martedì, Gennaio 26, 2021

Lapo Elkann, rivelazione shock: “In collegio sono stato abusato più volte. La mia vita distrutta”

Lapo Elkann e gli abusi in collegio. Il nipote dell'Avvocato Agnelli racconta a Verissimo la sua vita spericolata per anestetizzare il dolore. Oggi è un uomo nuovo con la voglia di diventare padre.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Rivelazione shock di Lapo Elkann: abusato in collegio quando aveva 13 anni. Oggi però è un uomo diverso. Più maturo e consapevole degli errori commessi, ma anche della vita che ha vissuto tra eccessi e bisogno di anestetizzare il dolore. A Silvia Toffanin, nella prima puntata di Verissimo che andrà in onda sabato 12 settembre, il rampollo della famiglia Agnelli si racconta come mai fatto prima.

Lapo Elkann e la sua infanzia difficile

Lapo Elkann intervistato da Silvia Toffanin durante la prima di Verissimo, nella nuova stagione televisiva di Mediaset.

Lo consociamo come un eccentrico, dalle auto extra lusso e colorate al modo di vestirsi, il dandy di casa nostra con una vita spericolata che spesso abbiamo letto sui titoli di cronaca. Lapo Elkann non nasconde il suo passato e di questo rivela anche i tratti più intimi e crudi, causa di tanto malessere interiore. Ecco come si racconta in una intervista per il programma televisivo Verissimo:

 Non ho amato molto la mia infanzia. Sono stato un bambino dislessico, iperattivo, affetto da deficit dell’attenzione e siccome a scuola ero sempre indietro, volevo dimostrare di essere più forte. La mia sensibilità e la mia grande forza di volontà mi hanno aiutato. Non ho paura delle mie fragilità. Ho imparato ad accettare me stesso e a chiedere aiuto. C’è voluto del tempo ma oggi sto bene con chi sono.

Leggi anche: Lapo Elkann: “Chi ha il Covid ed esce è un criminale. Deve andare in galera”

Lapo Elkann e gli abusi e le dipendenze

I migliori collegi del mondo per il rampollo della famiglia Agnelli per avere il meglio, ma per Lapo non è stato così. A 13 anni, racconta l’imprenditore, è stato vittima di abusi e violenze proprio tra quelle mura dove avrebbe dovuto costruire il suo futuro. Ecco cosa Lapo Elkann rivela a Silvia Toffanin:

In collegio, a 13 anni, sono stato abusato più volte e un fatto come questo ti porta ad andare, a volte, verso l’autodistruzione, perché l’abusato si sente in colpa. È importante dirlo. Se non lo affronti con profondità questo dolore negli anni ti mangia, ti porta a vivere la vita con grandissima difficoltà. Le sostanze ti distruggono la vita ed io di problemi ne ho avuti. Per me l’uso di sostanze era un anestetizzante. Anestetizzavo un dolore che sentivo in me. Purtroppo, ne ho pagato più volte le conseguenze. Io di male me ne sono fatto abbastanza da solo, d’ora in poi voglio altro.

Leggi anche: Lapo Elkann: “Mi piacerebbe molto essere meno imprenditore e più benefattore”

Lapo Elkann oggi

Lapo Elkann, dopo gli abusi subiti in collegio è un uomo di successo, nuovo e proiettato verso il futuro.

Oggi Elkann è un imprenditore di successo con il suo brand di occhiali e si dice diverso, cambiato, più maturo. Concentrato sulla sua Fondazione Laps, in cui aiuta i ragazzi fragili in difficoltà, Lapo Elkann è innamorato della sua fidanzata portoghese e non nasconde il desiderio di paternità ma:

Ho paura. Non voglio fare un figlio tanto per farlo, ma voglio incontrare la donna della mia vita per poi fare un figlio con lei.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Ultime notizie

Cinque anni dalla scomparsa di Giulio Regeni, Mattarella: “L’Egitto dia risposte adeguate”

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella “in questo giorno di memoria” rinnova la solidarietà alla famiglia Regeni e chiede un impegno “comune per giungere alla verità”.

Olimpiadi Tokyo 2021, Italia verso l’esclusione. Entro mercoledì la decisione del CIO

Entro mercoledì 27 gennaio arriverà la decisione del CIO sull'esclusione dell’Italia dalle...

Covid, spunta l’idea di una zona rosso scuro in Europa: cos’è e quali le regole per viaggiare

Dall'Europa arriva l'idea di istituire la zona rosso scuro per indicare dove la circolazione del virus è molto alta. Ecco cos'è, pechè è necesssaria e quali sono le regole.

Brescia, arrestato primario: “Ha indotto la morte di pazienti Covid con farmaci non idonei”

È successo a Montechiari, presidio degli Ospedali Civili di Brescia. Il primario Carlo Mosca è ora accusato di omicidio volontario.

Manifestazioni e proteste in Russia e nel mondo per la liberazione di Alexey Navalny

Mentre l'ormai noto oppositore di Putin, Alexey Navalny, è in carcere, in Russia, ma non solo, si rivendicano democrazia e libertà e si chiede la liberazione del dissidente avvelenato.