sabato, Ottobre 31, 2020

Francia, gli animali non saranno più sfruttati al circo: ora è legge

Lo ha annunciato la ministra alla Transazione ambientale Barbara Pompili: “È giunta l’ora che il fascino ancestrale per questi animali selvatici non si traduca più in situazioni in cui la cattività passa prima del loro benessere”. Stop anche agli allevamenti di visoni.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

La Francia cambia passo sulla tutela dei diritti animali: stop allo sfruttamento di animali selvatici nei circhi itineranti, divieto alla riproduzione di orche e delfini in cattività, niente più allevamenti di visoni per la loro pelliccia. “È giunta l’ora che il fascino ancestrale per questi animali selvatici non si traduca più in situazioni in cui la cattività passa prima del loro benessere” ha detto la ministra alla Transazione ambientale Barbara Pompili alla vigilia della prima conferenza Onu sulla biodiversità. “Circhi e altre realtà dovranno reinventarsi, con il sostegno dello Stato” ha aggiunto riferendosi agli 8 milioni di euro stanziati dal governo francese per aiutare la riconversione dei circhi e dei lavoratori nei parchi acquatici.

Francia, una sentenza storica per i diritti animali

La transizione avverrà per gradi, nel rispetto dei diritti degli animali ormai in gabbia e degli imprenditori e lavoratori del settore. È bene ricordare che il provvedimento riguarderà i soli circhi itineranti e non le strutture e gli spettacoli stanziali. Ma le questioni da affrontare rimangono comunque tante. In primis, la sorte di oltre 500 felini che non possono certo essere lasciati in libertà ma andranno ricollocati in qualche modo. “Soluzioni andranno trovate caso per caso, per ogni circo e ogni animale” ha sottolineato Barbara Pompili. Ciò rende impossibile fissare date ultime da rispettare, ma secondo la ministra “stabilire una data non risolve tutti i problemi. Abbiamo dato il via ad un processo affinché ciò accada quanto prima”. Si dicono soddisfatti le associazioni per i diritti animali. Sottolinea la Lav:

Si tratta comunque di una notizia davvero storica se consideriamo che la Francia, insieme ad Italia e Spagna, registra il maggior numero di compagnie circensi in Europa, la maggior parte delle quali utilizza animali.

Leggi anche: Italia, cuore del traffico illegale di bertucce. Lav: “Stop al commercio di animali esotici”

La Francia tutela i diritti animali: mai più delfinari

La città di Parigi aveva vietato l’attendamento di circhi con animali già dal novembre 2019. Oggi il governo francese è tornato sulla questione, ma con idee certamente più concrete in merito. Entro il 2026 scatterà il divieto totale di usare animali selvatici a scopo di intrattenimento nei circhi itineranti. E nei tre delfinari presenti in Francia non saranno introdotti nuovi delfini né orche. È vietata la loro riproduzione in condizioni di cattività e non si potranno più aprire nuove attività. L’obiettivo in questo caso è concludere la procedura entra 7 o 10 anni.

Diritti animali, vietato l’allevamento di visoni per pellicce

diritti animali
Allevamento di conigli Orylag, animali appositamente selezionati e brevettati in Francia per la produzione di pellicce.

Entro 5 anni verranno vietati anche gli allevamenti di visoni per la produzione di pellicce. Attualmente in Francia sono quattro gli allevamenti attivi ed era da tempo che ambientalisti e animalisti rivendicavano la necessità di riforme in tal senso. La Francia non può ancora dirsi fur-free, ha ricordato la Lav, poiché dalla transazione definita dal governo per tutela dei diritti animali restano fuori gli allevamenti di conigli Orylag, animali appositamente selezionati e brevettati in Francia per la produzione di pellicce. La strada verso il traguardo è ancora lunga, ma un grande passo in avanti è stato fatto.

Anche in Italia da tempo si dibatte sull’abolizione degli allevamenti degli animali da pelliccia, ma senza posizioni statali forti al momento. Nel 2019 nel Paese erano ancora attivi circa 10 allevamenti di visoni.

Leggi anche: A Dubai strage di gatti e cani randagi per l’Expo: “Animali lasciati morire nel deserto”

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Ultimi

Addio a Sean Connery. A 90 anni è morto il James Bond più amato del mondo

Lutto nel mondo del Cinema internazionale, a 90 anni è morto Sean...

Tra e-commerce e delivery, il panettone farcito arriva a casa tua

Restare a casa e uscire solo se strettamente necessario. Questa è la...

Beatrice Venezi, new entry nella squadra sanremese di Amadeus

Un altro importante riconoscimento per Beatrice Venezi: farà parte della giuria delle...

Bioedilizia e costruzioni sostenibili, quando anche l’abitare diventa green

La bioedilizia si innesta su quel filone green che guarda a un futuro di crescita e sviluppo al passo con la tutela ambientale, che vuole rimettere al centro il paesaggio naturale, rendendolo protagonista della sua evoluzione.

Halloween ai tempi del Covid, a rischio dolcetto o scherzetto

Dolcetto o scherzetto? La tradizione della festa di Halloween la notte del 31...