venerdì, 23 Aprile 2021

Covid: è boom di limoni amalfitani usati come disinfettanti

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Per i coltivatori di limoni di Amalfi la pandemia si è trasformata in una vera occasione. A differenza di quasi tutti i settori agricoli, la domanda e il prezzo dell’agrume, in questo difficile periodo, sono aumentati. Proprio a causa del virus, sul mercato è venuta meno la competizione di paesi come Argentina e Spagna.

La produzione di limoni in Amalfi non si arresta

E ora le aziende amalfitane sono rimaste le uniche a fornire alla grande distribuzione limoni italiani con buccia edibile. Racconta Carlo De Riso, presidente Op Costieragrumi di Minori, in un’intervista a Business Insider Italia:

Soddisfare le esigenze della grande distribuzione è stato più difficile per via della fuga di manodopera. Le aziende hanno fatto molti corsi di formazione per invogliare gente a venire a lavorare perché, soprattutto all’inizio, la paura nelle persone era tanta. Nonostante tutto abbiamo ripreso.

“Un prodotto miracoloso”

L’Italia è il secondo produttore al mondo di limoni, con 25mila ettari coltivati e una produzione di 4 milioni di quintali nel 2019. E in tempi di Covid è grande boom per le aziende amalfitane. Il limone viene usato comunemente in cucina, ma è anche un ottimo disinfettante ed è molto richiesto per le sue proprietà terapeutiche. Continua Carlo De Riso:

Possiamo parlare di un prodotto miracoloso, sia per le sue proprietà salutari, sia perché ha salvato la nostra economia. Grazie ai nostri limoni siamo riusciti a riprendere il lavoro e a non vivere la situazione che molti altri stanno vivendo in agricoltura.

Leggi anche: “Il cibo non si butta”: Too Good To Go, l’app per la lotta agli sprechi alimentari di Elza Coculo

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Correlati

Il 2020 è stato l’anno dell’oceano tranquillo: cosa ha significato

Il lockdown ha frenato i movimenti via mare e ciò permetterà agli studiosi di analizzare l’impatto che i rumori umani hanno sulla fauna marina.

Stop alle gabbie negli allevamenti europei: a che punto sono i lavori della Commissione europea?

Il Parlamento europeo sostiene la campagna End the Cage Age, che chiede l’eliminazione dell’uso delle gabbie: in attesa il voto della Commissione. Italia tra i Paesi con più animali rinchiusi

Agrivoltaico, la sinergia tra agricoltura e pannelli solari

Fin da quando esiste l’agricoltura, la primaria fonte di benessere e resa delle piante...