascherina a tavola mentre si mangia, tra una pietanza e l’altra sia scomodo, nessun problema. In Svezia nasce il primo ristorante per una sola persona, in piena campagna e senza il servizio dei camerieri. Una soluzione anticovid a tavola.

Un tavolo per uno

La solitudine figlia del Covid è servita a tavola in maniera diversa e socialmente distanziata. L’idea è venuta allo lo chef Rasmus Persson e a sua moglie Linda Karlsson in Svezia, più precisamente a Ransäter. Il ristorante si chiama Bord för en che in svedese significa, per l’appunto, tavolo per uno, ed è sicuramente uno dei pochi ristoranti sicuri al tempo del Covid.

Leggi anche: Milano, ristorante realizza casette per rispettare il distanziamento. No al plexiglass

Come funziona il servizio al ristorante solitario

Il tavolo è posizionato all’aperto in un campo, in modo tale che il cliente non abbia interazione sociale. L’ospite segue le istruzioni dalla fermata dell’autobus al tavolo. Il cibo viene inviato al commensale attraverso una specie di teleferica, con una fune che collega la cucina con il tavolo e posizionato in un tipico cestino da picnic in vimini con quadretti bianchi e rossi. Il menù prevede tre portate, ed è preparato con gli ingredienti locali nella cucina della fattoria dove vive la coppia innovativa, che si trova a 50 metri dal campo.

Leggi anche: Un ristorante giapponese ti presenta il conto in base ai tuoi follower di Instagram

Rustico, in solitudine ma con stile

Il servizio in questo speciale ristorante è certamente rustico ma non manca di stile: il tavolo è elegantemente apparecchiato con una tovaglia bianca, i fiori di campo come decorazione e una sola sedia pronta ad accogliere l’unico ospite. Per il conto, avviene tramite contactless e, secondo quanto riportato da Food and Wine, sarò lo stesso cliente a decidere quanto pagare per il pasto. Tra una prenotazione e l’altra verranno fatte passare almeno sei ore e il tutto verrà sanificato per evitare ogni tipo di contagio.

Leggi anche: La Svezia preoccupa l’Europa: frontiere chiuse e turismo a rischio

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Ultime notizie