sabato, Dicembre 5, 2020

L’Italia e le Foibe, ecco perché ricordare è necessario

Ci troviamo spesso a ricordare i modi ed i luoghi in cui il Novecento, il cosiddetto secolo Breve, ha influenzato per sempre il corso della storia modificando il modo di vivere di singole persone, di città finanche di intere popolazioni. Quello che colpisce nella lettura della storia è che questa è piena di responsabilità che non possono essere sempre colpe, né possono essere sempre meriti. A volte non ci chiediamo chi sia il responsabile, ma quale sia la causa e, come amava ripetere San Giovanni XXIII Papa, “Distinguiamo il peccato dal peccatore” perché la storia non è un giudice ma solo un tribunale, racconta ma non giudica, e ognuno nella sua coscienza può crearsi una propria opinione. Sfogliando un qualsiasi libro di storia ci si può rendere conto che si hanno notizie di genocidi, eccidi, massacri in qualsiasi epoca e prescindendo dalla periodizzazione che tradizionalmente si impone ai confini didattici della cronologia storica.

L’Italia e le foibe, una realtà riconosciuta solo nel 2004

Nel periodo finale della Seconda Guerra Mondiale l’Italia e le sue genti sono state protagoniste, e in questo caso vittime, di un eccidio sistematico che, per usare un’espressione dell’ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ha assunto i contorni di una pulizia etnica. Il 10 febbraio è ricordato come “Il Giorno del Ricordo”, il ricordo dell’eccidio delle foibe. Per tanti anni si è trattato di un massacro sistematico dimenticato, già durante il settennato del Presidente Cossiga il capo dello Stato si era recato in visita presso i luoghi del ricordo, a Trieste, per anni simbolo dell’irredentismo e della volontà di un popolo di appartenere all’Italia, ma solo dal 2004 la Repubblica ha iniziato formalmente a riconoscere e commemorare per legge le vittime delle foibe. Leggi anche: IL MEDITERRANEO È ROSSO DI MORTE, IL FLASH MOB DI POLIGNANO CONTRO MATTEO SALVINI

Quante sono state le vittime?

Il termine foibe di per sé appartiene alla geologia, si tratta di un enorme fosso, più precisamente un inghiottitoio tipico del Carso. Se si usa oggi l’espressione massacro delle foibe è perché i corpi delle vittime di questo eccidio sono stati, in larga parte, ritrovati in questi inghiottitoi diventati delle vere e proprie fosse comuni. Le stime, come in ogni situazione di guerra tra paesi che hanno trovato un equilibrio di convivenza civile, se non di amicizia, come nel caso dell’Italia e della Jugoslavia prima, ma dell’Italia con la Slovenia poi, sono sempre imprecise e parlano di una cifra che a seconda della bibliografia, può variare dai 3mila agli 11mila morti, alcuni di essi sono stati trucidati anche dopo i fatti ufficialmente avvenuti tra il 1943 ed il 1945.

La storia delle foibe: cosa è successo e cosa c’era dietro?

Dopo la fine della seconda guerra mondiale l’Italia era uno dei paesi sconfitti tanto che gli alleati angloamericani non consideravano l’Italia un paese alleato nemmeno dopo l’8 settembre 1943 ─ data della pubblicazione dell’armistizio di Cassibile ─ ma come un paese cobelligerante. Sul finire della Guerra, Trieste, l’Istria e la Dalmazia presentavano una società tutt’altro che omogenea composta da gruppi di italiani che erano nati in quelle terre o vi si erano stabiliti molti anni addietro. Allo stesso modo le città, in particolare Pola e Fiume, erano piene di slavi che avevano preso possesso di quei territori o che convivevano con le popolazioni italiane già da tempo, situazione comune a Trieste e Gorizia fino a qualche decennio fa. La situazione degenerò per vari motivi, non soltanto problemi di convivenza sociale ma anche di natura propagandistica o ideologica. Già precedentemente alla Prima Guerra Mondiale si era diffusa l’idea, nel governo austriaco, di indebolire l’etnia italiana presente nei territori a vantaggio di quelle slovena e croata, ed è per questo che già prima del 1918 più di 30mila italiani furono estromessi dalle proprie mansioni, espulsi dai territori irredenti e privati dei loro beni. Il nazionalismo la faceva da padrone, prima contrapponendo l’etnia germanica a quella italiana e poi quest’ultima a quelle slave. L’unificazione sotto la guida di Josip Broz, il maresciallo Tito, portò a un sentimento Jugoslavo anti-italiano e alla formazione di milizie e strutture militari organizzate che tra le loro finalità avevano anche quella di epurare la popolazione del luogo dagli italiani.

Responsabilità e interpretazioni

I partigiani Jugoslavi insieme al Dipartimento per la Sicurezza del Popolo ─ la cosiddetta OZNA ─ si resero responsabili dell’eccidio degli italiani e dello sradicamento sociale e fisico di una parte della popolazione di quelle terre. Le motivazioni furono varie: la Jugoslavia risentiva di un forte sentimento nazionalista e di una guida politica che era esattamente opposta a quella che aveva avuto l’Italia nel ventennio precedente. Ma non si può ridurre a questa interpretazione banalizzando le ragioni che hanno condotto alla morte di 11mila persone e che hanno visto delle polemiche tra due stati confinanti che si guardavano l’un l’altro divisi dalla cortina di ferro, per usare una definizione di Winston Churchill secondo il quale la cortina di ferro andava posta proprio a Trieste. Leggi anche: ISACCO MILESI: “VI RACCONTO COME HO SALVATO GLI EBREI DALL’OLOCAUSTO”

La dichiarazione congiunta

Nel 2011 il governo italiano e quello Croato hanno definito “folle vendetta delle autorità Jugoslave” e “privi di giustificazione” i massacri compiuti dai nazionalisti dell’OZNA. Nella pratica l’etnia italiana era una minoranza che rappresentava non una minaccia ma semplicemente un coinquilino scomodo. Così come a Cefalonia, la Seconda Guerra Mondiale ha prodotto violenza anche dopo la fine ufficiale del conflitto ed anche in teatri o situazioni che sembrerebbero non avere nulla a che vedere con la guerra vera e propria. Il Carso, l’Istria, le città di Udine, Trieste, Pola, Fiume, Zara sono circondate da foibe seppure le vittime sono state trucidate anche fuori, sempre per ragioni politiche. Forse è anche per questo che le cifre sono discordanti.

Il significato del ricordo e la sua intangibilità alle polemiche

Il ricordo di un eccidio ─ come in questo caso, come nel caso della Giornata della Memoria ma anche di quello che è accaduto nell’esercito italiano a Cefalonia ─ o del genocidio degli Armeni o dei tanti eccidi avvenuti nel corso della storia non ha la funzione di mettere il dito nella piaga, di fomentare l’odio tra popoli amici, tra uomini e donne che hanno in comune tutto e che hanno più cose che li uniscano di quante li dividano. La memoria, il ricordo, non sono benzina sul fuoco. La Repubblica ha deciso di commemorare le foibe a partire dal 2005 in funzione di una legge del 2004 promulgata appositamente e molto cara ai Presidenti Ciampi e Napolitano, ma non meno all’attuale capo dello Stato Mattarella. Il ricordo non è né deve essere stimolo di vendetta ma solo memoria e rispetto, rispetto per chi è stato vittima dell’odio e rispetto della pace.

Il Giorno del Ricordo oggi

Nei decenni successivi e fino al 1977, anno in cui entrò definitivamente in vigore il trattato di Osimo del 1975, la città di Trieste e il suo circondario sono state oggetto di contesa fino alla risistemazione definitiva delle frontiere. La pace e la memoria non portano divisione, sono valori irrinunciabili e inestimabili che non devono contrastare con l’indipendenza e con la libertà dei singoli individui o di interi popoli. Forse è proprio per questo che nell’ultima strofa della canzone “La Leggenda del Piave”, Giovanni Ermete Gaeta, meglio noto come E.A. Mario, scrive “La pace non trovò né oppressi né stranieri”. E il rispetto delle vittime e della pace impone la memoria al solo fine di illustrare gli orrori alle presenti e future generazioni affinché di eventi così funesti debbano scrivere solo i libri di storia e non raccontarne i mezzi d’informazione. Leggi anche: UN’EREDITÀ DI PACE E COMPRENSIONE, LILIANA SEGRE INCONTRA PER L’ULTIMA VOLTA I GIOVANI Domenico di Sarno

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 20 eserciti più potenti al mondo?

20) Spagna Indice della forza militare: 0,3388Popolazione totale: 49.331.076Personale...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Ultimi

Benedetta Barzini, prima top model italiana: “L’anoressia malattia grave, ma utile”

È stata la prima italiana a comparire sulla copertina di Vogue America, nel 1963. Bellissima e fascinosa, all’età di 77 anni è protagonista del documentario di Beniamino Barrese, "La scomparsa di mia madre".

Natale con droni, posti di blocco ed esercito, il piano del Viminale per la sorveglianza

Il piano del Viminale interviene per la sicurezza dei cittadini. Affinché si...

Adolf Hitler africano: cosa faresti se alla nascita ti venisse assegnato questo nome?

Di recente è stato eletto in un consiglio regionale in Namibia un...

California: bimbo si suicida a 11 anni, in diretta durante una lezione on line

Un bimbo si suicida all'età di soli anni a Woodbridge, in California....

Autostrade, Castellucci indagato per crollo della galleria Berté in A26

Nel giorno in cui il Riesame dispone la scarcerazione dell'ex dirigente per la vicenda delle barriere fonoassorbenti, Castellucci viene indagato, insieme a una decina di persone, per la mancata manutenzione delle gallerie.