lunedì, Ottobre 18, 2021

Funerali ambasciatore Attanasio e carabiniere Iacovacci, il cordoglio dell’Italia

Si sono tenuti oggi i funerali di Stato dell'ambasciatore italiano in Congo, Luca Attanasio, e del carabiniere Vittorio Iacovacci, morti in un attentato lo scorso lunedì.

Domenico Di Sarno
Informatico e politologo laureato con Lode. amante dei libri di ogni genere perché fortemente convinto che la cultura sia come il cibo, ne serve ogni giorno per nutrire la mente. Appassionato di storia e diritto costituzionale.

Funerali ambasciatore Attanasio e carabiniere Iacovacci. I feretri dell’ambasciatore italiano in Congo e del carabiniere Vittorio Iacovacci, morti in un attentato, sono stati portati a spalla dai militari del XIII reggimento dei carabinieri in piazza della Repubblica a Roma.

Il momento dell’ingresso nella Basilica di Santa Maria degli Angeli, fortemente sentito dai presenti, è stato accompagnato dalla marcia funebre eseguita dalla fanfara dei carabinieri.

Funerali ambasciatore Attanasio e carabiniere Iacovacci, le parole del cardinale vicario di Roma

attentato ambasciatore attanasio e iacovacci in congo

Funerali ambasciatore Attanasio e carabiniere Iacovacci: a celebrare la messa è stato il cardinale vicario di Roma, Angelo de Donatis che durante la sua omelia ha ricordato i caduti.

Luca, Vittorio e Mustafa sono stati strappati da questo mondo dagli artigli di una violenza stupida e feroce che non porterà nessun giovamento ma solo altro dolore.

Proseguendo nella sua omelia il cardinale ha poi citato un passo del Vangelo di Luca, il versetto 22,31: “Se trattano così il legno verde, che avverrà del legno secco?”

L’alto prelato non ha mancato poi di osservare come la spirale di violenza stia degenerando e dilagando e non ha nascosto in merito la sua preoccupazione. Ha detto:

La violenza sta tornando di moda in ogni latitudine non è solo qualcosa che si manifesta nel nord est del Congo, lontano da qui. Spesso la violenza che si annida nel fondo dell’anima si camuffa da insensibilità.

Leggi anche: Congo, attaccato un convoglio Onu: uccisi un ambasciatore italiano e un carabiniere

Funerali ambasciatore Attanasio e carabiniere Iacovacci, la partecipazione delle autorità civili e militari

funerali ambasciatore attanasio e iacovacci a roma

Erano presenti le massime cariche dello Stato, i comandanti militari e le autorità dell città di Roma. Tra gli altri hanno presenziato alla funzione religiosa la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, il presidente della Camera Roberto Fico, il presidente del Consiglio dei ministri Mario Draghi, con i ministri Guerini, Elena Bonetti, Di Maio, Renato Brunetta, Luciana Lamorgese, Giancarlo Giorgetti.

Erano presenti i titolari dei dicasteri della difesa, della famiglia, degli esteri e degli affari interni. Per le autorità militari erano presenti il comandante generale dei carabinieri Teo Luzi e il prefetto capo della polizia Franco Gabrielli con il capo di Stato Maggiore dell’esercito, gen.

Pietro Serino e il generale Zafrana comandante generale della Guardia di Finanza insieme ai capi di stato maggiore della marina e dell’Aeronautica militare. Infine, a rappresentare la città di Roma, il sindaco Virginia Raggi.

Il Presidente della Repubblica Mattarella è assente, così come l’altra sera all’arrivo delle salme, per una indisposizione.

Funerali ambasciatore Attanasio e carabiniere Iacovacci, il dolore comune dello Stato e i funerali privati

Questa nutrita partecipazione delle autorità civili e militari dà l’idea della compartecipazione del sistema Stato al dolore delle famiglie e soprattutto dimostra quanto tutte le istituzioni siano scosse dall’accaduto. Dopo i funerali di Stato si terranno altri funerali in forma privata.

L’ambasciatore sarà omaggiato dal suo paese Limbiate, con una camera ardente allestita nel municipio mentre il carabiniere Iacovacci sarà tumulato nel cimitero del suo paese natale, Sonnino in provincia di Latina, dopo una funzione religiosa in forma privata.

Leggi anche: Antonio Megalizzi, due anni fa la morte del giornalista in un attentato terroristico

Domenico Di Sarno
Informatico e politologo laureato con Lode. amante dei libri di ogni genere perché fortemente convinto che la cultura sia come il cibo, ne serve ogni giorno per nutrire la mente. Appassionato di storia e diritto costituzionale.

Ultime notizie