giovedì, Gennaio 28, 2021

Conclusa l’odissea dei migranti a bordo della Ocean Viking?

Arrivata l’autorizzazione da parte delle autorità italiane allo sbarco e al trasferimento sulla nave “quarantena” Moby Zazà. Risultati tutti negativi ai tamponi per Covid-19 i 180 migranti della Ocean Viking.

Finito nella notte tra il 6 e il 7 luglio il trasbordo dalla Ocean Viking alla nave “quarantena” Moby Zaza dei 180 migranti salvati nei giorni scorsi. Alle ore 20.15 circa di lunedì 6 luglio la nave Ocean Viking, della Ong Sos Méditerranée, ha attraccato a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento. Sembra così temporaneamente finire l’attesa dei 180 migranti, recuperati negli ultimi 10 giorni in 4 differenti missioni di salvataggio, a bordo della nave Ocean Viking.

Ocean Viking, salvati 25 minori e 2 donne

Tra le persone salvate sulla Ocean Viking si contano 25 minori e 2 donne. Sottoposti ai tamponi di routine per il Covid-19, nella mattinata di oggi si è avuta la conferma di nessun caso di positività. La situazione nelle ore precedenti lo sbarco sembrava aver raggiunto un picco di tensione che aveva portato il comandante della nave a dichiarare lo stato di emergenza. Sabato scorso, un medico inviato dalle autorità italiane aveva confermato la condizione di forte “stanchezza, stress e nervosismo”. Il giorno seguente erano stati predisposti dal Viminale i tamponi per tutti i naufraghi.

Leggi anche: Nello Scavo minacciato per le inchieste su Malta e migranti: “Fermatevi o vi fermeremo noi”


Ocean Viking, riprendono le attività delle Ong nel Mediterraneo


La Ocean Viking aveva ripreso la sua attività di ricerca e soccorso (Search and Rescue, SAR) nel Mediterraneo lo scorso 22 giugno dopo quasi 3 mesi di fermo a Marsiglia a causa del lockdown. Prima avevano già preso il mare le navi Mare Jonio della Ong Mediterranea Saving Humans e la Sea Watch 3, già protagonista a fine giugno per aver salvato 211 migranti. Sono proprio questi ultimi che hanno lasciato il loro “posto” sulla Moby Zazà ai migranti della Ocean Viking, dopo un periodo di quarantena di 14 giorni. Rimangono a bordo della Moby ancora 30 persone risultate positive al coronavirus, confinate sul ponte 7, adibito a zona rossa.

Leggi anche: Migranti, flop della sanatoria: nasce la campagna “SIAMO QUI”


Ancora in attesa la nave mercantile Talia


Dopo la Ocean Viking, non è invece ancora sbloccata la situazione della nave mercantile libanese Talia, a largo di Malta da diversi giorni con 52 migranti. La foto di un marinaio con in braccio un naufrago in gravi condizioni di salute ha fatto il giro di tutti i media in poche ore. Per autorizzare lo sbarco, il governo di Malta attende dall’Unione Europea l’assicurazione di una immediata ricollocazione tra i vari Stati membri. A rilanciare l’allarme riguardo le difficili condizioni e le responsabilità degli Stati interessati le Ong Open Arms e la Sea Watch, che scrive in un tweet dal suo account italiano:

Abbiamo rispettato la legge e non possiamo approdare in Europa, Non possiamo credere che un mercantile con limitate possibilità di assistenza compia il suo dovere mentre uno stato come Malta ora non assegni un porto sicuro come previsto dalla legge.

di Luca Tartaglia

Ultime notizie

Crisi di Governo, oggi le prime consultazioni. E in Senato nasce il gruppo Europeisti

Crisi di Governo aperta dopo le dimissioni del premier Conte. Oggi inizieranno le consultazioni al Colle, nel frattempo in Senato è nato un nuovo gruppo di Europeisti pro Conte ter.

Bonus studenti universitari, INPS apre il bando per borse di studio fino a 2000 euro

L'INPS interviene a supporto degli studenti universitari con borse di studio per corsi di laurea e di specializzazione post lauream. Bonus fino a 2000 euro.

Cani anti-Covid, fiutano il virus prima (e meglio) dei tamponi: ecco come

I cani anti-Covid potrebbero essere una vera e propria svolta nella lotta...

Edith Bruck sul valore della memoria: “Dopo di noi non faranno altro che cancellare”

Edith Bruck teme l'oblio del passato così come l'avvenire nel futuro. Ne 'Il pane perduto' si concretizza il suo dovere morale, quello di ricordare e testimoniare.

Legge contro la propaganda nazifascista, Prc: “Onoriamo la Giornata della Memoria”

In occasione della Giornata della Memoria, Rifondazione Comunista e il comune di Stazzema, Ravenna, invitano a sottoscrivere una legge che punisca la propaganda nazifascista.