Home»Digitale Life»Gabry Little Hero, il bambino con una rara forma di anemia ha trovato un donatore di midollo

Gabry Little Hero, il bambino con una rara forma di anemia ha trovato un donatore di midollo

Gabriele, il bambino di 2 anni unico in Italia ad avere una rarissima forma di anemia sideroblastica, ha finalmente trovato un donatore di midollo. Il padre: "Ha già dato la disponibilità: grati a lui fino alla fine".

0
Condivisioni
Pinterest Google+

Gabriele è un bambino di due anni che soffre di una rara malattia, talmente rara da essere l’unico in Italia: stiamo parlando della Sifd. Una sigla così asettica per qualcosa che nella vita di un bambino e dei suoi genitori ha un significato ben più concreto: anemia sideroblastica con immunodeficienza delle Cellule B, Febbri Periodiche e Ritardo dello Sviluppo, una malattia da cui si può guarire solo con il trapianto di midollo osseo. In questi casi i parenti possono essere ottimi donatori. Il piccolo ha una sorella gemella sana, che purtroppo però non è geneticamente compatibile e non può essere quindi lei ad aiutare il fratellino.

I genitori si sono rivolti all’Admo – l’Associazione Donatori Midollo Osseo – per poter trovare un altro donatore compatibile, hanno creato una pagina Facebook per fare appello a tutto il mondo Social, proprio come avevano fatto i genitori di Alex Montresor, che adesso grazie ad una gara di solidarietà digitale è finalmente guarito. La pagina si chiama Gabry Little Hero. Il papà di Gabry ha spiegato:

Facciamo un appello non soltanto per nostro figlio ma per tutti i malati che hanno bisogno di un trapianto e che stiamo incontrando.

Leggi anche: Riuscito il trapianto del piccolo Alex: il bimbo sarà dimesso

Un donatore 100% compatibile e una nuova vita per Gabriele

Ora Gabry ha finalmente trovato il donatore di midollo osseo. Spiega commosso Cristiano Costanzo, il papà:

Sapevamo da qualche giorno di questa possibilità, ora abbiamo avuto la conferma dagli Spedali Civili di Brescia dove Gabriele è in cura. Abbiamo trovato il nostro uno su centomila e il donatore ha già dato la disponibilità.

La malattia di Gabriele è talmente rara che se ne registrano 20 casi in tutto il mondo, e lui è l’unico in Italia. Ad agosto le condizioni del bambino sono peggiorate ma contemporaneamente è arrivata la tanto attesa notizia: è stato trovato un donatore 100% compatibile. Racconta il padre:

Non sappiamo chi sia, non sappiamo da dove venga, ma c’è e non si è tirato indietro e noi di questo lo ringraziamo.

Se tutto procederà come stabilito nei primi dieci giorni di ottobre avrà luogo il trapianto di cellule staminali emopoietiche.

Io e mia moglie non aspettiamo altro.

Leggi anche: Ospedali e bambini: le terapie più innovative per aiutare i piccoli pazienti

 

di Martina Mugnaini

 

Articolo Precedente

“Faremo di questi bambini dei cittadini modello”, a Torino due classi senza alunni italiani

Articolo Successivo

“Accolto per strada dai migranti”: Fratel Biagio a piedi da Palermo a Strasburgo

Nessun Commento Presente

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *