giovedì, Novembre 26, 2020

Pace, amore e provocazione: lo scatto che divide il web

Marianna Chiuchiolo
Marianna Chiuchiolo
Laureata in Mediazione Linguistica con un passato nella musica e nel teatro, scrive per il web da diversi anni. Appassionata di scienza, psicologia e viaggi, ama particolarmente passare ore a discutere di personaggi e trame analizzandone caratteristiche, vittorie e incongruenze. Scrittrice di racconti e sceneggiature perché l'immaginazione spesso lo richiede. Giocatrice di ruolo perché immaginare storie è bellissimo, ma viverle è meglio.

Siamo la società della provocazione: contro corrente o comunque contro qualcosa, è questa la norma. Non ascoltiamo più le opinioni altrui per comprenderle, ma solo per rispondere, consci che nulla ci smuoverà dalla nostra posizione. Del resto, come singoli individui che cercano di farsi ascoltare nell’universo sconfinato del web, sembra che non ci sia altro modo per venire a galla se non alzare la voce. Ma in una stanza piena di persone che cercano di farsi notare gridando o spintonando esiste un metodo più efficace per fare la differenza: restare in silenzio. Ed è quello che ha fatto Matteo Menicocci, attivista lgbt originario di Roma che è riuscito a collezionare in pochissimi giorni oltre 6700 like e 350 commenti sotto un post pubblicato sul suo profilo Instagram. Tutti dissonanti e in contrasto tra loro, come da introduzione. Leggi anche: Gilet Gialli, ci ricordano l’importanza della rivoluzione

Come nasce uno scatto virale

La storia del bacio che ha spaccato in due il web comincia, parafrasando le parole dello stesso Menicocci, da un gratuito episodio di omofobia subito da lui e il suo compagno durante una serata romantica. La mattina seguente, decisi a provocare consapevolmente quei benpensanti che predicano pace e diffondono violenza, i due si lasciano immortalare mentre si baciano in una via di Gerusalemme davanti a una porta azzurra indossando gli indumenti simbolo di due religioni diverse, l’Islam e l’Ebraismo.

“Abbiamo deciso di celebrarlo così, con un gesto di Pace che unisse modernità e tradizione, unione per sconfiggere la violenza. Amore, perché senza di quello non siamo nulla”, questa la loro spiegazione.

Molto più che un semplice gesto d’amore

Uno scatto carico di significati, tanti, forse troppi ed è per questo che ha fatto il giro del web. La protesta silenziosa di Menicocci non parla soltanto di lotta all’omofobia, che già di per sé è un argomento che fa ancora discutere, ma c’è anche il riferimento a un argomento estremamente sensibile, il conflitto tra ebrei e palestinesi, un tema difficile da trattare senza imbattersi in polemiche e senza risultare offensivi nei confronti di chi quel conflitto lo sta vivendo o si impegna perché se ne parli. È poiché il web è lo specchio, forse il più limpido, della società attuale, il trend delle centinaia di commenti che si sono scatenati soltanto sul profilo di Menicocci è esattamente questo. Due correnti di pensiero: da una parte chi supporta la protesta pacifica dei protagonisti dello scatto, dall’altra chi ritiene che l’utilizzo degli indumenti tipici delle due religioni da parte di una coppia di laici sia una mera ricerca di attenzioni che sminuisce la gravità del conflitto e manca di rispetto alle vittime. Leggi anche: Il velo islamico firmato Nike è nei negozi di Milano: scoppia la polemica Un’immagine che in pochissimi giorni è stata condivisa in tutto il mondo, spesso anche senza la necessità di didascalie, perché se le parole “Siamo uguali a prescindere dal credo, dalla nazionalità e dall’orientamento sessuale, e le uniche cose che contano davvero sono la pace, la comprensione e l’amore” possono sembrare banali, la fotografia colpisce proprio in virtù del suo linguaggio universale e dei dettagli inconfondibili che contiene. Mai come in questo caso il vero significato dello scatto è determinato da ciò che in esso si vuole vedere. Che si tratti di amore, di protesta, di inno alla pace o superficiale provocazione, Menicocci ha fatto centro. E di questo non possiamo che prendere atto. di Marianna Chiuchiolo

Marianna Chiuchiolo
Marianna Chiuchiolo
Laureata in Mediazione Linguistica con un passato nella musica e nel teatro, scrive per il web da diversi anni. Appassionata di scienza, psicologia e viaggi, ama particolarmente passare ore a discutere di personaggi e trame analizzandone caratteristiche, vittorie e incongruenze. Scrittrice di racconti e sceneggiature perché l'immaginazione spesso lo richiede. Giocatrice di ruolo perché immaginare storie è bellissimo, ma viverle è meglio.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 12 eserciti più potenti al mondo?

Ti sei mai chiesto quali sono i 12 eserciti più potenti al...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Ultimi

È morto Maradona per arresto cardiocircolatorio

La fine di una leggenda: a 60 anni muore Diego Armando Maradona,...

La rinascita di Mila, grazie a un farmaco su misura per lei

Mila ha otto anni ed è affetta da un rarissimo disturbo neurologico. Gli scienziati sono riusciti a creare un farmaco su misura per lei. Quali i risvolti etici?

Tragedia a Palermo, bambina cade e muore a scuola. Aveva appena 10 anni

Tragedia a Palermo, nella scuola media Vittorio Emanuele Orlando. Nella mattinata di...

Femminicidio a Padova, uccide moglie incinta: la violenza sulle donne non si ferma, neanche oggi

Oggi, nella giornata della lotta contro la violenza sulle donne, si è...

Plastica biodegradabile che si dissolve in acqua, la rivoluzione di Sharon Barak

L'ultima innovazione della scienza verso un'economia sempre più verde è la plastica biodegradabile: non inquina. Si dissolve in acqua in pochissimi secondi e resta così pulita da poter esser perfino bevuta.