lunedì, Ottobre 18, 2021

“Strappare lungo i bordi”: la serie di Zerocalcare attesa alla Festa del Cinema di Roma

Arriva la prima serie animata tratta dai fumetti di Zerocalcare. Il nuovo prodotto targato Netflix verrà proiettato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma il prossimo 18 ottobre. Sulla piattaforma streaming sarà invece disponibile per gli abbonati dal 17 novembre.

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Strappare lungo i bordi. È il titolo scelto per la prima serie animata firmata da Zerocalcare. Il fumettista romano per questa tappa professionale della sua vita ha scelto di abbandonare per un momento la carta stampata e approdare sugli schermi.

La serie verrà presentata in anteprima alla Festa del Cinema di Roma il prossimo lunedì 18 ottobre. Per tutti gli abbonati Netflix sarà invece disponibile in streaming a partire dal prossimo 17 novembre. Disponibile anche su Sky Q.

La prima serie animata di Zerocalcare: “Strappare lungo i bordi” in anteprima alla Festa del Cinema di Roma

La prima serie animata di Zerocalcare: "Strappare lungo i bordi" in anteprima alla Festa del Cinema di Roma

Strappare lungo i bordi è dunque il primo lavoro con cui il noto fumettista ha scelto di esplorare il mondo delle serie animate e sarà composta da sei episodi della durata di circa 15 minuti ciascuno.

Per la campagna promozionale Netflix aveva già diffuso il primo diffuso il teaser trailer lo scorso 21 dicembre 2020 e adesso invece sul sul web sono state condivise alcune delle nuove immagini tratte dalla serie e diffuse su tutte le piattaforme social dai fan dell’artista romano. Per chi non potrà dunque assistere alla proiezione in anteprima di Strappare lungo i bordi l’appuntamento è rimandato al prossimo mese, la data: 17 novembre.

L’attesa per la nuova serie animata Netflix è enorme, e per il grande lavoro a cui Zerocalcare ha sempre abituato i suoi lettori, lo sono inevitabilmente anche le aspettative per questi sei episodi che andranno a comporre la serie Strappare lungo i bordi. Le vicende sarnno ambientati in quello che è l’ormai famoso universo narrativo di Zerocalcare.

Trattandosi dell’universo narrativo a cui i fan sono abituati, e che ha contribuito a dare il taglio originale ai lavori del fumettista, non verrà ovviamente tralasciato l’aspetto pungente, comico e satirico che rappresenta appunto la firma di Zerocalcare.

Anticipazioni su Strappare lungo i bordi

Zerocalcare percorrerà un viaggio in treno con Sarah e Secco, gli amici di una vita che fanno da sempre parte del suo universo fumettistico. Uno dei protagonisti della serie presumibilmente sarà il tema del viaggio, da sempre argomento di riflessione in tantissime opere, dalla letteratura fino al cinema (dove si può dire abbia avuto la massima espressione interpretativa).

Oltre a Sarah e Secco, non potranno mancare gli altri due personaggi cardine delle storie a fumetti, si parla ovviamente dell’Amico Cinghiale e l’iconico Armadillo.
La novità interpretativa sarà proprio nel vedere, anzi ascoltare, Zerocalcare stesso prestare la sua voce ai vari personaggi, eccezion fatta per l’Armadillo. Quest’ultimo è interpretato vocalmente dall’attore Valerio Mastandrea.

Chi è Zerocalcare: il bravissimo fumettista romano autore di “Strappare lungo i bordi”

Chi è Zerocalcare: il bravissimo fumettista romano autore di "Strappare lungo i bordi"

Zerocalcare è lo pseudonimo di Michele Rech. Come raccontato dallo stesso autore Il nome d’arte Zerocalcare è quando, dovendo scegliersi un nickname per partecipare a una discussione su Internet, Michele scelse di ispirarsi al famoso spot televisivo che pubblicizzava un prodotto anticalcare. Non un eccesso di fantasia, dato i grandi lavori a cui i lettori sono stati abituati negli anni, ma alla fine si è rivelato ugualmente efficace.

L’autore ha origini francesi per parte di padre, ma è cresciuto nella Capitale, precisamente nella zona Rebibbia-Ponte Mammolo. La sua attività fumettistica, dato la forte vena di analizzare e interpretare società non poteva che iniziare con i tragici eventi del G8 di Genova nel 2001.

Alla fine del 2019 ha raggiunto il traguardo del milione di copie vendute dei suoi libri.

La consacrazione al grande pubblico, o meglio per quelli che non avessero mai avuto modo di apprezzare le sue opere, arriva grazie ai bellissimi corti animati Rebibbia Quarantine trasmessi su LA7 nella trasmissione Propaganda Live durante il lockdown dovuto alla pandemia.

I volumi in questione sono Scheletri, la graphic novel pubblicata il 15 ottobre che narra una storia in parte autobiografica, ambientata tra passato e presente, mettendo insieme una atmosfera carica di misteri, tipica di un noir, a episodi efferati, senza dimenticare il consueto umorismo dell’autore.

Il 12 novembre esce invece A babbo morto, un libro in parte illustrato e in parte a fumetti, in cui scontri e disordini sociali vengono rappresentati attraverso una metafora natalizia dai risvolti macabri che vede coinvolti Babbo Natale, Folletti e Befana.

Leggi anche: ITsART, la nuova piattaforma streaming tutta italiana dedicata ad arte e cultura

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Ultime notizie