sabato, Settembre 19, 2020

Perché non facciamo più figli

Enrica Vigliano
Enrica Vigliano
Enrica Vigliano, 33 anni, romana per adozione. Lavora nel mondo dell’arte e della comunicazione di eventi, dopo gli studi di Archeologia e di Business dei beni culturali. Adora parimenti la matematica e la grammatica, avendo una predilezione per le parole crociate e per la vita all’aperto.

Oggi hanno tra i 39 e i 54 anni e appartengono a quella che a è stata variamente battezzata Generazione X, dei “baby busters”, generazione perduta o fantasma. La prima definizione, consacrata dall’omonimo volume di Douglas Coupland del 1991, indica la generazione figlia di quella dei baby boomers. X come qualcosa di sconosciuto, vago, non ben definito. Una generazione che ha assistito alla “fine della storia”, vivendo da spettatrice eventi epocali quali la conclusione della guerra fredda o lo smantellamento del muro di Berlino. I nati tra il 1965 e il 1980 costituiscono il segmento più massiccio dell’attuale popolazione, pionieri delle nuove tecnologie, dotati di un’apertura mentale più ampia rispetto ai loro predecessori, flessibili, creativi e con spirito d’intraprendenza.

I baby busters, ovvero gli sconfitti

La seconda definizione mette in luce i tratti negativi che caratterizzano la Generazione X. “To bust” significa letteralmente rompere, eliminare, scassare. L’epoca dei baby busters è stata segnata dall’inesorabile calo delle nascite, dall’ascesa del numero dei divorzi, dalla crisi economica e dalla conseguente recessione, dalla necessità di essere in due a portare lo stipendio a casa, dalla perdita dei valori morali e religiosi. Per questo motivo i baby busters sono spesso additati con una serie di stereotipi: pigri, scettici, cinici, indifferenti, senza valori né stabilità familiare. Rassegnati al proprio destino di “sconfitti”, accecati dal boom economico e demografico che li ha preceduti, sono stati incapaci di proiettare verso il futuro le loro energie e speranze, vivendo un eterno presente ricco di incertezze. Hanno strenuamente lottato per distinguersi dai genitori, sia nella sfera dell’istruzione che della carriera, così come in ambito culturale e musicale: leit motiv di questa generazione sono stati il punk, il grunge, l’hip hop. Leggi anche: Viaggiare senza figli è il nuovo trend: nasce Tempted, la piattaforma children-free

Una generazione di imprenditori di se stessi

Sulle note della musica di rottura e con un’anima votata all’indipendenza, la Generazione X ha tuttavia partorito una schiera di “imprenditori di se stessi”. Uno studio del Sage Group ha dimostrato che il 55% delle nuove attività di business sono condotte da rappresentanti della generazione X. Eppure guadagnano almeno il 12% in meno di quanto non facessero i padri alla stessa età. Di qui il pessimismo che sembra permeare i quaranta-cinquantenni di oggi, intenti a voler ripristinare un’età dell’oro perduta. Forse proprio per questo hanno portato alla ribalta questioni quali inquinamento, ambiente, ed ecosostenibilità. Leggi anche: Facebook sta invecchiando. Gli adolescenti preferiscono snapchat

Il popolo senza figli, una rinuncia dettata da fattori culturali

Le ferite della generazione dell’interregno, nella transizione tra vecchie glorie e ascesa di millennials e “giovani Z”, si sono tramutate in quella che Richard Linklater definisce “non-partecipazione aggressiva”. Dati alla mano, i figli della Generazione X sono pochissimi. In Italia ogni anno il saldo demografico perde tra le 80 e le 120 mila unità. Migliaia di bambini non nati per ragioni che sembrano incomprensibili. A ben vedere, né la precarietà al lavoro, né la politica, né le condizioni economiche determinano da sole la scelta di procreare. La ragione ultima probabilmente è da ricercare in quei valori perduti, in quelle speranze dimenticate, in quella disillusione profonda davanti alla quale si è trovata a far fronte, impreparata, la Generazione X. Ancora una volta, politiche e legislazione dovrebbero proporre cambiamenti radicali che investano sul futuro, promuovendo un orientamento culturale propositivo e non difensivo. Solo in questo modo le Generazioni Y e Z potranno ristabilire l’equilibrio anelato e mai raggiunto dalla Generazione X. Leggi anche: Quelli della generazione Z? Hanno stoffa per innovare e fare impresa di Enrica Vigliano

Enrica Vigliano
Enrica Vigliano
Enrica Vigliano, 33 anni, romana per adozione. Lavora nel mondo dell’arte e della comunicazione di eventi, dopo gli studi di Archeologia e di Business dei beni culturali. Adora parimenti la matematica e la grammatica, avendo una predilezione per le parole crociate e per la vita all’aperto.

Correlati

Omicidio Colleferro, una vita extra lusso ma i quattro accusati percepivano il reddito di cittadinanza

I Fratelli Marco e Gabriele Bianchi, Francesco Belleggia e Mario Pincarelli sono...

Batterio Cina, in 3mila infettati dalla brucellosi per una fuga di laboratorio

Nel nord-ovest della Cina più di 3 mila persone sono state infettate...

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Libellula significato, simbologia e leggende

Libellula significato e spiritualità. Un insetto dai mille colori che affascina con il suo volo leggero incarnando diversi significati a seconda delle culture

Ultimi

A casa di Paola Barale, un rifugio nel cuore di Milano

Un appartamento luminosissimo in stile urban chic, nella zona Porta Garibaldi di Milano, con vista mozzafiato su City Life. Ecco qualche curiosità sulla conduttrice.

Lorella Cuccarini e i suoi quattro figli, una carriera da mamma

Lorella Cuccarini è tra le conduttrici più conosciute e amate del mondo televisivo italiano. Ma quando i riflettori si spengono è una mamma comprensiva e amorosa, sempre presente per i suoi figli.

Omicidio Colleferro, una vita extra lusso ma i quattro accusati percepivano il reddito di cittadinanza

I Fratelli Marco e Gabriele Bianchi, Francesco Belleggia e Mario Pincarelli sono...

Batterio Cina, in 3mila infettati dalla brucellosi per una fuga di laboratorio

Nel nord-ovest della Cina più di 3 mila persone sono state infettate...