lunedì, 17 Gennaio 2022

L’inquinamento da combustibili fossili potrebbe essere causa di infertilità

Secondo uno studio danese, la diminuzione dei tassi di fertilità può essere collegata all'inquinamento causato dalla combustione di combustibili fossili

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

L’aumento dei tassi di infertilità potrebbe essere dovuto all’inquinamento da combustibili fossili, lo dice uno studio fatto in Danimarca. Come anticipato lo studio sull’infertilità si è concentrato sulla Danimarca, ma la tendenza si riscontra anche in altre nazioni industrializzate. 

Infertilità: uno studio danese potrebbe trovare la causa nell’inquinamento da combustibili fossili

Infertilità: uno studio danese potrebbe trovare la causa nell'inquinamento da combustibili fossili

Secondo i ricercatori, un bambino danese su 10 nasce con la fecondazione assistita e oltre il 20% degli uomini non riesce ad avere figli. Gli esperti hanno avvertito che questa tendenza potrebbe portare a uno squilibrio demografico con troppo pochi giovani per sostenere le generazioni più anziane e la futura economia del paese.

Dobbiamo renderci conto che sappiamo fin troppo poco sull’infertilità nella popolazione, quindi il prossimo passo avanti sarebbe davvero scoprire perché così tante giovani coppie non riescono ad avere figli, ha detto Niels Erik Skakkebæk , professore all’Università di Copenaghen, e autore principale dello studio pubblicato sulla rivista Nature Reviews Endocrinology .

I tassi di natalità in calo sono spesso attribuiti a fattori culturali e socioeconomici , come l’aumento dell’accesso alla genitorialità pianificata, alla contraccezione e all’aborto, e il ruolo mutevole delle donne nella società, poiché l’istruzione e la partecipazione alla forza lavoro hanno ritardato la gravidanza, ad esempio. 

Invece, un numero crescente di ricerche ha mostrato tassi crescenti di infertilità umana a causa di ragioni biologiche, inclusi 74.000 casi all’anno di cancro ai testicoli , pubertà prematura nelle giovani donne e un aumento del numero di malformazioni congenite nei neonati di sesso maschile.

Una tale tendenza non può essere spiegata geneticamente perché l’evoluzione avviene per periodi di tempo più lunghi e attraverso più generazioni, quindi Skakkebæk e i suoi colleghi stanno esortando la comunità scientifica a esaminare l’impatto dell’esposizione ambientale a inquinanti chimici tossici da combustibili fossili.

Ciò che mi ha colpito in questo studio è stato scoprire quanto che gran parte della vita moderna sia dipendente dai combustibili fossili”, ha detto Skakkebæk – ovviamente non pensiamo a questo quando compriamo un paio di scarpe fatte di sostanze chimiche originariamente prodotte da combustibili fossili.

L’infertilità potrebbe dunque essere correlata a tutto ciò. I combustibili fossili sono onnipresenti e tracce di questi sono stati trovati nel sangue, nelle urine, nello sperma, nella placenta e nel latte materno delle persone, nonché nel loro tessuto adiposo. Molti inquinanti dei combustibili fossili sono interferenti endocrini, nel senso che interferiscono con i sistemi ormonali del corpo e hanno un effetto negativo sulla salute riproduttiva.

Sappiamo da numerosi studi sperimentali sugli animali che plastica, sostanze chimiche e così via possono causare problemi nella riproduzione animale – ha affermato Skakkebæk – non possiamo fare tali studi sull’esposizione negli esseri umani, che non sarebbe etico, ma sappiamo abbastanza dagli studi sugli animali per essere preoccupati.

Gli studi dimostrano che , ad esempio, che ratti e topi subiscono cambiamenti genetici che influiscono sulle loro capacità riproduttive quando esposti a disturbi endocrini causati da sostanze chimiche tossiche. 

La ricerca sugli esseri umani è ancora scarsa, ma alcuni studi hanno dimostrato che le sostanze chimiche che interferiscono con il sistema endocrino potrebbero essere sostanzialmente collegate alle malattie riproduttive maschili.

I dati sugli animali hanno mostrato che la riproduzione femminile e maschile è influenzata in modo diverso con gli stessi livelli di esposizione.

Tuttavia, questi collegamenti dovranno essere sistematicamente esaminati e valutati per la causalità. Devono essere tenuti in considerazione anche i cambiamenti nello stile di vita come la minore attività fisica, il fumo, i crescenti tassi di obesità, il consumo di alcol e i cambiamenti nella dieta.

Leggi anche: L’Italia deve tagliare le emissioni del 92% entro il 2030

Tommaso Panza
Salentino, classe 1993. Una laurea in mediazione linguistica. Fondazione Basso(Roma). Amante della lettura e del cinema, in particolare delle opere che raccontano spaccati di realtà. Deciso sin da piccolo a diventare un giornalista.

Correlati

Smart Home, la casa intelligente che aiuta a risparmiare

Dal controllo dell'illuminazione alla sicurezza dell'abitazione, le tecnologie per rendere la propria casa una...

Bonus ristrutturazione 2022, ecco le novità

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della legge di Bilancio 2022 sono state delineate...

L’automobile green verso il futuro della mobilità

Automobile green sempre più al centro degli obiettivi per la mobilità sostenibile. La vecchia...