venerdì, Settembre 25, 2020

“Riaprite l’ILVA”, “No, bisogna chiuderla”, a Taranto il mostro divide le famiglie

Marianna Chiuchiolo
Marianna Chiuchiolo
Laureata in Mediazione Linguistica con un passato nella musica e nel teatro, scrive per il web da diversi anni. Appassionata di scienza, psicologia e viaggi, ama particolarmente passare ore a discutere di personaggi e trame analizzandone caratteristiche, vittorie e incongruenze. Scrittrice di racconti e sceneggiature perché l'immaginazione spesso lo richiede. Giocatrice di ruolo perché immaginare storie è bellissimo, ma viverle è meglio.

Quando si ottiene il posto fisso si festeggia. In molte realtà è così. Poco importa a quale prezzo arrivi questa solidità, ciò che conta è avere le spalle coperte. Del resto la stabilità economica permette anche di pagare le spese in caso di imprevisti, giusto? Forse. O forse no. Uno dei punti chiave dell’incomunicabilità generazionale che divide i giovani adulti di oggi dai loro genitori è proprio la concezione del lavoro, soprattutto in relazione alle priorità personali. Oggi non si aspira più a sistemarsi, non come lo si intendeva un tempo almeno: la stabilità economica ha una valenza soggettiva e addirittura non è detto che tutti puntino a raggiungerla. E così, quando si parla tra genitori e figli, spesso non ci si capisce. Da una parte si parla di insicurezza, instabilità e incertezze, dall’altra di fluidità, flessibilità e libertà. Per i primi il posto fisso è una ragione per festeggiare, per i secondi si festeggia quando si è in pace con se stessi. Proviamo a spostarci dalla teoria alla pratica e vediamo cosa accade quando il conto da pagare per la stabilità economica arriva davvero ed è molto salato. Un nome solo: Taranto. A Taranto queste divisioni sono ancora più accentuate a causa dello stabilimento che ha spaccato in due fazioni la popolazione. L’acciaieria dell’ILVA è ormai diventata un simbolo della città, non solo come stabilimento industriale ma anche come linea di separazione tra le due correnti di pensiero di cui sopra. La popolazione è divisa tra chi vorrebbe a tutti i costi la chiusura del mostro che ha inquinato i cieli della città e l’ha trasformata in una red zone dove l’incidenza di patologie tumorali, cardiache e respiratorie ha subito un’impennata rispetto al resto della regione, e tra chi è grato allo stabilimento che dagli anni ’60 porta denaro e lavoro alle famiglie della zona. Leggi anche: Ilva di Taranto: chiudere subito, rinascere in fretta

Stabilità economica o salute: una scelta difficile

Un divario generazionale e familiare che sta definendo Taranto ancor più che tutti i simboli ad essa storicamente legati, come il delfino e i due mari. Ne sono esempio Mauro Doro, operaio ILVA ora in cassa integrazione, e sua figlia Danila, ambientalista convinta che si batte per la chiusura dell’acciaieria. Una famiglia esemplare nel senso letterale del termine: all’ILVA devono il sostentamento ottenuto per decenni, ma anche un caso di tumore che ha colpito uno dei loro cari, malattia che senza le ciminiere e le loro polveri probabilmente non ci sarebbe stata. Poco importa se si lavora nella famigerata area a caldo o nell’area a freddo: tra i casi clinici registrati non sembra ci sia distinzione.

Siamo in Italia, un paese sviluppato e alle soglie del 2020: possibile che solo a Taranto non si possano conciliare salute e lavoro?

Così parla Mauro, che attende in cassa integrazione sperando di tornare in acciaieria. Si confronta deluso con i colleghi selezionati per i corsi di formazione, che lo avvertono: sono in realtà corsi su come trovare lavoro altrove, poiché incentrati sulla compilazione di un CV. Lui è uno di quelli che all’arrivo del posto fisso ha festeggiato, uno di quelli che la vorrebbe attiva. Perché forse è facile parlare di priorità e di salute, ma come fai quando hai figli a carico e l’operaio è tutto ciò che sai fare? Danila, invece, non ha dubbi: quella fabbrica non doveva esistere. Nulla vale una malattia mortale, nulla può essere pagato con la vita, neanche la stabilità economica. Così, insieme all’altra metà di Taranto, combatte, spera e propone alternative. Riqualificare una delle aree più belle d’Italia e investire sul turismo potrebbe essere un’alternativa:

Nonostante quella fabbrica molti degli operai tarantini non hanno futuro. E allora costruiamolo noi, con le bonifiche. Magari passeremo più tempo da disoccupati, ma poi almeno i nostri figli, quel futuro, torneranno a sognarlo.

La scelta tra lavoro e benessere è il punto cruciale del divario generazionale attuale. Prendere posizione è difficile, eppure necessario. Soprattutto a Taranto. Leggi anche: Non solo Ilva, Taranto non smette di sperare   di Marianna Chiuchiolo

Marianna Chiuchiolo
Marianna Chiuchiolo
Laureata in Mediazione Linguistica con un passato nella musica e nel teatro, scrive per il web da diversi anni. Appassionata di scienza, psicologia e viaggi, ama particolarmente passare ore a discutere di personaggi e trame analizzandone caratteristiche, vittorie e incongruenze. Scrittrice di racconti e sceneggiature perché l'immaginazione spesso lo richiede. Giocatrice di ruolo perché immaginare storie è bellissimo, ma viverle è meglio.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Ultimi

New York, la discarica più grande al mondo diventa parco naturale

Il Freshkills Park è un nuovo polmone verde alle porte della Grande Mela. La discarica più grande del mondo è stata trasformata in un’oasi naturale tre volte tanto Central Park. Un esemplare processo di ripristino ambientale.

Margherita Vicario critica “Sparami” di Emis Killa. I fan del rapper la insultano sui social

Bagarre sui social tra Margherita Vicario e Emis Killa. Volano insulti a...

Ibrahimovic positivo al Covid, da oggi è in quarantena a domicilio

Zlatan Ibrahimovic è risultato positivo al Covid. Lo ha comunicato il Milan....

La scrittrice siciliana Giovanna Giordano è candidata al Premio Nobel per la Letteratura 2020

La scrittrice di origine siciliana Giovanna Giordano, candidata al Premio Nobel per...

Perché oggi Google dedica un Doodle a Arati Saha?

Oggi Google dedica il suo Doodle alla vita e alle imprese della...