giovedì, 30 Giugno 2022

Chi è il prosumer, il protagonista della transizione energetica

Da consumer a prosumer: la transizione ecologica passa da questa nuova figura che anima il mercato dell'energia.

Con l’avvento dell’e-commerce, delle piattaforme di compravendita online, dei social e della condivisione in rete di esperienze e attività, la figura del prosumer si è affermata su quella del semplice consumatore.

Allo stesso modo, è un termine che sta via via prendendo piede all’interno del comparto energetico, vero e proprio protagonista della transizione energetica.

Ma chi è il prosumer e quali sono le sue caratteristiche?

Anatomia del prosumer

Da consumer a prosumer (4)

Il prosumer è un consumatore e allo stesso tempo un produttore di una determinata tipologia di merce. Il vocabolo deriva dalla crasi dei due termini inglesi consumer + producer e discende proprio dalla relativamente recente attitudine di un gran numero di persone che insieme producono e consumano un bene di qualsiasi tipo.

Nel mercato dell’energia, il prosumer diventa figura centrale di tutte quelle realtà decentralizzate di sistemi di produzione in cui un utente che sia in possesso di un impianto di generazione di energia elettrica non solo la consumi per se stesso o per i bisogni della sua famiglia, ma anche riesca a mettere da parte un’eccedenza che può cedere o vendere alla rete in cambio di servizi di varia natura.

Chi possiede impianti di pannelli fotovoltaici, impianti eolici, sistemi di microgenerazione o simili, può a tutti gli effetti diventare un prosumer entrando così a far parte della svolta energetica.

Le 8 tipologie di prosumer esistenti

Quando pensiamo ai prosumer, non dobbiamo pensare solo a una casa singola con pannelli solari, ma ad una vasta gamma di figure tra cui famiglie, attori commerciali e industriali.

Indipendentemente dal tipo di fonte, esistono due tipologie di impianti di produzione di energia rinnovabile: grandi impianti realizzati su siti adibiti al solo scopo di produrre energia da un ente deputato all’attività (si tratta di impianti cosiddetti “utility scale”) o piccole e medie fabbriche realizzate da soggetti consumatori di energia (privati ​​o imprese) che investono nella produzione di parte dell’energia che consumano a vantaggio economico e relativa autonomia

In base a questa distinzione, sono stati identificati otto diversi modelli di prosumer, a seconda dei fattori finanziari e non che li regolano e dei vantaggi che queste tipologie apportano alla società nel suo insieme. Ecco quali sono:

  • Famiglie collegate in rete con impianti fotovoltaici e di accumulo
  • Famiglie connesse in rete tramite comunità energetiche
  • Famiglie con impianti stand alone
  • Edifici commerciali con impianti di autoconsumo in loco
  • Prosumer industriali
  • Comunità virtuali di energia
  • Comunità virtuali di energia basate sulla prossimità alla rete nazionale dei servizi
  • Green Corporate Sourcing

I vantaggi di diventare un prosumer

Il passaggio ai sistemi di approvvigionamento decentralizzati deriva dal fenomeno in cui più persone, desiderose di imparare a vivere in modo più sostenibile, portano a un cambiamento nel comportamento degli utenti della corrente elettrica e del mercato dell’energia.

A livello globale c’è stato un cambiamento nel modo in cui le persone interagiscono con queste tipologie di prodotti: sempre più persone sono diventate più consapevoli dei danni ambientali derivanti dalle scelte delle decadi precedenti e, in alcuni casi, della loro mancanza. Questo cambiamento di visione può essere paragonato alla rivoluzione industriale.

Sebbene il prezzo di una scelta più sostenibile possa essere più alto rispetto a un atteggiamento conformista, i consumatori hanno mostrato la tendenza a optare per alternative più rispettose dell’ambiente, come l’acquisto di veicoli elettrici e l’installazione di un numero sempre maggiore di pannelli solari e fotovoltaici sui tetti. Di conseguenza, i consumatori stanno cambiando le abitudini, ottenendo benefici diretti sia in bolletta che per l’ambiente.

Il passaggio a comportamenti da prosumer e il decentramento della rete energetica si rivela fondamentale per ridurre le emissioni globali di carbonio.

Le microreti come chiave di sviluppo delle nazioni in via di sviluppo e non

Questo approccio, lungi dall’essere un ideale abbracciato solo dalle comunità di prosumer dei paesi sviluppati, sta germogliando nei paesi in via di sviluppo e nelle aree rurali.

In alcuni casi, le cosiddette microreti offrono opportunità di elettrificazione e di sviluppo economico altrimenti inesistente, mentre in altri, diventano un sistema energetico più affidabile rispetto alla rete centralizzata.

Leggi anche: Giornata mondiale della Terra: rigeneriamo il Pianeta con il fotovoltaico

Correlati

Finanza etica, mobilità green ed economia circolare: ecco i cardini del climate change

Si parla sempre più spesso di responsabilità sociale d'impresa, di economia circolare e di...

Data Center a energia pulita contro la carbon thumbprint

L'ossatura su cui si regge internet, i data center, produce tanta energia carbonica quanto...

Crisi del gas, a cosa andiamo incontro

Non solo benzina alla stelle, ma proteste, scontri, manifestazioni, blackout e innalzamento dei prezzi:...