venerdì, Agosto 14, 2020

Egitto, altri 45 giorni di detenzione per Patrick Zaky

Lo studente iscritto all’Università di Bologna, arrestato lo scorso 7 febbraio all’aeroporto del Cairo con l’accusa propaganda sovversiva dannosa per il regime di Al Sisi, ha ricevuto un rinnovo di ulteriori 45 giorni di detenzione.

Luca Tartaglia
Luca Tartaglia
Classe 88. Yamatologo laureato in Lingue Orientali, specializzato in Editoria e Scrittura, con un Master conseguito in Diritto e Cooperazione Internazionale. Ama dedicarsi a Musica e Cultura, viaggiare, “nerdeggiare” e tutto ciò che riguarda J. J. R. Tolkien

Il caso Zaky continua, e deve continuare, a far parlare di sé. Poche ore fa è arrivata dal Cairo (dalla rete di attivisti che segue la vicenda) la notizia di una proroga di 45 giorni della detenzione del giovane studente dell’università di Bologna. Un caso diplomatico spinoso e sentito dall’opinione pubblica italiana, particolarmente sensibile anche per l’irrisolto e travagliato caso dell’omicidio di Giulio Regeni avvenuto nel paese dei faraoni. L’Egitto, secondo diversi rapporti non governativi e intergovernativi, rimane uno Stato di paura costante, dove, per citare Amnesty International:

ci sono continue violazioni dei diritti umani – motivate dall’allerta contro il terrorismo e dallo stato di emergenza (ininterrotto dal 2017) – di cui a pagare le spese sono attivisti, giornalisti, e anche semplici cittadini. Arresti e detenzioni arbitrarie che durano mesi.

Zaky E Regeni egitto
10 luglio 2020 – Comune Di Casali Del Manco (CS)

Il Caso Zaky

Il giovane, di 27 anni, è un attivista presso l’Iniziativa egiziana per i diritti personali (Eipr) e ricercatore all’università di Bologna dove frequenta un master internazionale in Studi di genere. Condotto in carcere a febbraio, appena rientrato in Egitto dall’Italia per una breve vacanza, dopo che la procura di Mansoura gli aveva contestato i reati di “istigazione al rovesciamento del governo e della Costituzione”. In un secondo momento la procura gli ha ascritto anche i reati di “istigazione a proteste e propaganda di terrorismo sul proprio profilo Facebook”. Fin da subito, l’organizzazione di cui fa parte, la Eipr, aveva comunicato le condizioni critiche del ragazzo:

Patrick è stato picchiato, sottoposto a elettroshock, minacciato e interrogato in merito al suo lavoro e al suo attivismo. I legali ci hanno assicurato che sul corpo mostra segni visibili delle violenze.

Leggi anche: Patrick George Zaki nuovo Giulio Regeni, l’Italia aspetta ancora risposte

Nuove preoccupazioni su Zaky

Ora si trova in stato di detenzione nel carcere di Tora, dove due giorni fa è morto di Covid-19 il giornalista Mohamed Monir, anch’esso detenuto con accuse simili allo studente di Bologna. La morte del giornalista per coronavirus ha scatenato nuove preoccupazioni per Zaky. In particolare aveva fatto sperare la notizia di un possibile rilascio del giovane ricercatore, cose che non è avvenuta, e anzi ha visto un rinnovo di altri 45 giorni di detenzione. Bisogna rimarcare come i prigionieri politici in Egitto possono essere trattenuti, senza processo, per mesi o anche per anni, in condizioni disumane e senza accesso a cure mediche. Condizioni che vengono descritte nello specifico da diverse Ong e organizzazioni per i diritti umani. Il portavoce di Amnesty International Italia Riccardo Noury, commentando questa nuova decisione delle autorità egiziane, afferma:

una decisione inumana (il rinnovo della prigionia Ndr), arbitraria che consegna Patrick alla prigione di Tora per un tempo lungo nel quale le autorità egiziane immaginano che noi dimenticheremo la sua sorte. Sbagliano, questo è certo.

Leggi anche: Muore suicida Sarah Hijazi, l’attivista Lgbt torturata nelle carceri egiziane

Il Caso Regeni

Le similitudini con il caso Regeni sono tristemente evidenti. Giulio Regeni, giovane ricercatore italiano dell’università di Cambridge, viene ucciso in una data imprecisata tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio 2016. Si trovava in Egitto per svolgere una ricerca sui sindacati indipendenti egiziani presso l’Università Americana del Cairo. Il caso del suo assassinio ebbe un grande clamore mediatico e portò a diversi scontri diplomatici. Nell’aprile 2016 il Presidente del Consiglio Gentiloni richiamò l’ambasciatore italiano al Cairo, per protestare contro l’atteggiamento di omertà e depistaggio delle autorità egiziane. Le indagini hanno portato a scoprire che Regeni era sorvegliato dalla polizia egiziana per le sue attività di ricerca, quindi durante questi anni si è sempre più delineata una “complicità” istituzionale legata all’omicidio. Fatto anche supportato dai diversi tentativi di depistaggio messi in atto dalla polizia e dalla magistratura egiziana (ultimo ma non ultimo l’arresto del consulente legale della famiglia Regeni in Egitto, nel 2019). Il corpo di Giulio Regeni fu rinvenuto il 3 febbraio 2016, con evidenti segni di tortura, contusioni varie e abrasioni, in un fosso lungo la strada Cairo-Alessandria. Lo scrittore Erri de Luca si pronunciò così sul caso:

Ci hanno propinato contraffazioni e depistaggi, abbiamo fatto grandi passi avanti in un anno. Stiamo scippando nomi e verità al governo egiziano. Abbiamo tenacia e pazienza e non ci fermeremo.

Giulio Regeni omicidio Egitto (1)
Manifestazione per chiedere:”Verità per Giulio Regeni”

I rapporti Italia-Egitto

Nel corso di questi mesi sono state diverse le iniziative a livello istituzionale italiano ed europeo e anche di mobilitazione pubblica e mediatica (sia su Zaky sia su Regeni, basti pensare ai famosi braccialetti gialli). Il perché è annidato nella volontà in primis di avere giustizia sul caso Regeni, in secondo luogo evitare che si ripeta con Zaky. Nonostante le molte manifestazioni di solidarietà con lo studente egiziano, i rapporti tra i nostri due paesi rimangono complessi. Il perché risiede nei rapporti commerciali “stretti” tra i due. Proprio lo scorso giugno c’erano state delle tensioni nella maggioranza sull’accordo con il Cairo per la vendita di due fregate militari italiane, facenti parte di una commessa militare più grande di circa 9 miliardi di euro. In aggiunta, va ricordato che oltre all’Eni, si aggiungono circa 130 aziende italiane di stanza in Egitto che producono un giro di affari per circa 2,5 miliardi di dollari. A giugno Erasmo Palazzotto, deputato di Liberi e Uguali, si espresse così riguardo i rapporti Conte-Al Sisi:

La scelta del governo tradisce le promesse fatte alla famiglia Regeni. Da tempo, nonostante la dichiarata disponibilità di Al Sisi, l’Egitto non collabora all’indagine giudiziaria sul sequestro e l’omicidio del ricercatore friulano.

Luca Tartaglia
Luca Tartaglia
Classe 88. Yamatologo laureato in Lingue Orientali, specializzato in Editoria e Scrittura, con un Master conseguito in Diritto e Cooperazione Internazionale. Ama dedicarsi a Musica e Cultura, viaggiare, “nerdeggiare” e tutto ciò che riguarda J. J. R. Tolkien

Correlati

Bari, a 11 anni si offre volontario per ripulire la scuola dai graffiti

A 11 anni si offre volontario per aiutare coloro che stanno ripulendo...

Angela, minacce e insulti dopo “Non ce n’é Coviddì qui”. No, non andrà tutto bene

Angela, dopo un'intervista, minacce e bullismo. La prova che non solo non siamo diventati migliori, ma che la deriva d’odio della società va a gonfie vele.

Migranti, la storia di Mustapha che parla ai giovani gambiani: “Non avventuratevi in Europa”

Mustapha Sallah è originario del Gambia. È stato incarcerato e torturato in Libia. Sopravvissuto per miracolo, da allora cerca di sensibilizzare i giovani africani sui rischi dell'emigrazione illegalmente: “Non importa quanto la vita sia difficile qui, è meglio di quello che vivreste avventurandovi nel viaggio verso l’Europa”.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

“Sul Covid quante bugie ci hanno raccontato”: l’intervista al Professor Bacco

Abbiamo il diritto di discernere la verità dalla menzogna sul Coronavirus e guardare con lucidità al futuro, dando spazio a punti di vista differenti. L'intervista al Professor Pasquale Mario Bacco.

Ultimi

Coronavirus, ultimo monitoraggio: “In 9 regioni Rt sopra 1. Sono 225 i nuovi focolai”

Il report del ministero della Salute e dell’Istituto superiore di Sanità dell’ultima settimana parla di “importanti segnali di allerta per un possibile aumento della trasmissione”.

I pessimisti muoiono prima rispetto alla media. Lo studio

Secondo un nuovo studio australiano, pubblicato sulla rivista Nature “vi sono indicazioni che atteggiamenti ottimisti e pessimisti possano avere effetti sulla biochimica del cervello e del sangue”.

Bonus casalinghe, Gasparrini:” Il vero ammortizzatore sociale dell’Italia”

Il Decreto Agosto guarda alle donne. Un’apertura da non sottovalutare con il...

L’OMS nomina Mario Monti presidente della Commissione sulle politiche sanitarie UE

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha istituito una commissione europea per la salute e lo sviluppo sostenibile al fine di “ripensare le priorità relative alle politiche da attuare alla luce della pandemia.

Coronavirus, la stretta del governo sulle misure di sicurezza. Ecco cosa cambia

Ieri, dopo il vertice tra governo e Regioni, si sono delineate alcune nuove regole in vigore da oggi e valide fino al 7 settembre.