domenica, Giugno 20, 2021

Liliana Segre, dopo la vaccinazione insulti e minacce sui social

Non c'è pace per Liliana Segre. Nel 2018 la Procura ha aperto un fascicolo, coordinato dal pool antiterroristico guidato da Alberto Nobili, per molestie e minacce avvenute sui social, che fino ad oggi non si arrestano.

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

La vita di Liliana Segre, oggi ultranovantenne, dovrebbe essere serena e tranquilla. E invece la senatrice, superstite dell’Olocausto e testimone della Shoah, vive ancora episodi di discriminazione e odio razziale.

Dopo essere stata sottoposta alla vaccinazione anti-Covid, e aver postato una foto sui social per dare il buon esempio, gli haters si sono scatenati nei commenti con minacce e insulti.

Liliana Segre e l’odio gratuito sui social

liliana segre_haters

Liliana Segre è stata vaccinata al Fatebenefratelli di Milano il primo giorno della campagna lombarda per gli over 80. Gli haters non hanno perso occasione per esprimere il loro odio sotto la foto della Segre, attraverso i vari commenti apparsi sui social.

C’è chi ha parlato di strumentalizzazione, chi l’ha tacciata come “assenteista recidiva che si è presentata al Senato solo per votare la fiducia a un governo di pagliacci e assassini”, chi le augura le peggiori reazioni avverse e tanti altri commenti negativi.

Manifestazioni gratuite di odio che hanno portato all’apertura di un’indagine. Gli inquirenti attendono una risposta da parte della polizia postale per identificare gli autori delle minacce e degli insulti.

Leggi anche: Rondine: Liliana Segre, la sua ultima testimonianza pubblica sull’Olocausto

Il sostegno della politica a Liliana Segre

Liliana Segre in Senato

Il mondo della politica si è subito schierato a favore della senatrice. Tra i primi commenti di sostegno c’è quello del ministro per gli Affari Regionali, Mariastella Gelmini, che parla di “odio intollerabile e fanatismo da condannare” mentre per la segretaria metropolitana del Pd, Silvia Roggiani, si tratta di “parole inaudite, ignobili e irripetibili”.

Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, è intervenuto su Facebook e si è così espresso in merito agli insulti subiti dalla Segre:

Ho letto frasi vergognose contro Liliana Segre.

Insulti, minacce e attacchi deplorevoli da parte di alcuni vigliacchi nei confronti di una persona che dopo aver vissuto e superato il nazifascismo, oggi per tutti noi rappresenta un simbolo di memoria, verità e speranza.

Leggi anche: Liliana Segre, la memoria: “Un giorno del settembre 1938 diventai l’altra”

Liliana Segre già sotto scorta dal 2019

liliana segre_scorta

I problemi sono iniziati a novembre del 2019 quando, in occasione di una conferenza che la Segre avrebbe dovuto tenere il giorno seguente, davanti a centinaia di studenti e studentesse, è stato ritrovato uno striscione di Forza Nuova con su scritto: “Sala ordina, l’antifà agisce. Il popolo subisce”.

In seguito a questo episodio si è deciso di assegnare la tutela alla senatrice a vita. Inoltre, come lei stessa ha ammesso, Liliana Segre riceve in media ogni giorno sui social network duecento messaggi che incitano all’odio razziale. Anche per questo è stata predisposta una scorta per accompagnarla e farle da scudo in tutti negli spostamenti, in particolare negli appuntamenti pubblici.

Già nel 2018 era stato aperto un fascicolo in Procura, coordinato dal pool antiterroristico guidato da Alberto Nobili, per molestie e minacce avvenute sui social.

Leggi anche: Un’eredità di pace e comprensione, Liliana Segre incontra per l’ultima volta i giovani

Michela Sacchetti
Michela Sacchetti
Aspirante giornalista. Ama la letteratura, il cinema e il teatro. Dopo il diploma in ragioneria cambia itinerario iscrivendosi alla facoltà di Lettere. Laureata in Scienze del Testo, crede che nella vita si può e si deve continuare sempre ad imparare.

Ultime notizie