domenica, 29 Gennaio 2023

Superbonus, due classi energetiche in più con i pacchetti chiavi in mano fotovoltaico e pompa di calore

Ottenere due classi energetiche in più in villetta non è mai stato così facile, con i kit chiavi in mano che abbinano impianto fotovoltaico e pompa di calore.

Enrica Vigliano
Enrica Vigliano, romana per adozione. Lavora nel mondo dell’arte e della comunicazione di eventi, dopo gli studi di Archeologia e di Business dei beni culturali. Adora parimenti la matematica e la grammatica, avendo una predilezione per le parole crociate e per la vita all’aperto.

Basta poco per ottenere il Superbonus e ristrutturare casa a spese zero: chi ha una villetta o un’abitazione isolata può facilmente ottenere il famigerato salto di due classi energetiche con pochi ma efficaci interventi, iniziando a risparmiare da subito.

E con le offerte “chiavi in mano” che ormai spopolano da nord a sud, il meccanismo è ancora più semplice: l’utente finale non deve pensare a niente, a parte l’affidarsi a ditte specializzate e responsabili.

Come sappiamo, il Superbonus 110% garantisce, sia con lo sconto in fattura che con la cessione del credito, di usufruire di sostanziose detrazioni fiscali a patto che venga rispettato il requisito del miglioramento di due classi energetiche, comprendendo nei lavori di ristrutturazione almeno un intervento trainante.

Come ottenere il Superbonus con il fotovoltaico

Benché la sola installazione di un impianto fotovoltaico non sia considerato un intervento trainante, oggi per il mondo residenziale esistono una serie di pacchetti chiavi in mano in cui l’installazione dei moduli solari viene affiancata dalla sostituzione con una pompa di calore dell’impianto di riscaldamento a gas.

L’incentivo al 110%, infatti, è valido per tutti quei lavori volti a migliorare l’isolamento termico, siano essi la coibentazione del tetto, il rivestimento di almeno il 25% delle superfici disperdenti con un cappotto termico, o la sostituzione della caldaia a gas con una a condensazione o, ancora, l’installazione di sistemi ibridi o a condensazione al posto dell’impianto di riscaldamento.

La pompa di calore, intervento trainante, è quindi la chiave di volta per aumentare di due classi energetiche l’efficienza dell’abitazione, ottenere un risparmio in bolletta grazie alla produzione di energia elettrica e all’autoconsumo, migliorare la qualità della vita e dell’ambiente.

Cosa prevedono le soluzioni chiavi in mano

Superbonus, due classi energetiche_rendering

Gli interventi previsti dalle soluzioni all inclusive per il mercato residenziale comprendono:

  • Progettazione e assistenza delle pratiche burocratiche.
  • Installazione della pompa di calore alimentata dai pannelli solari, in sostituzione dell’impianto di riscaldamento.
  • Impianti fotovoltaici da 3kW e non superiori ai 10kW.
  • Impianti di accumulo con inverter.
  • Installazione della colonnina di ricarica per veicoli elettrici.

Anche se non si possiede un’auto elettrica, la transizione energetica punta sempre di più su questo tipo di trasporto e, visto che l’intervento è trainato e rientra nel Superbonus, nel prossimo futuro avere una stazione di ricarica si rivelerà un plus molto apprezzato.

Non mancano gli esempi di tanti utenti che, pur non avendo ancora un veicolo di ultima generazione, sfruttano la colonnina anche per ricaricare, ad esempio, la bicicletta elettrica.

Leggi anche: Nuovi orizzonti del fotovoltaico: arriva l’auto solare

La verifica dei requisiti senza pensieri

Un altro aspetto vantaggioso offerto dai pacchetti chiavi in mano è quello che l’utente finale non dovrà minimamente preoccuparsi di tutta la trafila burocratica e amministrativa prevista in caso di lavori come questi.

La gestione delle pratiche, la verifica strutturale dei requisiti, la richiesta dell’attestazione energetica e tutte le varie ed eventuali che potrebbero insorgere, sono comprese nell’offerta, così come l’assistenza post installazione e i servizi aggiuntivi.

Ad esempio, il Kit Bundle Superbonus 110% di Fotovoltaico Semplice, studiato appositamente per ville, villette e abitazioni isolate, garantisce anche un’assicurazione sui prodotti e sulle installazioni, il sistema di monitoraggio dell’impianto fotovoltaico, le pratiche per lo Scambio sul Posto e la connessione alla rete elettrica. Il tutto entro 90 giorni dalla stipula del contratto.

Altri interventi trainati

Superbonus, due classi energetiche in più_colonnina

Una volta che si decide di optare per un kit chiavi in mano, ci si può spingere oltre perché il vantaggio non finisce qui: agli interventi trainanti si possono aggiungere, sempre rigorosamente senza spese per l’utente, anche lavori più piccoli, che però aumentano il valore della casa e soprattutto garantiscono un benessere maggiore.

Ad esempio si può abbinare la sostituzione degli infissi, così da incrementare il beneficio del cappotto termico. O ancora l’abbattimento di barriere architettoniche se sono presenti in casa persone con più di 65 anni.

Leggi anche: Bonus fotovoltaico: come dimezzare le bollette a costo zero e rispettando l’ambiente

Enrica Vigliano
Enrica Vigliano, romana per adozione. Lavora nel mondo dell’arte e della comunicazione di eventi, dopo gli studi di Archeologia e di Business dei beni culturali. Adora parimenti la matematica e la grammatica, avendo una predilezione per le parole crociate e per la vita all’aperto.

Correlati

Superbonus 90%: a cosa serve il quoziente familiare e come si calcola

La revisione del Superbonus edilizio ha introdotto un nuovo parametro di accesso alla detrazione...

Evitare la crisi: ecco come l’Europa può far fronte alla penuria di gas naturale nel 2023

Un deficit da 30 miliardi di metri cubi di gas naturale: queste le previsioni...

Superbonus 90%: a chi spetta e cosa cambia

Il Decreto Legge Aiuti quater, le cui modifiche sono state approvate dalla Camera in...