martedì, Gennaio 26, 2021

Elezioni Usa: Barbie sfida Trump. Il figlio su twitter: “Imbrogliona perché dem”

Alle Elezioni Usa 2020 scende in campo anche Barbie ma per incoraggiare le ragazze a impegnarsi in politica. Il figlio di Trump la accusa di essere una imbrogliona dem.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

La data per le prossime presidenziali americane è stata fissata per il 3 Novembre 2020. Tra i vari sfidanti di Donald Trump ce n’è una che proprio al presidente in carica non va giù. Soprattutto a Donald Junior. E dire che non è la prima volta che questa particolare candidata corre alle elezioni Usa. Stiamo parlando di Barbie, la bambola della Mattel più famosa del mondo. Barbie candidate fa tremare il giovane Trump.

Barbie, incoraggia le donne in politica

I profili di Barbie per le Elezioni Usa 2020 della Campagna Mattel.

Non è la prima volta che Mattel impegna la sua Barbie in messaggi costruttivi per il superamento degli stereotipi sociali e di genere, con campagne atte a valorizzare le ragazze e a ridurre le disparità in campo educativo e professionale. Lo fa dal 1992 e la collezione per la campagna presidenziale 2020 non è da meno. Pensata in collaborazione con She Should Run, un’organizzazione no-profit che promuove programmi ed eventi finalizzati ad incoraggiare le donne a candidarsi e a seguire una carriera di leadership. Secondo quanto dichiarato al Los Angeles Times dall’azienda:

Barbie non è, e non è mai stata affiliata ad alcun partito politico.

Leggi anche: Trump, per la prima volta Facebook gli rimuove un post

Per Trump Jr Barbie è una Dem imbrogliona

Il tweet di Donald Trump Jr su Barbie Candidate

La collezione di bambole della Mattel nella The 2020 Campaign Team presenta Barbie con abiti e ruoli diversi che contraddistinguono una campagna elettorale americana: la ragazza che si occupa della raccolta fondi campagna, la responsabile della campagna, la candidata e la Barbie votante. Proprio quest’ultima Barbie avrebbe fatto infuriare il figlio del Presidente Trump che su twitter, da poco reintegrato su questo social dopo una sospensione per fake news sul coronaviris, ha commentato:

La Barbie elettrice deve essere una democratica perché anche se sulla maglia ha l’adesivo “ho votato” ha ancora la scheda elettorale in mano.

Leggi anche: Trump contro Twitter: quando i social devono essere neutrali?

Barbie contro Trump alle presidenziali

Pronta è stata la replica di Mattel, nella persona di Lisa McKnight, vicepresidente senior di Barbie e Mattel, da sempre in prima linea per ispirare le leader del futuro attraverso il gioco intelligente:

Dal 1959, Barbie ha sostenuto le ragazze e le ha incoraggiate a diventare leader sia in classe, sia in comunità, e un giorno per la Nazione.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Ultime notizie

Cinque anni dalla scomparsa di Giulio Regeni, Mattarella: “L’Egitto dia risposte adeguate”

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella “in questo giorno di memoria” rinnova la solidarietà alla famiglia Regeni e chiede un impegno “comune per giungere alla verità”.

Olimpiadi Tokyo 2021, Italia verso l’esclusione. Entro mercoledì la decisione del CIO

Entro mercoledì 27 gennaio arriverà la decisione del CIO sull'esclusione dell’Italia dalle...

Covid, spunta l’idea di una zona rosso scuro in Europa: cos’è e quali le regole per viaggiare

Dall'Europa arriva l'idea di istituire la zona rosso scuro per indicare dove la circolazione del virus è molto alta. Ecco cos'è, pechè è necesssaria e quali sono le regole.

Brescia, arrestato primario: “Ha indotto la morte di pazienti Covid con farmaci non idonei”

È successo a Montechiari, presidio degli Ospedali Civili di Brescia. Il primario Carlo Mosca è ora accusato di omicidio volontario.

Manifestazioni e proteste in Russia e nel mondo per la liberazione di Alexey Navalny

Mentre l'ormai noto oppositore di Putin, Alexey Navalny, è in carcere, in Russia, ma non solo, si rivendicano democrazia e libertà e si chiede la liberazione del dissidente avvelenato.