domenica, Settembre 20, 2020

Trump contro Twitter: quando i social devono essere neutrali?

Clarice Subiaco
Clarice Subiacohttps://medium.com/@ClariceSubiaco
Classe 1986, passato di studi umanistici e presente nel mondo dei dati. In mezzo, esperienze di lavoro come Digital PR, Content Strategist e Project Manager per startup e agenzie internazionali. Ama raccontare l'innovazione che ha un forte impatto sociale.

Finnegan e Maxwell, due anni, sono due amici, che non vedendosi da tanto tempo, si corrono incontro per abbracciarsi e farsi le feste. Il commovente video, girato lo scorso anno, è diventato virale in queste settimane durante le proteste per l’uccisione di George Floyd, come simbolo di uguaglianza e fratellanza.

A cosa assomiglia la felicità? Probabilmente a quella di questi due bambini che si incontrano per caso per strada.I bimbi, Maxwell (26 mesi) e Finnegan (27) si conoscono da circa un anno."Hanno iniziato a correre e ho fatto appena in tempo a tirare fuori il telefono per registrare la scena", ha detto alla Cnn il padre di Maxwell, Michael Cisneros. "Con tutta la cattiveria che c'è là fuori penso si tratti proprio di un video bellissimo" <3

Pubblicato da Corriere della Sera su Martedì 10 settembre 2019

Il video pubbicato da Trump

Cosa c’entra Trump con questo? Lo stesso video è stato condiviso pochi giorni fa dal Presidente degli Stati Uniti sul suo profilo Twitter con un messaggio molto diverso da quello originale. La clip manipolata riporta la scritta: “bambino terrorizzato scappa da bambino razzista – il bambino razzista probabilmente vota Trump”, con tanto di logo della CNN. Naturalmente l’emittente americana non ha mai diffuso un contenuto del genere e Twitter ha prontamente segnalato il post come “contenuto manipolato”.

trump pubblica video manipolato
Il video manipolato pubblicato da Trump

In realtà si trattava di un’opera satirica realizzata dall’account @carpedonktum, noto per i suoi “meme” pro Trump. Tuttavia, dal momento che il contenuto è stato condiviso senza alcuna didascalia da un account di un personaggio pubblico che conta oltre 82 milioni di utenti, il rischio di generare una fake news virale sarebbe stato molto alto e ciò spiegherebbe l’azione censoria della piattaforma.

Ma questo è soltanto l’ultimo, in ordine di tempo, di una serie di scontri che vanno avanti da alcune settimane, tra il Presidente degli Stati Uniti e il social dei cinguettii fondato da Jack Dorsey nel 2006.

Le tappe della guerra tra Trump e Twitter

Il primo post incriminato è stato quello relativo alle votazioni per posta che alcuni Stati vorrebbero adottare per ovviare alle limitazioni imposte dal Covid-19. In un tweet il Presidente Trump afferma che tale metodologia sarebbe fraudolenta, ma Twitter decide che si tratta di un’affermazione falsa e applica al cinguettio del presidente USA un’etichetta di “fact-checking” che rimanda a un articolo della CNN.

Tweet di trump sulle votazioni per posta
Trump definisce le votazioni per posta come “fraudolente”

Il secondo episodio riguarda invece l’oscuramento di un post che in maniera esplicita esortava all’uso della violenza per reprimere le rivolte causate dall’uccisione del cittadino afroamericano George Floyd da parte di alcuni poliziotti. In questo caso Twitter ha deciso di nascondere il tweet, ma non di rimuoverlo perché di “pubblico interesse”.

Il tweet oscurato di Trump
Il tweet oscurato

Il terzo episodio riguarda un video pubblicato sempre sui profili social di Trump legato ancora una volta alla vicenda di George Floyd. Il video è stato rimosso sia da Twitter sia da Facebook perché includeva materiali coperti da copyright.

Tweet di Trump su George Floyd
Il video commemorativo di George Floyd rimosso da Twitter per presenza di materiali coperti da copyright.

La risposta di Jack Dorsey

Alle accuse di censura, Jack Dorsey, CEO di Twitter risponde:

Ciò non ci rende arbitri della verità. La nostra intenzione è di connettere i puntini tra affermazioni incoerenti e mostrare l’informazione in contraddittorio in modo in modo che le persone possano giudicare da sole. Una maggiore trasparenza da parte nostra è fondamentale affinché le persone possano vedere chiaramente cosa c’è dietro le nostre azioni

Jack Dorsey
La risposta del fondatore di Twitter

La reazione di Trump

E Trump? Di certo non è rimasto a guardare e con un ordine esecutivo, il 28 maggio, ha prontamente dato mandato alla Federal Communication Commission di rivedere la sezione 230 del Communication Decency Act del 1996, che sostiene la non responsabilità dei fornitori di servizi online come piattaforme social e forum di ciò che viene pubblicato su di essi.

Cosa dice la sezione 230 del Communication Decency Act

In base a questa legge dunque, le aziende informatiche, non rispondono legalmente dei contenuti pubblicati sulle loro piattaforme poiché rappresentano solo un supporto e non dei mezzi di informazione vera e propria come stampa, radio e tv. Secondo Trump, quando i social network si comportano come giornali – decidendo cosa possa o non possa essere pubblicato dagli utenti – dovrebbero essere trattati alla stregua dei giornali anche legalmente e quindi essere ritenuti responsabili di ciò che viene pubblicato dai loro iscritti.

Se la proposta di modifica di Trump verrà approvata, lo scenario della comunicazione mondiale potrebbe cambiare drasticamente. Anzi, pare abbia già iniziato a far tremare i titoli dei social network: dopo le minacce a mezzo social di Trump, il titolo di Facebook ha perso l’1,32% e nelle contrattazioni di pre-apertura è ancora in rosso; il 27 maggio Twitter ha ceduto il 2,76% e negli scambi che precedono la campana di Wall Street ha perso più del 4%.

Una legge anacronistica

Al di là della questione politica, se si pensa che Google sia nato 2 anni dopo questa legge, se ne intuiscono anche i limiti dovuti a degli sviluppi che al tempo non si potevano prevedere. Con la loro nascita le piattaforme social hanno dato a tutti la possibilità di esprimersi in luoghi virtuali aperti al mondo intero. Ma tanta libertà è finita fuori controllo. È per questo che nel corso degli le piattaforme come Facebook, Twitter, YouTube, hanno iniziato ad implementare delle forme di moderazione per limitare la diffusione di contenuti inneggianti all’odio, alla violenza alla pornografia e la diffusione di fake news. Infine, lo scandalo di Cambridge Analytica ha messo in luce l’effettiva non neutralità dei social ed è per questo che oggi si rende davvero necessario rivedere quella legge.

I social devono essere neutrali?

A questa spinosa domanda è difficile rispondere. Quasi un anno fa, Mark Zuckerberg annunciava che i contenuti prodotti dai politici non sarebbero stati sottoposti a fact-checking come avviene invece per quelli degli utenti comuni, poiché di pubblico interesse. Questa decisione ha portato Facebook ad essere accusata di essere pro-Trump al punto che proprio nelle ultime settimane, diversi dipendenti hanno deciso di lasciare l’azienda.

tweet dipendente facebook
Un dipendente di Facebook lascia l’azienda a causa delle policy pro Trump.

È innegabile che ciò che avviene sulle piattaforme social influenzi l’opinione pubblica ed è per questo che è importante che queste facciano il possibile per diffondere informazioni corrette e verificate. È anche vero che chi usa queste piattaforme  dovrebbe assumersi la responsabilità delle proprie affermazioni tanto più se si è un personaggio molto influente a livello globale. Un tweet anche ironico fatto dal Presidente americano ha delle conseguenze diverse da quello di uno sconosciuto. Twitter ha fatto bene? Difficile dirlo. Sicuramente ha sollevato una questione spinosa che politica e società tech dovranno affrontare.

di Clarice Subiaco

Clarice Subiaco
Clarice Subiacohttps://medium.com/@ClariceSubiaco
Classe 1986, passato di studi umanistici e presente nel mondo dei dati. In mezzo, esperienze di lavoro come Digital PR, Content Strategist e Project Manager per startup e agenzie internazionali. Ama raccontare l'innovazione che ha un forte impatto sociale.

Correlati

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Libellula significato, simbologia e leggende

Libellula significato e spiritualità. Un insetto dai mille colori che affascina con il suo volo leggero incarnando diversi significati a seconda delle culture

Ultimi

Ecco chi sono e cosa fanno i figli dei VIP più famosi

Con la complicità dei social network, sono molti i figli dei VIP diventati famosi grazie ai loro cognomi privilegiati. Alcuni cavalcano solo un’onda, altri si sono distinti per le loro capacità. Scopriamo chi sono.

Covid-19, la scommessa degli esperti: vaccino a novembre

Con quasi 30 milioni di casi confermati in tutto il mondo, quella...

A casa di Paola Barale, un rifugio nel cuore di Milano

Un appartamento luminosissimo in stile urban chic, nella zona Porta Garibaldi di Milano, con vista mozzafiato su City Life. Ecco qualche curiosità sulla conduttrice.