Home»Coronavirus»L’Eurogruppo ha trovato l’accordo: pacchetto di dimensioni senza precedenti

L’Eurogruppo ha trovato l’accordo: pacchetto di dimensioni senza precedenti

Trovato l'accordo, si sarebbe ammorbidita la posizione dell'Olanda, fortemente contraria all’ipotesi dei coronabond.

4
Condivisioni
Pinterest Google+

Dopo la maratona notturna del 7 aprile, i ministri europei in videoconferenza cercano la migliore risposta all’emergenza coronavirus. L’europa ha trovato l’accordo. In fase di discussione si sarebbe ammorbidita la posizione dell’Olanda, fortemente contraria all’ipotesi dei coronabond. Twitta il commissario all’Economia Paolo Gentiloni:

L’Eurogruppo ha trovato l’accordo. Un pacchetto di dimensioni senza precedenti per sostenere il sistema sanitario, la cassa integrazione, la liquidità alle imprese e il Fondo per un piano di rinascita. L’Europa è solidarietà.

Messi sul tavolo i bond europei

Così il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, dopo che si è concluso l’Eurogruppo, il consiglio dei ministri finanziari dell’Eurozona:

Messi sul tavolo i bond europei, tolte dal tavolo le condizionalità del Mes. Consegniamo al Consiglio europeo una proposta ambiziosa. Ci batteremo per realizzarla.

L’urgenza della solidarietà in Europa

Angela Merkel a Berlino in conferenza stampa rispondendo a una domanda sulla richiesta di Conte si era già espressa così su gli eurobond:

Io ho parlato con Giuseppe Conte e siamo d’accordo sul fatto che serve con urgenza solidarietà in Europa in una delle ore più difficili, se non la più difficile. E la Germania è pronta per la solidarietà. Con i tre strumenti su cui si discute oggi e su cui spero si possa raggiungere un accordo si mettono a disposizione molti miliardi di euro.

Leggi anche: La pandemia ci restituirà un mondo ecosostenibile? L’intervista a Stefano Ciafani

Forti somme di denaro per superare la crisi

Merkel ribadisce che fra il Mes, l’ampliamento della Bei e il programma Sure, ci sarebbero forti somme per superare la crisi. La riunione è proseguita fino alle 22 circa. L’inizio è slittato, dalle 17 alle 18, poi alle 19 e per finire alle 21.30. Il motivo del ritardo:  favorire “gli incontri bilaterali in corso” spiega un portavoce. A riunione avviata, la ministra spagnola dell’Economia, Nadia Calvino, ha twittato una foto della videoconferenza con didascalia “Eurogruppo parte II”.

E il Fondo per la ricostruzione voluto dall’Italia?

Al momento non emergono considerazioni sul Fondo per la ricostruzione fortemente voluto da Italia e Francia, sostenuto dalla presidente della Bce Christine Lagarde:

L’idea che possiamo avere un fondo di ricostruzione che sia finanziato collettivamente, vale a dire dove si mettano insieme tutti i sottoscrittori, i migliori e quelli meno buoni, sarebbe magnifica. Non sono sicura che ci siamo arrivati ma ci stiamo muovendo in quella direzione.

L’accordo dell’Eurogruppo è un ottimo risultato

Lo afferma il ministro per l’Economia, Roberto Gualtieri:

L’accordo raggiunto dall’Eurogruppo sul pacchetto di proposte per l’emergenza Covid-19 da sottoporre alle decisioni del Consiglio Europeo costituisce un ottimo risultato che giunge dopo un negoziato difficile e a tratti aspro.

Leggi anche: Coronavirus, perché la Grecia ha pochissimi contagi?

Grazie a Giuseppe Conte l’agenda europea è cambiata

Aggiunge Gualtieri un personale elogio al premier Conte:

Grazie alla solida alleanza tra l’Italia e gli altri paesi firmatari della lettera promossa dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, l’agenda europea è cambiata e si è passati da un documento con un’unica proposta, il MES con condizionalità leggere, a un pacchetto di quattro proposte che include 200 miliardi della Bei per le imprese, 100 miliardi che attraverso il nuovo programma SURE contribuiranno a finanziare la cassa integrazione e la proposta italo-francese di un grande Fondo per la Ripresa alimentato dall’emissione di debito comune europeo.

Una nuova linea di credito per l’emergenza sanitaria

Conclude Gualtieri:

Inoltre ai paesi che vorranno farvi ricorso, sarà possibile accedere a una nuova linea di credito dedicata unicamente all’emergenza sanitaria, che sarà totalmente priva di ogni condizionalità presente e futura. Consegniamo ai leader un pacchetto ambizioso di proposte, l’Italia si batterà con determinazione perché le decisioni del Consiglio europeo siano all’altezza della sfida che l’Europa sta affrontando.

L’Europa ha fatto quello che doveva

In diretta instagram il leader di Italia Viva, Matteo Renzi:

Da quello che si capisce si tratta di un pacchetto complessivo che tiene insieme un po’ gli impegni di tutti i Paesi. C’è il Recovery Fund che la cosa più simile agli eurobond. Si è fatto un buon lavoro a e questo punto tutti gli alibi legati all’Europa vengono meno. L’Europa ha fatto quello che doveva, ora tocca a noi.

Leggi anche: L’Unione Europea sarà vittima del Covid-19?

Articolo Precedente

L’Unione Europea sarà vittima del Covid-19?

Articolo Successivo

Coronavirus, le scuole non riapriranno neanche a settembre?

Nessun Commento Presente

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *