giovedì, Novembre 26, 2020

Dieci anni fa moriva Pietro Taricone. Kasia Smutniak: “Era puro istinto”

A dieci anni dalla morte di Pietro Taricone, Kasia Smutniak posta una foto del Nepal su Instagram per ricordarlo attraverso la sua dote più preziosa, la generosità.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Dieci anni fa moriva Pietro Taricone in un incidente con il paracadute. Il noto concorrente del primo Grande Fratello, poi diventato un bravissimo attore, amava questo spot estremo. Condivideva la passione insieme alla sua compagna Kasia Smutniak. Una foto postata su Instragram dall’attrice per ricordarlo ha suscitato tenerezza.

La morte di Pietro Taricone

Kasia Smutniak e Pietro Taricone

Il 28 giugno 2010, Pietro e Kasia si lanciano con il paracadute partendo dall’aviosuperficie Leonardi di Terni. In quel maledetto lancio, però, per Pietro qualcosa non va come avrebbe dovuto. Forse un errore nel calcolo dei tempi di apertura del paracadute lo porterà a schiantarsi al suolo. Segue la corsa all’ospedale di Terni con l’elisoccorso. Taricone aveva riportato un arresto cardiaco, fratture multiple e una emorragia interna. Tutta Italia era in apprensione perché Pietro era voluto bene da tutti. Con un intervento chirurgico durato nove ore i medici hanno cercato di fare il possibile ma Pietro morì poco dopo le 2.30 del 29 giugno lasciando nello sconforto più totale sua figlia, la piccola Sophie che all’epoca aveva 6 anni e la sua compagna Kasia Smutniak.

Leggi anche: https://www.ildigitale.it/grave-incidente-stradale-per-alex-zanardi-a-pienza/

Pietro Taricone, tra cinema e tv

Kasia Smutniak e Pietro Taricone erano una coppia bellissima nel mondo dello spettacolo, ma poco sotto i riflettori del gossip. Amavano vivere in campagna con la loro bambina. Pietro Taricone, dopo la grande popolarità ottenuta nella casa televisiva più spiata d’Italia non ha cavalcato l’onda del momento. Ha studiato recitazione per diventare un bravo attore, e ci stava riuscendo. I successi sono arrivati con Distretto di Polizia 3 nel 2002. L’anno dopo arriva il cinema con Ricordati di me di Gabriele Muccino e Radio West di Alessandro Valori, dove conosce Kasia Smutniak. Indimenticabili il ruolo di Ermanno in Tutti pazzi per amore e quello dell’ispettore Vito Sorrentino ne La Nuova Squadra.

Leggi anche: https://www.ildigitale.it/moglie-zanardi-salvatelo-se-speranza/

Kasia e il tenero ricordo di Pietro Taricone

Pietro Taricone
La foto del Nepal postata su Instagram da Kasia Smutniak.

La foto postata sul suo profilo Instagram dalla Smutniak ha un significato molto profondo, che i suoi followers hanno capito da subito. Sono due bambini di spalle in Nepal, nel Mustang. Il pensiero nei commenti è andato subito a Pietro:

Sempre con Te, con Voi.

Oppure:

Onore a Pietro.

Leggi anche: https://www.ildigitale.it/lascio-tutto-e-parto-per-un-viaggio-intorno-al-mondo-la-storia-dei-milijan/

Pietro Taricone in Nepal

Proprio in Nepal, la Fondazione Pietro Taricone Onlus nata per volontà dell’attrice polacca dopo la scomparsa del suo compagno, porta avanti un progetto di solidarietà per quella comunità asiatica come la realizzazione di una scuola frequentata da 56 bambini. In una sua intervista, riportata anche dal Messaggero, la stessa Kasia spiega il loro legame con quella terra:

Siamo stati una volta sola in Mustang io e Pietro. Una volta sola. E tanto è bastato per innamorarsi di quel posto, della cultura, della gente. Non avrei mai pensato che esattamente 8 anni dopo sarei tornata, da sola con una figlia, per costruire una scuola! Tutto è cominciato da Pietro. Un giorno è tornato a casa con un’idea, una delle sue tante idee pazze, urlando “Andiamo in Nepal! Pietro era così, puro istinto con la curiosità di un bambino, e la voglia matta di fare tutto subito.

Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli
Catiuscia Ceccarelli, giornalista e imprenditrice, si occupa di personaggi, interviste, attualità e lifestyle. Segni particolari? Mamma di Matilde

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 12 eserciti più potenti al mondo?

Ti sei mai chiesto quali sono i 12 eserciti più potenti al...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Ultimi

È morto Maradona per arresto cardiocircolatorio

La fine di una leggenda: a 60 anni muore Diego Armando Maradona,...

La rinascita di Mila, grazie a un farmaco su misura per lei

Mila ha otto anni ed è affetta da un rarissimo disturbo neurologico. Gli scienziati sono riusciti a creare un farmaco su misura per lei. Quali i risvolti etici?

Tragedia a Palermo, bambina cade e muore a scuola. Aveva appena 10 anni

Tragedia a Palermo, nella scuola media Vittorio Emanuele Orlando. Nella mattinata di...

Femminicidio a Padova, uccide moglie incinta: la violenza sulle donne non si ferma, neanche oggi

Oggi, nella giornata della lotta contro la violenza sulle donne, si è...

Plastica biodegradabile che si dissolve in acqua, la rivoluzione di Sharon Barak

L'ultima innovazione della scienza verso un'economia sempre più verde è la plastica biodegradabile: non inquina. Si dissolve in acqua in pochissimi secondi e resta così pulita da poter esser perfino bevuta.