sabato, Luglio 11, 2020

Facebook sta invecchiando: gli adolescenti preferiscono Snapchat

2
Valentina Cuppone
Valentina Cuppone
Valentina Cuppone, classe 1982. Caporedattore de Il Digitale. Formazione umanistica, una laurea in Lettere Moderne e una specializzazione in Comunicazione della cultura e dello spettacolo all’Università di Catania. Curiosa e appassionata di ogni cosa d’arte, si nutre di libri, mostre e spettacoli. Affascinata dal mondo della comunicazione web, il suo nuovo orizzonte di ricerca è l''innovazione.

Già a febbraio uno studio di eMarketer affermava che Facebook stesse perdendo quote sostanziose di giovani di età compresa tra i 12 e i 17 anni più velocemente di quanto previsto. Nel Regno Unito, secondo The Guardian, ragazzi della Generazione Z migravano e migrano verso Snapchat. E lo fanno forse per fuggire dalla presenza degli adulti sulla piattaforma di Zuckerberg o forse perché attirati da social che sfruttano in modo prevalente la potenza dell’immagine. Come Snapchat, appunto. Ci vorrebbe uno studio di sociologia dei media digitali per capirne a fondo le motivazioni, ma fatto sta che Facebook continua sì ad aggiungere utenti ma di fasce di età più adulte.

Nascono, crescono, invecchiano…. anche i social media

Regola di vita. Qualsiasi cosa nasce, cresce e si evolve. E i social media non sono tagliati fuori da questa legge. Così come l’ormai quasi dimenticato, e per alcuni preistoria, Myspace. Nato nel 2003, primo social network site mainstream che rintracciava nella passione per la musica il collante della sua community, Myspace diventa popolarissimo tra gli adolescenti di allora perché liberava la possibilità di creare una propria immagine, vera o presunta. Ma nel 2004 nasce Facebook. Prima pensato per connettere gli studenti universitari americani, poi aperto a tutti. Diventa in poco tempo lo spazio pubblico digitale più frequentato in assoluto. E lo è davvero, forse almeno fino alla questione Cambridge Analytica. Ai problemi riguardanti la privacy. Al pasticcio non ben chiaro delle ingerenze russe nelle elezioni americane. Alla difficile gestione delle fake news. Leggi anche: Privacy nel mirino sui social network

Facebook cambia i connotati

Il luogo per connettersi con il resto del mondo più diffuso negli ultimi vent’anni accusa il colpo e forse in parte si trasforma. Acquista altre realtà come Instagram e WhatsApp. Cambia la sua compagine sociale accogliendo in misura maggiore utenti di età superiore ai trentacinque anni. Facebook per la prima volta nella sua vita comincia a sentire qualche acciacco della vecchiaia. Forse per timore di avere invasa la propria privacy, forse per la diffusione enorme di sistemi di connessione mobile, come gli smartphone, che facilitano la connessione veloce e pratica ad altre piattaforme, comincia a essere abbandonato da un’importante fetta di utenti. Quelli più giovani. Probabilmente solo perché, insieme al fondatore del social media, sono cresciuti anche i suoi abitanti. Leggi anche: Zuckerberg cupido virtuale sfida Tinder e annuncia il lancio di una nuova funzione di dating

Nel Regno Unito e oltre oceano vince Snapchat

L’app per stories e filtri per le foto. Nel 2018 Snapchat raccoglierà circa 1,9 milioni di utenti tra i 12 e i 24 anni. È questa la novità. Non che Facebook perda quota così, improvvisamente. No. Solo che l’età media dei propri frequentatori sale, arrivando a perdere circa 2 milioni di utenti nella fascia di età inferiore ai 24 anni. E non tutti migrano su Instagram, che è comunque gruppo Zuckerberg. Ma sempre più adolescenti si rivolgono all’app che è un misto tra social network e servizio di messaggistica. L’app senza fronzoli o contenuti verbali invadenti. Dove l’intento è solo quello di coltivare le relazioni personali. Il rapporto uno a uno. Senza ingerenze di nessun tipo. Basata sulla teoria del non accumulo, dato che i messaggi hanno una vita di 24 ore, Snapchat offre un servizio più immediato e pone come valore assolutamente fondamentale l’immagine e la sua trasformazione. Per divertimento o per renderla più comunicativa. E cosa può cercare di meglio un ragazzino di 15 anni se non la possibilità di condividere le emozioni del momento con i propri amici senza badare ad altro? E magari senza trovare i propri genitori sulla stessa piattaforma. Insomma siamo o no nell’era dell’immagine, dove i video, le foto, le storie visuali hanno la meglio sui contenuti scritti? L’immediatezza del visivo a volte, e in certi contesti, batte ancora l’attenzione necessaria a leggere anche poche righe. Per concentrazione, per tempo a disposizione, forse solo e semplicemente per noia.

E in Italia?

Il nostro paese resta un po’ ancorato alle “tradizioni” anche in materia di social media. E un po’ lento risulta anche il cambiamento nei confronti dei mezzi utilizzati per coltivare il proprio network. Così nello studio Global Digital 2018, indagine condotta da We are social in collaborazione con Hootsuite, che si rifà ai dati raccolti nel 2017, (ma non sembra che la situazione nel Bel Paese sia cambiata), per gli internauti italiani vale ancora una posizione Facebook-centrica. Anche se, e non può essere cosa irrilevante, YouTube ha una percentuale più alta di frequentatori. Non risulta strano se pensiamo al successo quasi invadente di video e influencer in Italia negli ultimi decenni. Leggi anche: Dall’influencer al social media manager: le dieci professioni che fino a dieci anni fa non esistevano E se ci pensiamo bene è il ripetersi di una storia già vissuta. Media che prendono il posto di altri. Alcuni invecchiano altri nascono. La comunicazione, l’informazione e l’intrattenimento sono diventati di massa con la radio e la televisione. Soprattutto con quest’ultima. Vedere ed essere visti ha un potere che non è nato né con i mass né con i social media ma che fa parte della nostra natura umana. E forse per questo le nuove trovate digitali rappresentano spesso la promessa di un successo strepitoso.   di Valentina Cuppone

Valentina Cuppone
Valentina Cuppone
Valentina Cuppone, classe 1982. Caporedattore de Il Digitale. Formazione umanistica, una laurea in Lettere Moderne e una specializzazione in Comunicazione della cultura e dello spettacolo all’Università di Catania. Curiosa e appassionata di ogni cosa d’arte, si nutre di libri, mostre e spettacoli. Affascinata dal mondo della comunicazione web, il suo nuovo orizzonte di ricerca è l''innovazione.

Correlati

ISTAT, produzione industriale +42,1%: Stiamo uscendo dalla crisi?

Pubblicati i dati dell’Istituto nazionale di statistica che comunica: “A maggio 2020 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale aumenti del 42,1% rispetto ad aprile”.

Jennifer Aniston e Tom Hanks infuriati: “Chi non usa la mascherina si vergogni”

Da quando ha aperto il profilo Instagram, l’attrice Jennifer Aniston è sotto...

Conte verso proroga stato di emergenza Covid al 31 dicembre

L’Italia non è ancora fuori pericolo dal rischio contagi da Covid 19....

Popolari

Lucarelli, Ordine Giornalisti la deferisce: ecco la replica

Leon Pappalardo, il figlio minorenne di Selvaggia Lucarelli contesta pubblicamente Matteo Salvini...

Daniela Zanardi: “Fate di tutto per salvare Alex, purché ci sia speranza”

Il nuovo bollettino medico parla di rischio di eventi avversi che potrebbero aggravare ulteriormente le condizioni del campione. La moglie è con lui ma eviterebbe l'accanimento terapeutico.

Calendario Maya: il mondo finirà il 21 giugno 2020?

Secondo un’errata interpretazione del calendario, la vera fine del mondo non sarebbe stata il 21 dicembre 2012 ma sarà il 21 giugno 2020. La bufala che sta facendo impazzire il web.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Tiziano Ferro: “Un figlio con mio marito grazie al fostering”

Tiziano Ferro e il marito stanno pensando di avere un figlio. Tra le strade da percorrere, il fostering, una specie di affidamento temporaneo.

Ultimi

ISTAT, produzione industriale +42,1%: Stiamo uscendo dalla crisi?

Pubblicati i dati dell’Istituto nazionale di statistica che comunica: “A maggio 2020 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale aumenti del 42,1% rispetto ad aprile”.

Jennifer Aniston e Tom Hanks infuriati: “Chi non usa la mascherina si vergogni”

Da quando ha aperto il profilo Instagram, l’attrice Jennifer Aniston è sotto...

Conte verso proroga stato di emergenza Covid al 31 dicembre

L’Italia non è ancora fuori pericolo dal rischio contagi da Covid 19....

Esiste una legge per salvarsi dai debiti. Ecco come funziona

Esiste una legge per salvarsi dai debiti. È la Legge 3/2012 istituita...

Razzismo, perché Coca-Cola e altri brand ritirano la pubblicità da Facebook

I più grandi brand al mondo stanno bloccando la pubblicità su Facebook in segno di protesta per le sue politiche sui diritti civili.