sabato, Settembre 19, 2020

Lotta per i diritti delle donne, professore condannato a morte. Firma la petizione

Marianna Chiuchiolo
Marianna Chiuchiolo
Laureata in Mediazione Linguistica con un passato nella musica e nel teatro, scrive per il web da diversi anni. Appassionata di scienza, psicologia e viaggi, ama particolarmente passare ore a discutere di personaggi e trame analizzandone caratteristiche, vittorie e incongruenze. Scrittrice di racconti e sceneggiature perché l'immaginazione spesso lo richiede. Giocatrice di ruolo perché immaginare storie è bellissimo, ma viverle è meglio.

“Non impiccate il professor Junaid Hafeez”: oltre 1500 persone hanno firmato la petizione su Change.org per salvare dalla condanna a morte il professore pakistano colpevole di essersi espresso pubblicamente in sostegno dei diritti delle donne. Da sempre impegnato in difesa dei diritti umani, lo scorso 21 dicembre Junaid Hafeez è stato condannato a morte dal governo del suo paese per il reato di blasfemia. La sentenza, in verità, non è che l’ultimo capitolo di una storia che va avanti da ben 7 anni. Hafeez, infatti, venne arrestato la prima volta nel 2013 e da allora ha vissuto sempre in isolamento, in particolare dopo l’assassinio del suo avvocato difensore, avvenuto nel 2014. Le sue posizioni in favore della parità di genere sono considerate un’offesa all’Islam in un paese in cui il reato di blasfemia è non solo riconosciuto, ma spesso tirato in ballo per mettere a tacere voci troppo scomode. Così si legge nel testo della petizione:

La legge sulla blasfemia è uno strumento che può essere utilizzato contro chiunque in qualsiasi momento. Le leggi impediscono alle persone di parlare non solo riguardo alla religione ma anche su tematiche come i diritti delle donne. Ad oggi hanno ridotto al silenzio attiviste e attivisti per i diritti delle donne, per i diritti umani, giornalisti, professori e cittadini comuni.

Leggi anche: Crollo di iscrizioni a scuola per donne migranti, i mariti non vogliono

Vive da recluso dal 2013 per le sue convinzioni in favore dei diritti umani

La storia di attivismo del professore è cominciata al rientro da un periodo di formazione negli Stati Uniti come borsista del Programma Fulbright. Dopo il suo soggiorno nel Mississippi, Junaid è rientrato in patria per insegnare all’Università Bahauddin Zakariya a Multan, nella regione del Punjab. Il suo intento era insegnare ai suoi studenti non solo la letteratura, ma anche il concetto di giustizia sociale, in particolare riguardo ai diritti delle donne. Una decisione che gli è costata la libertà e ora, forse, anche la vita. Mentre ci si aggrappa alla speranza che il verdetto venga ribaltato, il web si sta mobilitando in favore di Junaid. La petizione è ancora attiva e raccoglie sempre più firme. Nel frattempo la sua storia sta facendo il giro del mondo ed è stata raccontata dai più influenti media internazionali e da associazioni del calibro di Amnesty International. Leggi anche: “Orgogliosa della mia identità”, Miss Universo è un’attivista per i diritti delle donne di Marianna Chiuchiolo

Marianna Chiuchiolo
Marianna Chiuchiolo
Laureata in Mediazione Linguistica con un passato nella musica e nel teatro, scrive per il web da diversi anni. Appassionata di scienza, psicologia e viaggi, ama particolarmente passare ore a discutere di personaggi e trame analizzandone caratteristiche, vittorie e incongruenze. Scrittrice di racconti e sceneggiature perché l'immaginazione spesso lo richiede. Giocatrice di ruolo perché immaginare storie è bellissimo, ma viverle è meglio.

Correlati

San Gennaro, a Napoli un liquore per omaggiare il santo patrono della città

Il 19 settembre, ogni anno, Napoli sta con il fiato sospeso per...

Ecco come il Covid sta rubando il futuro ai giovani: la storia di Marta

Il clima di incertezza che regna sovrano nella società e nell’economia mondiali,...

Alessia Bonari a Venezia 77: l’infermiera simbolo della lotta al Covid sul Red Carpet

Alessia Bonari a Venezia 77. La 23 enne infermiera in un ospedale...

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Libellula significato, simbologia e leggende

Libellula significato e spiritualità. Un insetto dai mille colori che affascina con il suo volo leggero incarnando diversi significati a seconda delle culture

Ultimi

A casa di Paola Barale, un rifugio nel cuore di Milano

Un appartamento luminosissimo in stile urban chic, nella zona Porta Garibaldi di Milano, con vista mozzafiato su City Life. Ecco qualche curiosità sulla conduttrice.

Lorella Cuccarini e i suoi quattro figli, una carriera da mamma

Lorella Cuccarini è tra le conduttrici più conosciute e amate del mondo televisivo italiano. Ma quando i riflettori si spengono è una mamma comprensiva e amorosa, sempre presente per i suoi figli.

Omicidio Colleferro, una vita extra lusso ma i quattro accusati percepivano il reddito di cittadinanza

I Fratelli Marco e Gabriele Bianchi, Francesco Belleggia e Mario Pincarelli sono...

Batterio Cina, in 3mila infettati dalla brucellosi per una fuga di laboratorio

Nel nord-ovest della Cina più di 3 mila persone sono state infettate...