mercoledì, 8 Dicembre 2021

Kenya, dispositivo Gps per proteggere l’ultima giraffa bianca rimasta al mondo

È l’ultimo esemplare di giraffa bianca vivente da quando i bracconieri, lo scorso marzo, uccisero una mamma e il suo cucciolo in un’area protetta nel Nord-Est del Paese.

Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

L’ultimo esemplare di giraffa bianca al mondo è ora protetto. Grazie a un dispositivo di tracciamento Gps, le autorità e gli ambientalisti dell’associazione Ishaqbini Community Conservancy del Kenya saranno in grado di monitorarne gli spostamenti dell’animale e potranno quindi difenderlo dal bracconaggio. Da quando i cacciatori, a marzo scorso, hanno ucciso una mamma di giraffa bianca e il suo cucciolo, in un’area protetta a Nord-Est del Paese, questo esemplare maschio risulta essere l’ultimo di una rarissima specie destinata all’estinzione.

Kenya, protetto l’ultimo esemplare di giraffa bianca al mondo


 L’animale ha una rara condizione genetica chiamata leucismo, che causa la perdita della pigmentazione della pelle.

Le autorità keniane già da un paio d’anni hanno avviato un piano quadriennale di protezione della giraffa bianca. Questa volta, sfruttando l’ausilio della tecnologia. L’associazione di volontari sostiene che grazie a questo dispositivo i ranger potrebbero seguire i movimenti della giraffa in tempo reale e intervenire tempestivamente in caso di pericolo. La caccia illegale ha messo a rischio la sopravvivenza della specie e ora è necessario correre ai ripari.

Secondo l’Africa wildlife foundation, circa il 40% delle giraffe è scomparso negli ultimi 30 anni, anche a causa del bracconaggio e del traffico di animali selvatici.

Leggi anche: Uganda SOS, a rischio la foresta Bugoma e i suoi scimpanzé

Kenya, l’impegno della Ishaqbini Community Conservancy sul territorio

Non è la prima volta che Ishaqbini Community Conservancy si spende per salvare animali a rischio. L’associazione, che controlla la fauna selvatica della contea di Garissa, a nord-est del Kenya, già nel 2012 è intervenuta per salvare l’hirola, una specie di antilope in via d’estinzione. Oggi la colonia conta fino a 120 esemplari.

Leggi anche: L’appello all’Onu: “Stop a macello di animali vivi, la pandemia parte da lì”

Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Correlati

Infrastrutture sostenibili, un ecosistema che integra uomo e natura

Nell'era della transizione ecologica un impulso imprescindibile alla svolta green deve essere impartito dal...

Fotovoltaico e sostenibilità, in un evento italiano tutte le novità del settore

Tutto sulle nuove frontiere del fotovoltaico. Lo scorso 29 novembre si è tenuto all'Hotel...

4 modalità di riscaldamento fotovoltaico che non ti aspetti

Un impianto solare non serve solo a produrre elettricità per soddisfare le utenze di...