martedì, Dicembre 1, 2020

Addio a Lea Vergine, la curatrice d’arte scompare un giorno dopo suo marito Enzo Mari

Il suo contributo nella rivalutazione dell’opera artistica femminile è stato prezioso e rivoluzionario. Lea Vergine muore a 82 anni, un giorno dopo la scomparsa del compagno di una vita, il designer Enzo Mari, per complicazione da Covid-19.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

È venuta a mancare all’età di 82 anni Lea Vergine, un giorno dopo la scomparsa del compagno di una vita, il designer Enzo Mari. I due erano ricoverati insieme al San Raffaele di Milano e i loro decessi sarebbero da attribuire a complicazioni legate al virus Covid-19. La spiccata personalità di Lea e il suo sguardo sempre attento alla contemporaneità l’hanno resa una delle figure più all’avanguardia nel panorama femminile della critica dell’arte.

Lea Vergine, la body art e l’avanguardia femminile

Da sinistra, Lea Vergine e Enzo Mari, entrambi morti per complicazioni legati al virus Covid-19.

Lea Vergine è stata una delle figure di spicco della critica d’arte degli ultimi cinquant’anni. Nata a Napoli nel 1938, Lea Buoncristiano, per tutti Lea Vergine, ha contribuito alla rivalutazione dell’opera artistica femminile della prima metà XX secolo. Si è spesa tutta una vita per valorizzare il contributo delle donne nell’arte curando mostre, scritti e interventi, in un panorama culturale dominato da una radicata visione patriarcale della società. Celebre è il suo saggio del 1974 Il corpo come linguaggio, dedicato all’evoluzione della body art e ai linguaggi visivi d’avanguardia.

Leggi anche: La storia di Masih che tolse il velo: “La prossima rivoluzione sarà femminista”

Lea Vergine e l’arte del superfluo

Intere generazioni di donne si sono formate sugli scritti di Lea Vergine. Tra gli altri, si ricordano Body art e storie simili (2000, Skira), Ininterrotti transiti (2001, Rizzoli) e la sua ultima pubblicazione, L’arte non è faccenda di persone perbene. Conversazione con Chiara Gatti, sempre edito da Rizzoli nel 2016. E naturalmente, altro testo imprescindibile per la conoscenza dell’autrice è Necessario è solo il superfluo, uscito per Postmedia Books e Sartoria editoriale, a cura di Stefania Gaudiosi. Vale la pena ricordare qui uno dei passaggi della celebre intervista di Lea Vergine per Artribune, sulla sua idea di arte. Diceva Lea:

L’arte non è necessaria. È il superfluo. Quello che ci serve per essere un po’ felici o meno infelici è il superfluo. Non puoi utilizzarla, l’arte, nella vita. ‘Arte e vita’ sì, nel senso che ti ci dedichi a quella cosa, ma non è che l’arte ti possa aiutare. Costituisce un rifugio, una difesa. In questo senso è come una benzodiazepina.

Leggi anche: Festival della Bellezza, 2 donne su 24 ospiti e un’opera rubata

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 20 eserciti più potenti al mondo?

20) Spagna Indice della forza militare: 0,3388Popolazione totale: 49.331.076Personale...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Ultimi

La storia di Melissa, malata di Sma1, e il farmaco più costoso al mondo

Melissa ha solo nove mesi e grave forma infantile di atrofia muscolare spinale. Per le cure avrebbe bisogno del Zolgensma, uno tra i farmaci più costosi al mondo. È iniziata la raccolta fondi per salvarle la vita.

Giornata mondiale contro l’Aids, un’epidemia ancora da combattere

Dopo 40 anni dalla sua scoperta, l’epidemia di Hiv continua silenziosa senza...

Taranto piange il piccolo Vincenzo: “Sostanze cancerogene nell’aria hanno determinato il cancro”

Annamaria Moschetti, medico del piccolo undicenne, denuncia il legame tra la malattia del piccolo Vincenzo e le sostanze cancerogene immesse nell’ambiente dall’impianto siderurgico.

Decreto ristori quater, Gualtieri: “Non siete soli, lo Stato è al vostro fianco”

Decreto ristori quater: con l'approvazione dell'ultimo decreto sui ristori economici arrivano, finalmente,...

Muore in un incidente stradale la giovane promessa del volley, Valeria Artini

Nel tardo pomeriggio di sabato scorso si è verificato un terribile incidente...