sabato, Luglio 11, 2020

Copyright vs Internet, a rischio la libertà digitale

2
Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re. Classe 1990, "Umanista 4.0", è autore e redattore per Triwù, società di comunicazione scientifica, dove si occupa di tecnologia e filosofia. Scrive online su riviste tra cui Linkiesta, Il Tascabile, L’indiscreto e Quaderni d’Altri tempi. È Presidente fondatore dell’associazione CON.CRE.TO., impegnata nell’organizzazione di eventi culturali e interdisciplinari nella città di Milano.
Avevamo parlato in precedenza dell’importanza della votazione del Parlamento Europeo sulla legge per il copyright digitale. Importante perché alcuni articoli di quel documento potrebbe impedire il libero utilizzo di immagini da usare per i social media, per esempio per i nostri amati meme, mezzo precipuo della comunicazione web.
Dopo due lunghi anni di attesa il testo della direttiva è finalmente pronto, aspettando la disamina del Parlamento Europeo. E, dobbiamo dirlo, non è un bel testo: i nostri timori si sono in parte avverati.

Filtri e restrizioni: cosa dice la direttiva

In primo luogo l’articolo 11 dichiara che i piccoli editori dovranno espressamente fornire il permesso scritto per ogni ripubblicazione delle notizie tramite una licenza.
E già questo basterebbe a far capire come si renderebbe farraginoso un sistema – la Rete – che per sua natura è invece agile e dinamico. Lo ha sostenuto anche Tim Berners-Lee, il quale creò proprio il World Wide Web 30 anni fa, al CERN di Ginevra, per veicolare velocemente grandi quantità di informazioni.
Proseguendo la lettura, poi, ci si imbatte anche nel celebre articolo 13, quello che prevederebbe filtri per l’uploading di immagini. Una sorta di dogana anti-meme, come abbiamo detto, ma non solo. L’articolo 13 della direttiva Copyright dichiara infatti che tutte le piattaforme web che consentono il caricamento di immagini da parte degli utenti – i social media, per esempio – dovranno munirsi di licenze per tali contenuti multimediali.
Questa regola vale per tutti? Non proprio, perché nella direttiva sul Copyright di Internet vengono ammesse eccezioni per siti o imprese che:
1) Siano aperti da meno di 3 anni
2) Abbiano un fatturato annuo inferiore a 10 milioni
3) Abbiano meno di 5 milioni di visitatori al mese
Dulcis in fundo, ci imbattiamo nell’articolo 3: un confuso giro di parole per dire che gli autori possono impedire qualsiasi utilizzo da parte di terzi, a meno che si tratti di questioni di ricerca.

Gli effetti della normativa sul digitale

Gli effetti che potrebbe produrre questa normativa sul Copyright sul digitale sono numerosi e nefasti. Innanzitutto è quasi fisiologicamente impossibile per una piattaforma online possedere i diritti di tutti i contenuti multimediali che possono essere caricati. In aggiunta, per impedire il caricamento di contenuti protetti da Copyright da parte degli utenti, questi siti dovranno armarsi dei celebri filtri: ma, come ben sappiamo, la fauna dei contenuti digitali non è monodimensionale. Questi tornelli virtuali dovranno infatti saper filtrare testi, immagini, melodie, ritmi, volti, disegni, modelli 3D et coetera.
Questi filtri, insomma, saranno costosissimi. E a non poter permetterseli saranno proprio le piccole aziende e i piccoli siti web, alimentando ancor di più l’oligopolio mediatico che già infesta Internet.

Voci critiche: Tim Berners-Lee e non solo

Come accennato, Berners-Lee e altri esperti del settore hanno levato un grido pubblico in favore della libertà di Internet, contro la direttiva sul Copyright. Con le testuali parole provenienti dalla lettera di monito inviata ad Antonio Tajani, presidente del Parlamento Europeo, Berners-Lee e gli altri paladini della libertà digitale affermano:
L’articolo 13 della direttiva Copyright minaccia Internet perché, sebbene anche noi siamo tutti creatori di contenuti e vogliamo rispetto per le nostre creazioni, non è la giusta via per ottenere questi benefici. Internet è nato libero e opera per la libertà di parola e comunicazione – e questa direttiva sul Copyright uccide lo spirito di Internet.
Un vibrante invito per il Parlamento Europeo a riesaminare il testo della direttiva. Anzi, per il bene di Internet, il gruppo di pionieri digitali auspica la completa distruzione dell’articolo 13.
La direttiva Copyright, insomma, è un testo che appare nebuloso e pericoloso, che favorisce palesemente la grande editoria a detrimento delle piccole piattaforme digitali.
Dobbiamo stare all’erta, insieme.
Nuvole oscure si stanno addensando sulle praterie digitali.
di Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re
Alessandro Isidoro Re. Classe 1990, "Umanista 4.0", è autore e redattore per Triwù, società di comunicazione scientifica, dove si occupa di tecnologia e filosofia. Scrive online su riviste tra cui Linkiesta, Il Tascabile, L’indiscreto e Quaderni d’Altri tempi. È Presidente fondatore dell’associazione CON.CRE.TO., impegnata nell’organizzazione di eventi culturali e interdisciplinari nella città di Milano.

Correlati

Ennio Morricone e quell’attimo di eternità su Piazza Navona deserta durante il lockdonw

Non c'è bisogno di cultura cinefila per amare Ennio Morricone, né di...

Linguaggio inclusivo contro razzismo e sessismo, ne parliamo con Vera Gheno

In seguito alle pressioni antirazziste del movimento Black Lives Matter, il brand...

Statale Milano e Sapienza Roma, nella top ten per la ricerca anticovid

La Statale di Milano e la Sapienza di Roma tra le prime dieci Università al mondo, impegnate nella ricerca contro Covid 19. Orgoglio italiano.

Popolari

Lucarelli, Ordine Giornalisti la deferisce: ecco la replica

Leon Pappalardo, il figlio minorenne di Selvaggia Lucarelli contesta pubblicamente Matteo Salvini...

Daniela Zanardi: “Fate di tutto per salvare Alex, purché ci sia speranza”

Il nuovo bollettino medico parla di rischio di eventi avversi che potrebbero aggravare ulteriormente le condizioni del campione. La moglie è con lui ma eviterebbe l'accanimento terapeutico.

Calendario Maya: il mondo finirà il 21 giugno 2020?

Secondo un’errata interpretazione del calendario, la vera fine del mondo non sarebbe stata il 21 dicembre 2012 ma sarà il 21 giugno 2020. La bufala che sta facendo impazzire il web.

Olivia Paladino, giovane, elegante e in carriera. Ecco chi è la fidanzata di Giuseppe Conte

Figlia della Roma bene, più giovane del Premier di circa 15 anni, mamma di una adolescente e manager del prestigioso Hotel di famiglia. Incuriosisce la vita della First Lady italiana.

Tiziano Ferro: “Un figlio con mio marito grazie al fostering”

Tiziano Ferro e il marito stanno pensando di avere un figlio. Tra le strade da percorrere, il fostering, una specie di affidamento temporaneo.

Ultimi

ISTAT, produzione industriale +42,1%: Stiamo uscendo dalla crisi?

Pubblicati i dati dell’Istituto nazionale di statistica che comunica: “A maggio 2020 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale aumenti del 42,1% rispetto ad aprile”.

Jennifer Aniston e Tom Hanks infuriati: “Chi non usa la mascherina si vergogni”

Da quando ha aperto il profilo Instagram, l’attrice Jennifer Aniston è sotto...

Conte verso proroga stato di emergenza Covid al 31 dicembre

L’Italia non è ancora fuori pericolo dal rischio contagi da Covid 19....

Esiste una legge per salvarsi dai debiti. Ecco come funziona

Esiste una legge per salvarsi dai debiti. È la Legge 3/2012 istituita...

Razzismo, perché Coca-Cola e altri brand ritirano la pubblicità da Facebook

I più grandi brand al mondo stanno bloccando la pubblicità su Facebook in segno di protesta per le sue politiche sui diritti civili.