martedì, 9 Marzo 2021

Da fedeli a follower il passo è breve: arriva l’App per pregare con il Papa

Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re. Classe 1990, "Umanista 4.0", è autore e redattore per Triwù, società di comunicazione scientifica, dove si occupa di tecnologia e filosofia. Scrive online su riviste tra cui Linkiesta, Il Tascabile, L’indiscreto e Quaderni d’Altri tempi. È Presidente fondatore dell’associazione CON.CRE.TO., impegnata nell’organizzazione di eventi culturali e interdisciplinari nella città di Milano.
“La religione è deuteroscopia”, diceva Feuerbach due secoli or sono nel suo fantastico pamphlet “Lo spirito del cristianesimo”.
Per gli amici del terzo millennio: la religione è allucinazione. Ci vide lungo il filosofo tedesco, perché – mutatis mutandis – siamo giunti alla creazione dell’applicazione scaricabile per pregare insieme al Papa. Tutto vero – dal 20 Gennaio potete downloadare infatti “Click to Pray” – titolo didascalico quanto risibile della prima applicazione ufficiale del Vaticano.

Il papa ha assaporato i succosi frutti social e ci ha preso gusto

Scherzi a parte, la vera ironia sta nel fatto che la notizia non ci scandalizza più di tanto. Era solo questione di #tempo, prima che anche il Santo Padre si aprisse alle gioie terrene del digital, dopo aver assaporato i succosi frutti dei profili social ufficiali con il favoloso tag @pontifex. Ora, i timorati di Dio avranno l’opportunità incredibile di poter connettersi direttamente con Papa Bergoglio e pregare con lui, scegliendo tra la sessione mattutina, pomeridiana e serale. Altra caratteristica interessante, l’applicazione permette di leggere le preghiere altrui (da ogni angolo del globo) e far leggere le proprie. Si va dalla richiesta per una rapida guarigione di una persona cara all’augurio per il superamento di una prova impegnativa. Non manca poi la sezione “Prega col papa” – vera attrazione principale dell’Applicazione – e, naturalmente, quella della tradizionale Donazione alla comunità. In questo caso, l’enorme tribù mondiale di “Click to Pray”… Che dire: da fedeli a follower il passo è molto (troppo) breve. Oppure no?
di Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re. Classe 1990, "Umanista 4.0", è autore e redattore per Triwù, società di comunicazione scientifica, dove si occupa di tecnologia e filosofia. Scrive online su riviste tra cui Linkiesta, Il Tascabile, L’indiscreto e Quaderni d’Altri tempi. È Presidente fondatore dell’associazione CON.CRE.TO., impegnata nell’organizzazione di eventi culturali e interdisciplinari nella città di Milano.

Correlati

Ho’oponopono, 4 semplici frasi per cambiare la propria vita

L’ho'oponopono è un tipo di meditazione di origini hawaiane che permette di cambiare completamente...

Cos’è il patto infermiere-paziente? Quando un infermiere è indispensabile?

Mai come durante questa emergenza pandemica è stato evidente come la crisi del settore sanitario sia arrivato a trascurare, fino a negarlo, uno dei diritti fondamentali della persona: il diritto alla salute.

Achille Lauro tra musica e arte: “Ecco i quadri che hanno ispirato le mie maschere al Festival”

Achille Lauro, l'ospite più visionario, spettacolare, imprevedibile, atteso e discusso di Sanremo 2021. In...