martedì, Aprile 20, 2021

“È la crisi più straziante della nostra vita”: Airbnb licenzia 1900 persone

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

La crisi economica provocata dal coronavirus colpisce duro non solo le piccole e medie imprese, ma anche grandi nomi come Airbnb. Il colosso mondiale degli affitti brevi ha annunciato il licenziamento del 25% dei dipendenti.

Il mondo in quarantena ferma gli spostamenti

Ogni Paese è confinato nel proprio perimetro. L’impossibilità di viaggiare e di muoversi ha fatto drasticamente crollare il mercato del turismo. Il Ceo di Airbnb Brian Chesky ha annunciato ai dipendenti che l’azienda licenzierà 1.900 persone, il 25% del totale che conta 7.500 persone in 24 Paesi.

È dura da affrontare e sarà ancora più difficile per chi dovrà lasciare Airbnb. Stiamo vivendo la crisi più straziante della nostra vita e, mentre iniziavano a svilupparsi, i viaggi globali si sono arrestati. Il business di Airbnb è stato colpito duramente. Le previsioni per quest’anno dicono che le entrate saranno meno della metà di quelle del 2019.

Leggi anche: Mobilità green: bonus 500 euro per l’acquisto di biciclette e monopattini

Aver ridotto i costi non è bastato

Prima della drastica decisione del licenziamento, che avverrà in maniera diversa da Paese a Paese, Airbnb aveva provato a ridurre i costi di marketing e pubblicità, bloccando anche nuove assunzioni. Ma non è bastato, confida in una nota Chesky:

Dobbiamo affrontare due dure verità: non sappiamo esattamente quando si tornerà a viaggiare e quando accadrà sarà tutto diverso. L’attività di Airbnb si riprenderà, ma i cambiamenti che subirà non avranno durata breve. Per questo, dobbiamo concentrare la nostra forza lavoro attorno a una strategia aziendale più mirata.

Leggi anche: Coronavirus Fase 3: quando inizierà e cosa prevede

Anche Uber licenzia il 14% del personale

ll leader del noleggio auto con conducente licenzierà complessivamente 3.700 dipendenti sui suoi 26.900 totali, soprattutto nei comparti dell’assistenza clienti e di recruiting team. Lo stesso amministratore delegato della società, Dara Khosrowshahi, ha deciso di rinunciare al suo stipendio per tutto il resto dell’anno, che nel 2019 ammontava a un milione di dollari.

uber
Uber licenzia il 14% del personale.

Un nuovo modo di viaggiare

Secondo il leader di Airbnb, quando si potrà di nuovo viaggiare, le persone preferiranno mete vicine alla loro casa, sicure e più convenienti. Il futuro del turismo come era inteso da questa grande community dei viaggi sarà diverso, e anche Airbnb dovrà rivedere nuove esigenze aziendali:

Quando abbiamo avviato Airbnb, tutto ruotava attorno ad appartenenza e connessione. Persone comuni che ospitano (i viaggiatori) nelle loro case e offrono esperienze.

Leggi anche: Elisa: “Lascio la mia barca a vela e torno a fare il medico nel reparto d’urgenza”   di Catiuscia Ceccarelli

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Ultime notizie