mercoledì, Gennaio 27, 2021

Francia, Marie Cau è la prima donna transgender a diventare sindaca

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

I cittadini del comune di Tilloy-lez-Marchiennes, piccolo paesino al confine con il Belgio, che conta poco più di 500 abitanti, hanno eletto alla carica di primo cittadino Marie Cau, 55 anni, transgender. La lista della Cau ha ottenuto circa il 70% dei consensi alle urne. Capi saldi del programma elettorale l’ecologia, l’agricoltura sostenibile e rilancio dell’economia locale. La prima cittadina ha così commentato all’agenzia stampa AFP:

La gente non mi ha eletto perché sono transgender. Hanno eletto un programma. Questo è ciò che è interessante: quando le cose diventano normali, non ti distingui.

Chi è Marie Cau

La neosindaca vive a Tilloy da circa vent’anni. Ha iniziato la sua transizione quindici anni fa e non ha mai subito discriminazione o bullismo per questo. È un ingegnere che vanta sul curriculum un diploma da tecnico agricolo, un Certificato tecnico superiore in orticoltura e un’esperienza nell’esercito. I risultati elettorali poco o nulla hanno a che vedere con la sua sessualità. La cittadinanza ha votato sposando un programma elettorale che punta al cambiamento in direzione della sostenibilità e del rispetto ecologico. Marie ha voluto però sottolineare che non sale in carica come ‘attivista’, ma che le sue competenze saranno al servizio della politica municipale. Leggi anche: Licenziata da scuola senza preavviso: “Forse è perché sono transessuale”

“Non ti distingui se le cose diventano normali”

L’elezione di Marie Cau, prima sindaca transgender in Francia, sta avendo molta eco. La ministra francese per l’uguaglianza di genere, Marlène Schiappa, ha twittato un messaggio di sostegno:

La visibilità dei trans e la lotta alla transfobia dipendono anche dall’esercizio di responsabilità politiche e pubbliche. Congratulazioni Marie Cau!

Anche Jean-Luc Romero-Michel, primo e unico politico francese ad aver dichiarato apertamente l’infezione da HIV nel 2002, ha scritto su Instagram:

I francesi scelgono i loro rappresentanti eletti in base alle loro capacità. Ma questa visibilità è anche importante per promuovere l’uguaglianza e combattere la transfobia.

Benché l’entusiasmo espresso è bonario e incoraggiante, è al contempo indice della distanza che separa l’idea di un mondo giusto da uno che ancora deve lottare contro pregiudizi e disuguaglianza. La vera vittoria, come ha sottolineato la stessa Cau, arriverà il giorno in cui la sessualità non sarà più la vera notizia. Leggi anche: “Non siamo diversi dalle altre mamme e papà”, Christian e Carlo si raccontano di Elza Coculo    

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Ultime notizie

Crisi di Governo, oggi le prime consultazioni. E in Senato nasce il gruppo Europeisti

Crisi di Governo aperta dopo le dimissioni del premier Conte. Oggi inizieranno le consultazioni al Colle, nel frattempo in Senato è nato un nuovo gruppo di Europeisti pro Conte ter.

Bonus studenti universitari, INPS apre il bando per borse di studio fino a 2000 euro

L'INPS interviene a supporto degli studenti universitari con borse di studio per corsi di laurea e di specializzazione post lauream. Bonus fino a 2000 euro.

Cani anti-Covid, fiutano il virus prima (e meglio) dei tamponi: ecco come

I cani anti-Covid potrebbero essere una vera e propria svolta nella lotta...

Edith Bruck sul valore della memoria: “Dopo di noi non faranno altro che cancellare”

Edith Bruck teme l'oblio del passato così come l'avvenire nel futuro. Ne 'Il pane perduto' si concretizza il suo dovere morale, quello di ricordare e testimoniare.

Legge contro la propaganda nazifascista, Prc: “Onoriamo la Giornata della Memoria”

In occasione della Giornata della Memoria, Rifondazione Comunista e il comune di Stazzema, Ravenna, invitano a sottoscrivere una legge che punisca la propaganda nazifascista.