Home»Digital Life»La dittatura dei like sui social network: un’altra via è possibile, forse

La dittatura dei like sui social network: un’altra via è possibile, forse

La possibilità di ottenere apprezzamento sui social media condiziona ormai il nostro modo di vivere. Ma c'è chi ha cominciato a boicottare la dittatura dei like.

2
Condivisioni
Pinterest Google+

Non esagero se affermo, senza ironia, che l’invenzione del pulsante like da parte di Facebook sia stato uno degli eventi storici più importanti del terzo millennio.

Poche cose hanno infatti cambiato il nostro modo di pensare e agire sull’ecosistema digitale come il pollicione blu – il like ha influenzato la nostra vita a 360 gradi, anche quella reale.

Leggi anche: Mark Zuckerberg: “Vi presento il futuro dei Social”

Non scherzo. Lo sai anche tu, lettore, quando stai per scegliere una meta estiva o una location per la tua serata ludica: parte della cernita deriva da una previsione di gradimento sui social media – previa naturale condivisione dell’esperienza attraverso status su Facebook, stories su Instagram e tweet vari.

Questo è l’internet 2.0, bellezza, direte voi, e tu non ci puoi fare proprio niente. Ma è davvero così?

Scardinare la dittatura dei like: come fare

Se da un lato, è vero, non possiamo cambiare granché finché i grandi boss delle piattaforme social non decidono di cambiare asset, dall’altro è altrettanto vero che possiamo ordire piccoli gesti di disobbedienza social(e).

Per esempio, non postare sempre e comunque: capire quando, come e cosa condividere, astrarre, chiedersi se quel contenuto ha davvero del valore intrinseco o se lo utilizziamo soltanto per ottenere più like.

Qualcosa si muove: c’è chi ha già abbandonato i social

Qualcosa però si muove, anche i grandi player non accettano più questa dittatura dell’algoritmo e del like. Lush, celebre brand etico di cosmetici fatti a mano, per esempio, ha deciso appunto di abbandonare questa dinamica malata del like: “Siamo stanchi – queste le parole del marchio – di combattere con gli algoritmi e non vogliamo pagare per apparire nella news feed”.

Leggi anche: Lush è la prima azienda che abbandona i social

E Instagram stesso, che poi è sempre Zuckerberg, starebbe pensando a eliminare il pulsante a cuoricino.

Insomma, i segnali ci sono. E anche noi possiamo decidere, a poco a poco, di boicottare questa economia del like. Basta volerlo.

 

di Alessandro Isidoro Re

Articolo Precedente

TEDx Roma, “Società 5.0”: l’uomo e la tecnologia camminano insieme

Articolo Successivo

Un sintetizzatore ci farà ascoltare la voce del cervello

Nessun Commento Presente

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *