giovedì, Agosto 13, 2020

Ha il figlio malato: i colleghi le donano 471 giorni di ferie per stargli vicino

Martina Mugnaini
Martina Mugnaini
Martina Mugnaini. Classe 1991. Nata e vissuta a Roma, ha un forte legame con le sue origini fiorentine. Laureata in Filologia Moderna alla Sapienza e giornalista, ama scrivere di tutto quello che riguarda l’arte, la letteratura, il teatro e la cultura digitale. Da anni lavora nel campo della comunicazione e del web writing interessandosi di tutto ciò che riguarda l'innovazione. Bibliofila e compratrice compulsiva di libri di qualunque genere, meglio se antichi: d'altronde “I libri sono riserve di grano da ammassare per l’inverno dello spirito” e se lo dice la Yourcenar sarà vero.

Un episodio che fa notizia, una rarità, un caso eccezionale. Eppure non dovrebbe essere così. Siamo talmente abituati a leggere notizie diverse che rimaniamo stupiti trovandoci di fronte a situazioni di solidarietà, empatia e comprensione. È il caso di una donna che ha chiesto aiuto nell’azienda dove lavorava per stare vicino al figlio gravemente malato e sostenerlo. La sua richiesta, 30 giorni di ferie solidali. Sperava nel buon cuore dei tanti colleghi ma non si aspettava di essere sommersa da un mare di adesioni e generosità. Risultato: ben 471 giorni di ferie donati, oltre un anno e mezzo. Sono stati 215 i lavoratori che si sono mobilitati per venire incontro alla richiesta di aiuto di questa madre, dipendente di un’azienda sanitaria di Treviso. Leggi anche: Modena, l’iniziativa di due ragazze per aiutare i clochard

Il Veneto, una regione in cui le gare di solidarietà sono all’ordine del giorno

Il Veneto non è nuovo a questo tipo di situazioni ed è un primato di cui andare sicuramente fieri. Come non ricordare il caso del dipendente della Tessitura Monti al quale i colleghi hanno garantito la possibilità di seguire il figlio malato di leucemia. Oppure i lavoratori della Breton di Castello di Godego che si sono autotassati per consentire a una famiglia di superare il lutto della morte di un figlio. Fino ad ora però si è parlato di azienda private, nel pubblico non era ancora accaduto. Nonostante le donazioni di ore lavorative siano state introdotte ufficialmente dal Jobs Act nel 2015, i precedenti, come abbiamo detto, hanno riguardato solo aziende private. Fino ad ora. La richiesta della donna è arrivata sulla scrivania di Filippo Spampinato, responsabile delle risorse umane della ULSS 2 del Veneto, nel mese di gennaio. La difficile situazione di una dipendente che aveva assoluta necessità di seguire il percorso terapeutico del figlio ha fatto attivare subito il protocollo. I dipendenti avevano la possibilità di aderire e cedere le proprie ferie dal 4 al 12 febbraio. La risposta è stata immediata e completamente inattesa. Nonostante il poco tempo a disposizione è la novità della procedura all’interno della sanità pubblica, nessuno si è fatto pregare e ha donato quanto poteva. “Vista l’urgenza ci siamo mossi in anticipo sull’accordo sindacale, ma col pieno sostegno delle sigle. L’esito di questa gara di solidarietà è stato sorprendente” ha confermato lo stesso Spampinato. Leggi anche: Riuscito il trapianto del piccolo Alex: il bimbo sarà dimesso   di Martina Mugnaini  

Martina Mugnaini
Martina Mugnaini
Martina Mugnaini. Classe 1991. Nata e vissuta a Roma, ha un forte legame con le sue origini fiorentine. Laureata in Filologia Moderna alla Sapienza e giornalista, ama scrivere di tutto quello che riguarda l’arte, la letteratura, il teatro e la cultura digitale. Da anni lavora nel campo della comunicazione e del web writing interessandosi di tutto ciò che riguarda l'innovazione. Bibliofila e compratrice compulsiva di libri di qualunque genere, meglio se antichi: d'altronde “I libri sono riserve di grano da ammassare per l’inverno dello spirito” e se lo dice la Yourcenar sarà vero.

Correlati

Bari, a 11 anni si offre volontario per ripulire la scuola dai graffiti

A 11 anni si offre volontario per aiutare coloro che stanno ripulendo...

Angela, minacce e insulti dopo “Non ce n’é Coviddì qui”. No, non andrà tutto bene

Angela, dopo un'intervista, minacce e bullismo. La prova che non solo non siamo diventati migliori, ma che la deriva d’odio della società va a gonfie vele.

Migranti, la storia di Mustapha che parla ai giovani gambiani: “Non avventuratevi in Europa”

Mustapha Sallah è originario del Gambia. È stato incarcerato e torturato in Libia. Sopravvissuto per miracolo, da allora cerca di sensibilizzare i giovani africani sui rischi dell'emigrazione illegalmente: “Non importa quanto la vita sia difficile qui, è meglio di quello che vivreste avventurandovi nel viaggio verso l’Europa”.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Maxi concorso al Comune di Roma: 1500 nuove assunzioni. Tutto quello che c’è da sapere

L’atteso concorso annunciato dal Campidoglio probabilmente sarà pronto per la seconda metà di agosto. Si cercano 1500 dipendenti in diversi profili, da assumere entro la primavera 2021. Causa Covid, le selezioni avverranno a distanza.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

“Sul Covid quante bugie ci hanno raccontato”: l’intervista al Professor Bacco

Abbiamo il diritto di discernere la verità dalla menzogna sul Coronavirus e guardare con lucidità al futuro, dando spazio a punti di vista differenti. L'intervista al Professor Pasquale Mario Bacco.

Ultimi

Coronavirus, ultimo monitoraggio: “In 9 regioni Rt sopra 1. Sono 225 i nuovi focolai”

Il report del ministero della Salute e dell’Istituto superiore di Sanità dell’ultima settimana parla di “importanti segnali di allerta per un possibile aumento della trasmissione”.

I pessimisti muoiono prima rispetto alla media. Lo studio

Secondo un nuovo studio australiano, pubblicato sulla rivista Nature “vi sono indicazioni che atteggiamenti ottimisti e pessimisti possano avere effetti sulla biochimica del cervello e del sangue”.

Bonus casalinghe, Gasparrini:” Il vero ammortizzatore sociale dell’Italia”

Il Decreto Agosto guarda alle donne. Un’apertura da non sottovalutare con il...

L’OMS nomina Mario Monti presidente della Commissione sulle politiche sanitarie UE

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha istituito una commissione europea per la salute e lo sviluppo sostenibile al fine di “ripensare le priorità relative alle politiche da attuare alla luce della pandemia.

Coronavirus, la stretta del governo sulle misure di sicurezza. Ecco cosa cambia

Ieri, dopo il vertice tra governo e Regioni, si sono delineate alcune nuove regole in vigore da oggi e valide fino al 7 settembre.