sabato, Febbraio 27, 2021

Sicilia, obbligo delle mascherine all’aperto e tamponi per chi arriva dall’estero. L’ordinanza Musumeci fino al 30 ottobre

I contagi in Sicilia stanno aumentando. La Regione prende provvedimenti. L'ordinanza Musumeci entra in vigore mercoledì e sarà valida almeno fino al 30 ottobre.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

In Sicilia aumentano i contagi e i ricoveri per Coronavirus. Per evitare un nuovo lockdown, scongiurato per il nostro Paese dal Premier Conte, il Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci prende provvedimenti. Obbligo di mascherine anche all’aperto e tamponi per chi proviene dall’estero. L’ordinanza Musumeci entra in vigore mercoledì e sarà valida almeno fino al 30 ottobre.

Ordinanza Musumeci, nuove misure per evitare lockdown

L’ordinanza Musumeci è disponibile sul sito dell’Ente regionale e nasce dalla necessità di limitare al massimo contagi e ricoveri da Coronavirus, visto che questi numeri sono in continuo aumento sull’isola. Prudenza è la parola d’ordine, per cui ecco il motivo per cui fino al 30 ottobre in Sicilia si adottano misure ulteriormente restrittive come l’obbligatorietà delle mascherine anche all’aperto, tamponi rapidi per chi proviene dall’estero, i controlli periodici sul personale sanitario e sui soggetti considerati fragili e, molto importante per contenere la movida, i divieti di assembramento. Le parole del Presidente Musumeci:

I nostri costanti e ripetuti inviti alla prudenza purtroppo non sono stati da tutti adeguatamente raccolti ed entriamo in una fase difficile dell’epidemia, con l’arrivo della stagione influenzale. Abbiamo appreso che la chiave più importante per affrontare questa emergenza è rappresentata dalla tempestività delle decisioni e della previsione degli eventi futuri. La Sicilia non vuole un nuovo lockdown, ma per impedirlo dobbiamo impegnarci tutti, soprattutto i più giovani.

Leggi anche: Coronavirus Europa: la Francia è per metà “zona rossa”. Speranza: “Tampone obbligatorio per chi arriva da Parigi”

Ordinanza Musumeci, obbligo mascherina

Dopo La Campania di De Luca, anche la Sicilia di Musumeci prevedere l’obbligo di indossare le mascherine anche all’aperto. Indossare questo dispositivo di protezione è richiesto al di sopra dei 6 anni, nei luoghi aperti al pubblico specialmente se si è nel contesto di presenze di più soggetti. Si è dispensati solo quando ci si trova tra congiunti o conviventi.

Ordinanza Musumeci, tamponi per chi arriva dall’estero

Controlli anche sui tamponi. A tal proposti il testo dell’ordinanza prevede che chiunque entri nel territorio della Regione provenendo da Stati UE e/o extra UE ha l’obbligo di registrarsi sul sito www.siciliacoronavirus.it per comunicare la propria presenza al servizio sanitario della Regione. I cittadini residenti in Sicilia adempieranno a tale obbligo sia mediante la registrazione sul sito sia dandone pronta comunicazione al proprio medico di medicina generale o pediatra di libera scelta. A queste misure, dovranno uniformarsi anche coloro che hanno fatto rientro in Sicilia nei sette giorni antecedenti la pubblicazione dell’ordinanza. Spetta alle Aziende Sanitarie Provinciali competenti territorialmente la sottoscrizione di un Protocollo con le Società di gestione degli aeroporti, le Autorità portuali, i gestori del trasporto, di concerto con l’Assessorato regionale delle Infrastrutture e della Mobilità, al fine di sottoporre al tampone rapido i soggetti provenienti dai Paesi esteri.

Leggi anche: Nuovo Dpcm, mascherine obbligatorie, tamponi e discoteche ancora chiuse. Ecco cosa cambia

Ordinanza Musumeci, controlli periodici a personale sanitario e soggetti fragili

L’ordinanza della Regione Siciliana in vigore da mercoledì 30 settembre prevede che le Aziende del sistema sanitario regionale provvedano a svolgere controlli periodici sul personale, mediante tampone rapido, ovvero con altro mezzo di indagine diagnostica riconosciuto valido e certificato. Il dipartimento delle Attività sanitarie e l’Osservatorio epidemiologico dell’assessorato regionale della Salute monitorano il rispetto dell’ordinanza, anche mediante la distribuzione dei test necessari, se non reperiti dalle singole Aziende. LO stesso controllo periodico è previsto per gli ospiti delle strutture socio-sanitarie e per i soggetti ritenuti fragili.

Leggi anche: Coronavirus: “Il vaccino russo produce anticorpi”. I risultati pubblicati su Lancet

Ordinanza Musumeci, stretta sulla movida

Le misure di prevenzione contro i contagi da Covid 19 messe in atto dalla Sicilia riguardano anche la stretta sulla movida con il divieto di assembramenti. L’ordinanza, infatti prevede il divieto di assembramento con il prolungato stazionamento nei luoghi pubblici o aperti al pubblico quali, a titolo esemplificativo, le strade, le piazze e i parchi. Sono escluse – si legge nella nota – le sole occasioni di iniziative pubbliche previste dalla legge e/o comunicate alle Autorità di pubblica sicurezza, per le quali l’organizzatore è comunque responsabile dell’assoluto rispetto delle norme comportamentali per la prevenzione dal rischio di contagio. Nel caso di cluster a livello territoriale, i Dipartimenti di Prevenzione propongono al Presidente della Regione Siciliana l’adozione di Protocolli contenitivi, limitatamente ad aree infracomunali, comunali o sovracomunali.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Ultime notizie