domenica, Novembre 29, 2020

Bielorussia, rapita l’esponente dell’opposizione Maria Kolesnikova

Secondo la ricostruzione di un testimone oculare, delle persone con il volto coperto l’hanno spinta in un furgoncino e sono scappate via. Sono 70 gli oppositori spariti nel nulla in Bielorussia nelle ultime settimane. Altri 6mila sono in prigione.

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Bielorussia, continuano per il quarto fine settimana consecutivo le proteste contro il presidente Alexander Lukashenko. Domenica in 100mila a Minsk ne hanno chiesto le dimissioni. Ma Lukashenko non arretra di un solo centimetro. Secondo le informazioni del ministero dell’Interno bielorusso, infatti, nel weekend sono stati almeno 100 gli arresti in tutta la Bielorussia e alcuni video diffusi sui social network mostrano le violenze di agenti con il passamontagna durante i fermi.

Intanto, lunedì mattina una dei leader dell’opposizione bielorussa, Maria Kolesnikova, sarebbe stata rapita da uomini incappucciati non identificati nel centro di Minsk, nella zona del museo nazionale d’arte. All’inizio i giornali locali avevano parlato di arresto, informazione presto smentita dal dipartimento di polizia di Minsk. Lo staff di Kolesnikova ha fatto sapere a Euronews che la donna non è più raggiungibile da lunedì mattina alle 10. Nelle ultime settimane sono circa 70 gli oppositori di Lukashenko spariti nel nulla in Bielorussia. Altri 6mila sono in prigione.

Maria Kolesnikova è stata rapita

La notizia del rapimento di Maria Kolesnikova è stata diffusa dal sito locale di notizie Tut.by, che ha riportato la testimonianza di una donna presente al momento del rapimento. La testimone ha raccontato di aver visto degli uomini incappucciati costringere Maria Kolesnikova a salire su un minibus e portarla via:

Stavo camminando quando ho visto Maria nei pressi del Museo. L’ho riconosciuta e stavo per andare da lei, per ringraziarla. Poi ho pensato che dovesse essere stanca e ho lasciato perdere. Sono passata oltre ma a quel punto ho sentito il suono di un telefono che cadeva sull’asfalto, mi sono girata, e ho visto che delle persone in abiti civili e mascherate che spingevano Maria in questo minibus. Il suo telefono era volato via e una di queste persone lo ha raccolto, è saltata a bordo nel minibus e se ne sono andati.

La donna ha anche ammesso di non aver avuto il coraggio di filmare la scena con il suo telefono per paura di essere lei stessa fermata. Oltre a Kolesnikova non sarebbero più reperibili anche altri tre membri del consiglio di coordinamento dell’opposizione: Anton Rodnenkov, Ivan Kravtsov e Maxim Bogretsov.

Leggi anche: Bielorussia, scontri e feriti dopo l’ennesima vittoria di Lukashenko

Cosa succede in Bielorussia

Bielorussia
Bielorussia, Minsk. Dmenica 6 settembre erano oltre 100mila i manifestanti nella Capitale. Altri cortei di protesta hanno sfilato a Brest, Vitebsk e Grodno.

L’economia del Paese è “sull’orlo del baratro” e i bielorussi “non hanno più paura di Lukashenko”. Per questo, da settimane ormai, la popolazione si riversa in piazza per manifestare il proprio dissenso, dice Daragh McDowell, analista della società di consulenza globale “Veris Maplecroft”, intervistato da Al Jazeera. E, scrive il Guardian, le proteste proseguono anche durante la settimana, ogni giorno, con persone che si riuniscono nei cortili dei condomini per contestare Lukashenko. I manifestanti domenica, dopo aver sfilato con bandiere bianche e rosse, il colore della prima bandiera della Bielorussia indipendente, hanno ironizzato sul sostegno del presidente russo Vladimir Putin, con striscioni come “Sponsor del nostro giorno di festa è Putishenko”, gioco di parole fra i cognomi dei due presidenti.

Il Presidente, invece, dall’inizio delle proteste sostiene che i manifestanti sono manovrati dai paesi occidentali e primo ministro russo Michail Mišustin, la scorsa settimana in visita a Minsk, ha detto che la Bielorussia non dovrebbe cedere a “pressioni esterne”.

Leggi anche: Perché l’Europa non riconosce il risultato del voto in Bielorussia

Elza Coculo
Elza Coculo
Elza Coculo, 30 anni, di adozione romana. Lettrice appassionata con formazione in Studi italiani. Laureata in Editoria e Scrittura. Redattrice per Il Digitale. Amo scrivere di attualità e cultura eco-sostenibile.

Popolari

Coronavirus, tornerà a settembre con nuovo lockdown: sì o no?

Il rischio di un nuovo lockdown a settembre sembra farsi più concreto. Cosa ne pensano gli esperti? E come farsi trovare pronti?

Ti sei mai chiesto quali sono i 20 eserciti più potenti al mondo?

20) Spagna Indice della forza militare: 0,3388Popolazione totale: 49.331.076Personale...

Nuove regole Inps sulla quarantena: l’isolamento fiduciario a casa non è malattia

Diversamente da quanto stabilito nel decreto Cura Italia, l’isolamento domiciliare non sarà automaticamente equiparato alla malattia. Ecco cosa c’è da sapere.

Finanziamenti a fondo perduto 2020: tutti i bandi

La lista dei bandi a fondo perduto 2020 nazionali e regionali. Quali sono, chi può chiederli e come fare per ottenerli.

Ultimi

Online dating: la guida definitiva alle app di incontri in rete

Parlare di online dating è per certi versi ancora un tabù. Per...

Ci lascia David Prowse, il mitico Darth Vader di Star Wars

Il celebre attore è morto questa domenica all’età di 85 anni. La scomparsa è stata annunciata della sua agenzia con un messaggio su Twitter.

Utah, scomparso il misterioso monolite di metallo

Era stato avvistato lo scorso 18 novembre in un remoto deserto ad ovest degli Stati Uniti. Le ipotesi sulla sua origine le più fantasiose. Ad ogni modo, il monolite è stato rimosso, ma è ancora mistero.

Cos’è il cambiamento climatico e come influenzerà la nostra e le future generazioni

Sempre più spesso sentiamo parlare di cambiamento climatico, riscaldamento globale, catastrofi ambientali...

Le 10 frasi più pronunciate da Conte durante la pandemia. Una è virale

Giuseppe Conte è ufficialmente al Governo dal 1 Giugno 2018, con rinnovo...