martedì, Maggio 11, 2021

Boris Johnson annuncia nuovo lockdown del Regno Unito, chiuse le scuole

La comunicazione è arrivata lunedì sera e sarà legge da mercoledì, ma il primo ministro ha chiesto ai cittadini britannici di rispettarne le regole sin da ora. Preoccupa la nuova variante del virus.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Il primo ministro britannico Boris Johnson lunedì sera con un discorso in diretta televisiva comunica il nuovo lockdown del Regno Unito.

La decisione del governo inglese arriva per cercare di attenuare la diffusione del contagio nel Paese e alleggerire la pressione sul sistema sanitario in difficoltà. A preoccupare soprattutto la nuova variante del virus che si diffonde con rapidità molto superiore rispetto a prima e il numero quotidiano di morti, aumentato del 20%, ricorda Johnson.

Boris Johnson annuncia il nuovo lockdown del Regno Unito

È record di contagi nell’Isola. La decisione del Governo è quella di un nuovo lockdown fdel Regno Unito, il terzo dall’inizio della pandemia.

La maggiore velocità con cui si diffonde la nuova variante del virus, il 50/70 % più rapidamente rispetto a prima dicono gli scienziati, sta mettendo in crisi il sistema ospedaliero del Paese.

“Gli ospedali potrebbero collassare in 21 giorni” ed è “allarmante e frustrante” dice Johnson. Gli sforzi fatti sin ora sembrano vanificati.

Unica nota positiva è la possibilità del vaccino, che si offre come la miglior prospettiva per fronteggiare la diffusione del virus. “Mentre i vaccini vengono somministrati – ha detto il primo ministro inglese ai cittadini – dobbiamo sforzarci per fermare questa nuova variante del Covid, pertanto dichiaro un nuovo lockdown del Regno Unito”.

Leggi anche: Il vaccino anti Covid causa infertilità nelle donne? Ecco cosa c’è da sapere

Terzo lockdown del Regno Unito in vigore da mercoledì, chiuse le scuole

nuovo lockdown del regno unito
Nuovo lockdown del Regno Unito, Time Square è già deserta.

L’annuncio del nuovo lockdown del Regno Unito arriva lunedì sera in diretta Tv e sarà legge dal mercoledì, ma il primo ministro ha chiesto ai cittadini britannici di rispettarne le regole sin da ora:

Si potrà uscire di casa solo per lavorare, fare attività motoria, per ragioni di salute e per fare la spesa nei negozi essenziali.

Le scuole di ogni ordine e grado saranno chiuse.

E si potrà uscire, dice Johnson nel suo discorso, “per sfuggire a violenza domestica”.

Chiuse anche le scuole di ogni ordine e grado. E mentre l’Italia continua a fare confusione sulle riaperture delle scuole per il nuovo anno 2021, Boris Johnson annuncia che per il supporto della didattica a distanza il governo fornirà nuovi pc e tablet ai ragazzi e quelli in maggiore difficoltà riceveranno anche supporto per i pasti. La speranza è quella di riaprire la scuola a febbraio, dice Johnson, ma sarà possibile solo “se tutti faranno la loro parte”.

La nuova variante sudafricana potrebbe resistere al vaccino

Nelle ultime 24 ore sono 58.785 circa i nuovi contagiati nel Regno Unito. Un numero record che impressiona gli scienziati e che ricorda i momenti più bui di inizio pandemia.

Il contagio dilaga il 50/70% più velocemente rispetto a prima, gli ospedali potrebbero collassare nel giro di qualche settimana e, dulcis in fundo, gli scienziati inglesi temono che la nuova variante del virus, la 501.V2 anche detta sudafricana, possa resistere all’attuale vaccino.

Il Regno Unito ha iniziato la campagna vaccinale prima degli altri paesi europei e attualmente è prima in Europa per numero di vaccini inoculati. Dopo aver somministrato anche la seconda dose prevista dal vaccino Pfizer al personale sanitario e agli ospiti delle RSA, dice Johnson, il Regno Unito partirà con la vaccinazione di massa sulla popolazione.

Leggi anche: Covid, la variante inglese del virus è in Italia

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Ultime notizie